Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Fallisce l’assalto di Tommasone a Valdez. | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Fallisce l’assalto di Tommasone a Valdez.

di Giuliano Orlando

L’avellinese Carmine Tommasone (19-1), 34 anni, ci ha provato a conquistare il mondiale WBO dei piuma. Lo ha fatto sul ring del Ford Center at Star di Frisco nel Texas. Purtroppo  il messicano Oscar Valdez (25) che difendeva la cintura per la quinta volta, era fuori dalla sua portata. Superiore in tutto, gli ha concesso di restare sul ring sette round, prima della resa. Avvenuta con l’onore delle armi, poiché l’italiano ha mostrato coraggio e anche un’ottima base tecnica, annullata purtroppo dalla devastante potenza del campione,  confermata anche in questa occasione. Per Tommasone è la prima sconfitta lungo i nove anni di attività professionistica. Salvo la parentesi di giugno e i Giochi di Rio nel 2016, in cui prese parte al torneo di qualificazione a Vargas in Venezuela, in cui subì due sconfitte. Tolta questa presenza, prima del mondiale di Frisco, l’italiano di Avellino aveva sempre vinto, conquistando la cintura dell’UE (2015) e quella intercontinentale WBA (2016). A Frisco pronostico rispettato e conferma del messicano di Nogales, 28 anni alla quinta difesa, dopo la conquista avvenuta il 23 giugno 2016, battendo il picchiatore argentino Matias Rueda, a quel tempo imbattuto, con un record impressionante di 26 vittorie, delle quali  23 prima del limite, finito ko dopo due soli round. L’unico dubbio riguardava appunto l’aspetto psicologico del rientro, la sosta di un anno, dovuta alle conseguenze della sfida con l’inglese Scott Guigg (34-2-2) che pur perdendo nettamente gli fratturò la mascella. Valdez che nel frattempo ha sostituito il vecchio trainer Manny Robles,  affidandosi a Eddy Reynoso che prepara tra gli altri Saul Alvarez (51-1-2) il messicano più popolare del momento, ha confermato la devastante potenza che ha nei guantoni. In effetti Oscar è partito abbastanza abbottonato, dando a Tommasone l’iniziativa tanto da lasciargli il vantaggio del primo round. Il pugile campano, per nulla condizionato si è mosso bene sulle gambe e ha trovato bersaglio al viso di Valdez, comunque mai in pericolo. E’ stata l’unica ripresa assegnata al nostro. Nel secondo round il campione ha alzato il ritmo colpendo in particolare con colpi al corpo, senza sfruttare il maggiore allungo, col chiaro intendimento di togliere velocità sulle gambe all’italiano, l’arma principale per evitare la corta distanza, deleteria per la risaputa potenza del campione. Il match, pur orientato dal secondo round verso il messicano, è stato in equilibrio, anche nel terzo con Tommasone pronto alle repliche, anche se appariva chiaro l’abissale differenza di potenza. Valdez assorbiva senza difficoltà i precisi sinistri e anche qualche destro, mentre i suoi affondi erano terribilmente efficaci. Nel quarto la svolta: il campione chiude Tommasone alle corde, mette il montante destro a bersaglio due volte e ogni volta l’italiano è costretto al conteggio. Riprende con coraggio e tenta di  replicare, ma si capisce che è solo questione di tempo. Passa indenne il quinto tempo, ritrovando il movimento delle gambe, non così il sesto, con un ulteriore conteggio e al settimo round, dopo un pesante montante destro al plesso, va ancora al tappeto. Con coraggio riesce a rialzarsi, ma giustamente l’esperto arbitro Mark Nelson lo ferma. All’angolo dell’italiano una sommessa protesta, ma si capisce che fa parte del gioco. Tommasone è comunque lucido e alza i guantoni in alto per far capire che ha assorbito bene i colpi del campione. Al verdetto grandi abbracci in segno di reciproca stima, entrambi recano sul viso i segni della lotta. Tommasone ha un slabbratura sotto l’occhio destro, Valdez è segnato su quello sinistro. Al momento delle interviste, siparietto sentimentale fuori programma. Tommasone chiama sul ring la sua compagna Laura Ambrosone, si inginocchia e offrendole un anello, le chiede di sposarlo. Baci e abbracci tra i due e atmosfera di festa, col clan del campione che applaude.

Nelle interviste, del dopo match, lo sconfitto ammette di aver trovato un avversario troppo forte. “Valdez è veramente un terribile picchiatore, quando colpisce lascia il segno, specie al corpo, mi levavano il fiato. mi squassavano tutto. Con l’allenatore e i Cherchi, avevamo studiato la tattica giusta: muoversi in continuazione senza dargli bersaglio fisso. Ci ho provato ma quando mi fermavo per riprendere fiato, erano guai. Come tutti i messicani che amano lo scambio corto che fa spettacolo, scaricava bordate pesanti. Anche se era più alto non ha mai cercato i diretti. Sapeva perfettamente che doveva fermare il mio gioco di gambe e lo ha fatto. Io, purtroppo, non ho potenza, la mia è una boxe di precisione e contro un campione come Valdez non basta”.

Salvatore Cherchi il suo manager, ha elogiato la prova del suo amministrato. “Il messicano è uno dei più forti campioni di mondo e non solo nei piuma. Basta leggere il suo record per capirlo. Ricordo Valdez ai mondiali di Milano nel 2009, vincitore del bronzo a soli 18 anni. Per batterlo in semifinale ci volle quel fenomeno come era già Lomachenko. Sono passati 10 anni e Valdez ha confermato il suo valore”. 

Christian Cherchi, che guida l’attività dell’italiano, guarda al futuro, anche se Tommasone ha 34 anni: “Carmine ha perso con l’onore delle armi. Dopo un periodo di riposo, programmeremo la ripresa dell’attività e non è da escludere un ritorno negli USA. Il pubblico lo ha applaudito, quindi è piaciuto. Inoltre, in Europa, dove non ci sono Valdez, può dire la sua. Quando riprenderà lo presenteremo nella sua Avellino, sicuri che avrà un’accoglienza degna di un campione”.  Per contro il messicano ha già fatto saper che il suo sogno è quello di unificare il titolo battendo i detentori delle altre sigle a cominciare dall’inglese Josh Warrington (28), suo coetaneo, titolare IBF, non potente ma dalla tecnica raffinata,  vincitore di Lee Selby e Carl Frampton, i due connazionali di vertice nel 2018. Disposto a combattere anche in terra inglese. Dal che si capisce che il messicano, consapevole della sua potenza, intende monetizzare il titolo, nel modo migliore.

Nel ricco cartellone di Frisco, il russo Sergey Kovalev (33-3-1) si è ripreso il mondiale mediomassimi WBO, battendo largamente ai punti il colombiano residente in Canada,  Eleider Alvarez (24-1), 34 anni, che lo scorso agosto ad Atlantic City (Usa) lo aveva messo KO al settimo round, col russo avanti ai punti. Stavolta Kovalev, 35 anni, ha imposto la sua tattica ed è stato attento a non distrarsi, riportando una netta vittoria. Nei leggeri, il ghanese Richard Commey (28-2) si è imposto facilmente sul mancino russo Isa Chamev (13-2) finito KO al secondo round, diventando titolare IBF. L’altro russo Bakhram Murtazaliev, mantiene l’imbattibilità (11) superando il locale Elvin Ayala (29-18-1) 38 anni, per i titoli Usnbc del WBC.