capt_14590c6067e845e7b8964ad348561722_japan_boxing_hasegawa_maludrottu__tok807.jpg di Riccardo D’Andrea

In un Prefecturale Gym stracolmo di gente accorsa a sostenere i propri beniamini conterranei il nostro Simone “bum bum” Maludrottu non riesce a spodestare il trono al giapponese Hozumi Hasegawa, che conserva per la quinta volta il titolo. Incontro attesissimo e fortemente voluto all’apice di una carriera magnifica per il nostro pugile, che si è presentato a questo match in forma assolutamente smagliante.

Ripercorriamo insieme le 12 riprese che potevano trasformarsi nel sogno di una vita per lo sfidante.
1° ripresa: entrambi i pugili molto mobili con il jab di Hasegawa che parte in continuazione seguito da serie veloci ma non pesanti che comunque gli permettono di fare sua la ripresa.
2° ripresa: match che diventa subito incandescente, un lieve scontro di teste, finito con un gancio sinistro da parte di Maludrottu che taglia l’arcata sopraccigliare del campione.
3° ripresa: è lo sfidante ad avanzare, guadagnando il centro del ring con scambi dalla lunga distanza ripresa a favore di Simone.
4° ripresa: entrambi fintano scatti improvvisi cambia guardia Maludrottu ora entrambi mancini velocizzano le azioni con un maggior numero di colpi da parte di Hasegawa.
5° ripresa: brutta ferita quella sull’occhio destro del campione sulla quale Maludrottu continuamente finisce l’azione mettendo in difficoltà l’avversario.
6° ripresa: guardia più aperta dello sfidante che sembra quasi voler invitare il suo avversario che appare più macchinoso e spesso va a vuoto.
7° ripresa: si apre subito con un preciso gancio sinistro di Maludrottu, il campione sembra in difficoltà, ma si muove bene e prova a riprendere in mano il match con colpi violenti dalla lunga distanza.
8° ripresa: Simone in un momento che sembrava a lui favorevole si concede troppe pause lasciando che Hasegawa cresca a vista d’occhio.
9° ripresa: punteggio parziale tutto a favore del campione anche se sembrano troppo generosi i giudici. Calo improvviso dello sfidante che sembra volersi risparmiare e cede alle serie veloci e precise del campione.
10° round:Hasegawa sembra aver scoperto nuove energie anche con quella ferita che non accenna a finire di sanguinare, per Maludrottu c’è solo qualche colpo isolato spesso a vuoto.
11° round: Hasegawa guardia bassa ora più sicuro mulina le braccia mettendo colpi di sbarramento che non permettono di attraversare la propria guardia.
12° round: il campione ormai sicuro della vittoria gira per il ring scivola lungo i colpi di Simone che prova e riesce a chiuderlo alle corde dove prova il tutto per tutto in quasi un minuto e mezzo di fuoco di scambi in completa apnea fermati solo dal gong della fine dl match.
Alla fine i cartellini parlano da se: 117-111, 116-112, 118-110 tutti a favore di Hasegawa che si conferma per la quinta volta campione dei pesi gallo wbc.
Tanto rammarico e lacrime amare per Simone Maludrottu consapevole di una splendida prestazione e di un mondiale che sicuramente non è una chimera!

Di Alfredo

5 pensiero su “Simone Maludrottu cede con onore”
  1. io so per certo cosa è successo. chi ha visto l’incontro può confermarlo.fino alla ottava ripresa vinceva simone. dopo che sono stati resi noti i cartellini l’allenatore e il pugile hanno capito che era finita. allora ha cercato di risparmiarsi per buttarlo giù alle ultime due. non c’è riuscito.P.S. per non parlare del taglio che aveva hasegawa dalla 2 ripresa. a parti inverse avrebberò sospeso immediatamente l’incontro.

  2. un grande simone maludrottu non riesce nel impresa ma siamo contenti a fatto tremare hasegawa per 12 riprese speriamo in un altro mondiale magari in sardegna il numero 1 sei sempre tu ora bisogna mandare avanti l’europeo con un esperienza mondiale…. questa e una boxe che non si dimentica …..

  3. Sarà difficile che i giapponesi concedano la rivincita al nostro campione.Nelle prime sette riprese, al di là del punteggio dei giudici,Hasegawa mi sembrava in difficoltà. In Europa la ferita del giapponese avrebbe richiesto la sospensione del match.C’ è sempre il titolo WBA: io credo che con un sacrificio economico delle Istituzioni sarde e della Televisione il russo Sidorenko accetterebbe di mettere in palio il suo titolo da noi. Forza Sardegna adesso tocca a Te. Maludrottu attende fiducioso.
    alfredo bruno

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi