Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

GALASSI, MATANO E LOVAGLIO APPLAUDITI A FERRARA | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

GALASSI, MATANO E LOVAGLIO APPLAUDITI A FERRARA

2015-02-07ferrara285 2015-02-07ferrara559 2015-02-07ferrara751 MatanoFerrara, 7 febbraio 2015 – La riunione estense imperniata su tre campionati di boxe professionistica ha visto trionfare Simona Galassi, Marcello Matano e Maurizio Lovaglio.

La difesa volontaria del titolo EBU femminile dei pesi mosca da parte della campionessa Simona Galassi, kg 50.500, contro la connazionale Loredana Piazza, kg 50.650, al termine delle 10 riprese ha visto la vittoria per la titolare continentale ed è stata unanime con due 97-93  ed un 96-94.

La guardia destra Galassi, 23-3-1 (4), ha sfoderato la grande esperienza che le ha permesso di mettere al riparo il suo secondo regno europeo con la terza difesa vittoriosa.

La piemontese Piazza, 10-3-0 (4), ha onorato la sfida con un contegno professionale di primo piano che la riqualifica nella nuova categoria di peso, dopo due sconfitte mondiali come supermosca.

Marcello Matano, kg 68.150, dopo la dolorosa perdita della cintura nazionale si è riabilitato con la conquista del vacante titolo IBF Inter-Continental dei pesi superwelter. Dopo 12 impegnative riprese combattute con il finlandese Jussi Koivula, kg 69.150, la sua superiorità sul pugile nordico è stata avvalorata con la vittoria ai punti. L’unanimità è stata ampia con due 118-109 ed un 119-108.

Nel combattimento valevole per il vacante campionato italiano dei pesi massimi-leggeri, il piemontese Maurizio Lovaglio, kg 88.150, ha impiegato una sola combinazione per avere ragione del siciliano Rosario Guglielmino, kg 89, ed obbligare l’arbitro a fermare il confronto a 1:47 dall’avvio.  Lovaglio ha sferrato il gancio sinistro doppiato dal diretto destro al volto: l’effetto è stato devastante per Guglielmino che è crollato al tappeto. Il catanese ha raccolto le energie per rimettersi in posizione verticale e continuare il confronto, ma i pochi secondi del conteggio sono apparsi insufficienti per smaltire i due tremendi pugni subiti a freddo e per recuperare la lucidità fisica e mentale necessari a proseguire la sfida tricolore.

Lovaglio, 18-10-0 (11), ha riconquistato la seconda cintura dei pesi cruiser, dopo averla abbandonata per tentare la conquista del titolo dell’Unione europea.

Il mancino Guglielmino, 6-3-0 (3), ha visto fallire la sua seconda sfida tricolore, dopo il vano tentativo del 2012 di spodestare Modugno dal trono dei pesi massimi.

 

Altri risultati:

Leggeri, Marco Iuculano V cKOT 2 Matteo Redrezza

Piuma, Mattia Musacchi PARI 4 Luca Rigoldi 

(Primiano Michele Schiavone)

Fonte www.sportenote.com

Foto di Renata Romagnoli