Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Il 27 febbraio a Roma il mondiale per la pace con protagonista Marsili | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Il 27 febbraio a Roma il mondiale per la pace con protagonista Marsili

Nuovo-Poster-del-24-febbraio-724x1024 come oggetto avanzato-1La nuova data del campionato mondiale per la pace è sabato 24 febbraio, al Palazzetto dello Sport di Roma (in piazza Apollodoro 10), con inizio alle ore 19.00, ingresso ad invito. La conferenza stampa di concerto con il ministero per lo Sport è prevista per mercoledì 14 febbraio alle 12.00 presso la sala Monumentale in Largo Chigi 19. Seguirà invito ufficiale.

Il campionato mondiale per la pace è organizzato dall’Opi 82 in collaborazione con la Federazione Pugilistica Italiana, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Ministro per lo Sport, del CONI e di Roma Capitale. Si tratta di un evento di grande spessore sia sportivo che culturale la cui finalità è sostenere le popolazioni colpite dal sisma in Italia e in Messico attraverso Scholas – Box Val Foundation. I protagonisti sono due dei migliori pesi leggeri in circolazione: l’imbattuto italiano Emiliano Marsili (35 vittorie, 14 prima del limite, e 1 pari) ed il messicano Victor Betancourt (22 vittorie. 10 per ko, e 1 sconfitta). Combatteranno sulla distanza delle 12 riprese, la stessa prevista per i titoli mondiali.

Emiliano Marsili è abituato ad affrontare e sconfiggere avversari di alto livello, anche in casa loro. Come ha fatto il 20 gennaio 2012, al prestigioso Olympia di Liverpool (Inghilterra) quando ha battuto per ko tecnico al settimo round l’idolo locale Derry Matthews per il vacante titolo mondiale dei pesi leggeri dell’International Boxing Organization. Il 1° agosto 2015, allo stadio comunale Cetorelli di Fiumicino, Emiliano ha compiuto un’altra grande impresa superando ai punti il messicano Gamaliel Diaz, ex campione del mondo dei pesi superpiuma WBC. Infatti, Marsili è tranquillo come al solito riguardo all’esito del match contro Victor Betancourt.

“Mi sto allenando da tre mesi con il maestro Mario Massai ed il preparatore atletico Gino Lauro – spiega Emiliano – ed ero pronto a combattere sabato 27 gennaio. Il rinvio della manifestazione al 24 febbraio, mi ha indotto a cambiare il programma di allenamento: avevo mandato via i pugili con cui faccio sparring perché durante la settimana che precede il match non scambio pugni sul ring. Li ho avvisati che a breve riprenderemo con lo sparring. Ero sceso sotto il limite dei pesi superleggeri, ho ripreso qualche chilo e ricomincerò la dieta per rientrare nel limite il giorno prima del combattimento. Durante l’anno, peso anche nove chili in più. Con la dieta, li perdo in tre mesi. Il rinvio mi è anche servito per recuperare da un piccolo infortunio: mi ero fatto male alla mano colpendo il gomito del mio avversario. Quando si sale sul ring per un match importante, bisogna essere in perfette condizioni fisiche perché anche il più piccolo fastidio può condizionare la prestazione del pugile. In definitiva, il 24 febbraio sarò al top della forma e batterò Victor Betancourt”.

Riguardo al suo avversario, Emiliano Marsili ha le idee chiare: “Victor Betancourt è il classico pugile messicano che tira tanti pugni, dall’inizio alla fine del match, ed è più alto di me. Per abituarmi a combattere contro un avversario più alto, ho fatto sparring con il peso superleggero Andrea Scarpa che è alto 183 centimetri (mentre io sono alto 169 centimetri). Scambiare pugni con Michael Magnesi, invece, mi è stato utile perché combatte ad un ritmo altissimo, direi micidiale. Ho fatto parecchie riprese con il venezuelano Samuel Gonzalez, un pugile più rigido nei movimenti e che fa male quando picchia. Gonzalez ha combattuto per molti anni in Messico e conosce bene lo stile dei pugili messicani.”

Insomma, Emiliano sta affrontando questo impegno con la serietà e la determinazione che lo contraddistinguono. Durante tutta la sua carriera pugilistica, Emiliano ha alternato gli allenamenti al lavoro al porto di Civitavecchia. “La compagnia portuale di mi ha dato quaranta giorni di permesso per prepararmi al meglio alla sfida contro Betancourt – spiega Marsili – come hanno fatto per tutta la mia carriera dimostrandomi concretamente il loro sostegno e per questo devo ringraziarli. Devo ringraziare anche il mio promoter/manager Salvatore Cherchi, il mio co-manager Enrico Tantussi, il presidente del Coni Giovanni Malagò, il presidente della FPI Vittorio Lai ed il ministro dello Sport Luca Lotti per aver reso possibile la manifestazione del 24 febbraio.”

Il co-main event della manifestazione sarà il vacante campionato d’Europa dei pesi medi tra l’italiano Alessandro Goddi (33 vittorie, 2 sconfitte e 1 pari) e l’imbattuto polacco Kamil Szeremeta (16 vittorie consecutive). In apertura di manifestazione quattro incontri sulla distanza delle 6 riprese. Ne saranno protagonisti il peso piuma Giovanni Tagliola (6-2), il peso leggero venezuelano Samuel Gonzalez (16-5) ed i pesi supermedi Andrea Di Luisa (18-4) ed Ivan Zucco (1-0). I loro avversari saranno annunciati nei prossimi giorni.

(Comunicato OPI Since 82)