ParmaVenerdì 28 il PalaRaschi di Parma  presenterà una sfida inedita che vedrà di fronte per il titolo italiano dei massimi leggeri la sfida tra Maurizio Lovaglio, detentore del Titolo, e Salvatore Erittu, lo sfidante. Un pugile piemontese contro un pugile sardo, per qualcuno dal di fuori rimane quasi incomprensibile la location, ma una logica c’è, perché a Parma dentro la palestra dove insegna Maurizio Zennoni il buon Tore ha ritrovato la forza, la grinta e soprattutto la volontà di risalire la china dopo la tremenda quanto inaspettata battuta d’arresto ad opera del romeno Giulian Ilie, subita oltrettutto davanti alla sua gente. Erittu all’epoca sembrava proiettato, da imbattuto e campione italiano verso traguardi internazionali. Indubbiamente non si era presentato al meglio della forma, per alcuni problemi cardiaci, ma una sconfitta prima del limite lascia sempre strascichi più che nel fisico nella mente, nella voglia di ricominciare, di rimettersi in discussione. Dopo oltre un anno di “esilio” dal ring l’anno scorso Tore ha ripreso coraggio ed è ricominciata la ricostruzione psico-fisica ad opera di un duo di qualità come può essere Adriano Guareschi, preparatore atletico e presidente della Boxe Parma, ed un tecnico-stratega del calibro di Maurizio Zennoni. Le tre vittorie ottenute diventavano un ghiotto antipasto per porre la sua candidatura al nuovo campione della categoria, quel Maurizio Lovaglio che ha conquistato il titolo contraddicendo i pronostici che vedevano in Damian Bruzzese, l’allora campione, grande favorito. Lovaglio nell’occasione disputando un match perfetto mise in vetrina tutte quelle qualità, che gli venivano riconosciute, ma che per certi versi rimanevano sottotraccia, compresa una non comune potenza che gli aveva fatto risolvere vari incontri prima del limite. Le strade di questi due pugili con percorsi diversi si sono finalmente incrociate per unirsi in una tappa fondamentale, perché Parma la sera del 28 febbraio diventerà il crocevia per far capire ad entrambi quale sarà la direzione giusta da proseguire.  

La serata, organizzata da Mario Loreni e dalla Boxe Parma, presenta oltre al clou un cartellone di prima classe con il rientro del massimo Gianluca Mandras, dopo oltre un anno, pronto a rilanciare le sue ambizioni; della partita saranno anche Ouerghi, Acatullo e Priore, beniamini del pubblico emiliano, che troveranno pane per i loro denti affrontando avversari di qualità, in quella che si presenta come una serata per rilanciare la grande boxe professionistica a Parma, che manca da quasi tre anni.

 

 

PalaRaschi , Parma, Emilia Romagna, Italia

Commissione: Federazione Pugilistica Italiana

Lega Pro Boxe

Promoter: Mario Loreni (Boxe Loreni)

Massimi Leggeri: Maurizio Lovaglio (+15, -9)  vs  Salvatore Erittu (+24, -1)  10 r.  (Titolo Italiano).

Massimi: Gianluca Mandras (+8, -2)  vs  Hrvoje Kisicek (+6, -7) 6 r.

Medi: Soufiene Ouerghi (5, -3) vs  Edo Cavrk (+3, -12) 6r. 

Superpiuma: Roberto Priore (+4, -3) vs Antonio Horvatic (+1, -2) 6r. 

 Superleggeri: Francesco Acatullo (+4, -1 ) vs  Luca Maccaroni (+6,-2) 6 r.

(Al. Br.)

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi