Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Frampton unifica le cinture mondiali IBF e WBA | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Frampton unifica le cinture mondiali IBF e WBA

di Primiano Michele Schiavone

Manchester, Inghilterra, 27 febbraio 2016 – Il nord irlandese Carl Frampton ha mantenuto il suo titolo mondiale IBF dei pesi supergallo ed ha aggiunto la cintura WBA della categoria spodestando il locale inglese Scott Quigg, obbligandolo alla prima sconfitta dopo 32 successi (23 prima del limite) e 2 risultati di parità. Il combattimento è durato 12 riprese, come da programma, ed il risultato per l’unificazione delle due corone iridate è stato assegnato con decisione divisa: due 116-112 per Frampton, il vincitore, contro 115-113 per Quigg, lo sconfitto.

Il combattimento ha avuto due fasi distinte: la prima metà è stata scarsa di azioni degne di nota, la seconda ha avuto i due protagonisti impegnati alla ricerca del successo.

L’avvio del confronto è stato molto lento, con i due protagonisti intenti a studiare la tattica da usare.

Frampton ha fatto vedere qualcosa in più rispetto al suo avversario; Quigg, 27 anni compiuti, si è impegnato molto di più dal settimo round in poi, per non lasciare troppa iniziativa al suo oppositore.

Nella seconda fase del match i due pugili hanno tirato fuori tutto l’arsenale di cui disponevano, per convincere la terna giudicante sul governo del match. Evidentemente Frampton lo ha fatto meglio, se è riuscito a convincere due dei tre giudici, riscuotendo il successo finale, anche se diviso.

Frampton, 29 anni celebrati la una settimana, oltre che a portare a casa la sua seconda cintura mondiale, ha conservato la palma dell’imbattibilità con 22 trionfi su altrettanti combattimenti (14 anzitempo).

 

McDonnell sulla rampa Wbc

 

L’inglese Gavin McDonnell ha sconfitto il pagamense Jorge Sanchez con decisione unanime al termine di 12 riprese, valevoli per il vacante campionato Wbc Silver dei pesi supergallo. I cartellini della terna giudicante alla fine sono stati molto simili: 119-108, 118-109 e 118-110.

Il centroamericano ha iniziato all’insegna del suo nomignolo di battaglia “El Bufalo” con l’intento di sorprendere il tecnico avversario, che non si è lasciato intimorire ed ha risposto con efficacia; nel secondo tempo il panamense ha toccato il tappeto per effetto dei colpi al corpo portati dall’inglese, 30 anni il prossimo mese.

L’invitto pugile locale, già titolare British ed EBU delle 122-libbre, ha sfruttato la sua maggiore statura per avvantaggiarsi, ripresa dopo ripresa, sull’inconsistente aggressione prodotta da Sanchez, 25 anni compiuti.

Gavin McDonnell, fratello gemello di Jamie – campione del mondo WBA dei pesi gallo – è rimasto imbattuto con 15 successi (4 prima del limite) e verdetti di parità.

Sanchez, campione nazionale, torna in patria con la prima sconfitta dopo 15 trionfi consecutivi (9 anzitempo).

 

Negli altri incontri della serata l’imbattuto Isaac Lowe (12-0-1, 5) si è imposto in 8 riprese a Marco McCullough (14-3-0, 9) ed ha conquistato la vacante cintura Commonwealth dei pesi piuma; nei pesi mediomassimi l’invitto Hosea Burton (15-0-0, 6) ha superato in 6 tempi Miles Shinkwin (12-1-0, 6) e si è aggiudicato la vacante cintura Britis delle 175-libbre; all’imbattuto Ryan Burnett (13-0-0, 9) è andato il verdetto unanime per il vacante campionato Wbc International dei pesi gallo dopo le 10 riprese combattute con Anthony Settoul (21-5-0, 8); la vacante cintura Wbc International Silver dei pesi mosca è stata conferita all’invitto Charlie Edwards (7-0-0, 3), preferito a Luke Wilton (16-5-1, 7), con verdetto unanime dopo 10 riprese.