Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Chance mondiale per Domenico Spada | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Chance mondiale per Domenico Spada

spada vs markovic 1Domenico Spada (+ 38, 19 per ko, – 4), 33 anni, è al settimo cielo, visto che ha ottenuto una nuova chance mondiale dopo i due match disputati con Sebastian Zbik tra il 2009-2010. Le trattative erano in corso da tempo dopo che la WBC aveva deciso di reinserire nella sfida mondiale il messicano Marco Antonio Rubio (+ 58, 50 per ko, – 6, =1), dopo che questi era stato sconfitto da Julio Cesar Chavez jr., accusato di essersi presentato ad un peso superiore. Chavez a sua volta veniva superato dall’argentino Sergio Martinez, che al rientro dopo un infortunio stava tergiversando per disputare un match con Miguel Cotto e non con Rubio, designato sfidante. Per questo l’ Ente istituiva un mondiale ad interim con il nostro pugile, da tempo ai primi posti nella categoria. Dopo una serrata trattativa tra Giulio Spagnoli, nuovo procuratore di Spada, e Oswaldo Kuchle di Promociones del Pueblo il match si farà in Messico il 5 aprile con località da stabilire. Kuchle cercherà di far disputare il titolo a Torreon Coahuila de Zaragoza dove risiede Rubio.

C’è molta attesa in Messico per questa sfida con la speranza che Rubio diventi il secondo campione del mondo nei medi per la nazione dopo Julio Cesar Chavez Jr. Ma c’è la consapevolezza che non sarà un match facile per l’idolo locale conoscendo la quotazione del pugile romano, anche lui alla ricerca del gran colpo con cui continuare una carriera da primattore. Il sogno, per ora proibito, di Domenico Spada è quello di disputare un mondiale a Roma. Potrebbe essere la volta buona se supererà Rubio. Parliamo di due pugili solidi dotati di buona potenza, una sfida particolare tra “Veneno” e “Vulcano”, i due soprannomi quasi anagrafici nel mondo del pugilato. Domenico sa che in Messico sarà tutto in salita a cominciare dal fuso orario e dal clima, ma la posta in palio è troppo importante per non giocare le sue carte.

 (Al. Br.)

Foto di Marco Chiesa