COMUNICATO STAMPA N° 07/2013
     LECCE 25 febbraio 2013

          Oramai è conto alla rovescia per il match più importante per la carriera di Antonio Santoro. Il pugile professionista leccese, prosegue la sua preparazione in vista della sfida contro Renato De Donato, valevole per il titolo italiano dei Superleggeri (fino a 63,503 kg). Santoro, all’età di 30 anni potrà salire sul ring per tentare l’assalto alla prestigiosa cintura nazionale. L’appuntamento è in programma per venerdì 8 marzo in terra lombarda; sarà difatti il Pala Iper di Monza ad ospitare una serata densa di emozioni. Oltre alla sfida De Donato vs Santoro, gli organizzator hanno programmato anche la sfida (valevole per il titolo italiano dei Supermedi) Lombardi vs Cocco e il match professionistico femminile tra Anita Torti e Floarea Lihet. Saranno invece sei gli incontri riservati agli atleti dilettanti chiamati ad incorniciare la kermesse.
          Tornando invece alla sfida di Santoro (portacolori della scuderia di Monia Cavini), affronterà sulla distanza delle dieci riprese, l’attuale campione in carica. De Donato, 26 anni milanese, in forza al Team Cavallari, ha esordito in Lega Pro Boxe, il 10 settembre 2010 totalizzando finora 11 vittorie e una sconfitta. Lo chiamano il “pugile chirurgo” per la precisione dei colpi e il gioco di gambe: «Non sono uno di quelli che incassano – spiega De Donato – Il pugilato non è uno sport solo di forza, ma anche di intelligenza. A me piace il gioco spettacolare come quello di Alì per intenderci. Un colpo e via, guardia bassa, testa sempre accesa».
          Santoro invece, ha esordito nei professionisti l’11 giugno del 2011 collezionando sette vittorie (due delle quali per ko) un pareggio e una sconfitta subita per ko e giunta nell’ultimo incontro disputato lo scorso 23 novembre contro Adriano Nicchi.
          Come sta ultimando Santoro, il lavoro di preparazione in vista del match contro De Donato?
          «Beh, in questo periodo continuo ad effettuare il programma con due sedute di allenamento quotidiano. La mattina preparo al meglio la parte aerobica con lunghe corse all’aperto, mentre nel pomeriggio insieme al tecnico Andrea Presicce (della Helios Boxe Lecce) ci rechiamo in palestra per curare l’aspetto tecnico. Ovviamente abbiamo visionato anche alcuni filmati del mio prossimo avversario, quindi stiamo cercando di definire nei particolari, i dettagli relativi alla strategia da adottare sul ring».
          Che avversario sarà De Donato
          «De Donato non ha certamente bisogno di particolari presentazioni. Lo conosciamo bene; oltre ad essere l’attuale campione italiano dei Superleggeri, si tratta di un pugile innanzitutto più alto di me e questo comporta inevitabilmente delle varianti nella strategia da adottare. Inoltre De Donato è dotato di una buona tecnica e riesce sempre a restare in linea e al contempo a controllare molto bene l’avversario. Comunque, sono pronto per salire sul ring a giocarmi le mie chance».
          Cosa rappresenta per Antonio Santoro la sfida al titolo italiano?
          «Di certo, il raggiungimento di un obiettivo. Al contempo però non ho per nulla intenzione di accontentarmi solamente di questo traguardo. Voglio salire sul ring e tentare di strappare dalle mani di De Donato la cintura di Campione d’Italia».
          Anche Lecce si prepara ad assistere al match
          «Sì, oltre al pubblico che seguirà l’incontro dal teleschermo, di concerto con il tecnico Presicce, abbiamo organizzato un pullman (da 55 posti a sedere) per raggiungere Monza. La partenza è prevista intorno alle ore 4,00 dell’8 marzo. A dire il vero c’è un po’ di amarezza per non essere riusciti ad organizzare questo evento proprio a Lecce ma da contraltare “fuori casa” riesco a gestire meglio le pressioni che giungono da bordo ring».

 UFFICIO STAMPA
Sandro Turco

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi