di Giuliano Orlando

MILANO. Più forte della pandemia che continua a colpire tutto il mondo, la Matchroom Boxing Italy dei Cherchi e la diretta su DAZN, lo streaming live e on demand, che offre lo sport di vertice, hanno programmato le prossime serate di grande boxe, dopo i due precedenti appuntamenti di dicembre 2020. Si torna a Milano il 26 febbraio, poi il 13 marzo a Rozzano alle porte della metropoli lombarda, quindi il 9 o 16 aprile ancora all’Allianz Cloud di Milano, un mese dopo al Pala Allende di Cinisello Balsamo (MI) che torna ad ospitare grande pugilato dopo oltre due anni. Ciascuno degli eventi punta su sfide titolate internazionali stuzzicanti, con pugili italiani contro rivali stranieri di ottima quotazione, oltre a campionati italiani non meno interessanti. Salvo nuove disposizioni, tutte le serate saranno a porte chiuse, quelle di Milano visibili su DAZN che le irradierà anche oltre l’Italia, le altre con le emittenti FPI e Gazzetta sito. Il primo appuntamento è fissato il 26 febbraio e mette in cartellone ben quattro sfide titolate, di grande interesse. Il clou è riservato a Daniele Scardina (18) il beniamino del pubblico milanese, dopo il successo alla trasmissione “Ballando con le stelle”, è tornato a Miami in Florida per allenarsi senza distrazioni di sorta. “Ho apprezzato la serietà di Daniele – sottolinea Alex Cherchi – tornato in palestra lontano dall’eco della popolarità televisiva. Sa benissimo che la sua professione è la boxe e vuole ripresentarsi all’Allianz in grande condizione, considerata la difficoltà dell’impegno. Lo spagnolo Cesar Nunez (17-2-1) non è da sottovalutare e arriva in Italia per conquistare il titolo dell’Unione Europea vacante”. A contorno della serata altri tre titoli in palio. Nei welter l’ucraino di stanza a Milano, Maxim Prodan (18-0-1), fermo dal 25 ottobre 2019, quando conquistò l’Internazionale IBF a spese dello scozzese Tony Dixon, dopo dieci round di fuoco, mette in palio la cintura contro l’ex campione italiano Nicola Cristofori (11-2-2), mancino ferrarese di 26 anni, che conquistò il titolo proprio in Lombardia a Cernusco sul Naviglio a spese del varesino Michele Esposito il 16 marzo 2018. Dopo la prima difesa (pari con Tobia Loriga), cedette il capitale sul ring di Chieti l’8 marzo 2019 al locale Emy Cavallucci che lo mise KO al quinto round. Quella del 26 febbraio sarà la classica sfida tra un picchiatore come Prodan e un rimessista, che punta sulla velocità di gambe e il maggiore allungo, evitando il contatto ravvicinato. Nei piuma, il piemontese Francesco Grandelli (14-1-1) e il mancino toscano Davide Tassi (11) attuale campione italiano, si affrontano per il vacante titolo Internazionale IBF. Si tratta di due pugili emergenti, quindi ambiziosi, che puntano entrambi alla vittoria. La quarta cintura la mette in palio l’intramontabile crotonese Tobia Loriga (32-8-3), 43 anni, attivo dal 2003, un miracolo di longevità agonistica, tornato titolare il 4 ottobre 2019 nella sua Crotone, battendo di misura Cavallucci. Nella prima difesa sul ring di Mantova il 13 novembre scorso, ha superato il campano Dario Socci dopo dieci round intensi ed equilibrati, oltre che spettacolari. All’Allianz trova l’imbattuto Nicholas Esposito (9) al primo esame tricolore, il banco di prova per realizzare il salto di qualità. Questo il parere di Alex Cherchi: “Il pugile cremonese, allenato dal padre è un guerriero del ring, ha orgoglio e anche qualità e noi gli diamo fiducia. La sfida contro Loriga è difficile ma non impossibile, deve gestire la distanza con giudizio, tenendo alto il ritmo degli scambi, senza esagerare. L’ho seguito in allenamento è l’ho visto molto bene. Comunque sia il risultato, per Esposito si tratta di acquisire preziosa esperienza”. Il ricco programma prevede altri tre incontri, col superwelter Mirko Natalizi (9), il welter Christina Mazzon (4) e il supergallo Vincenzo La Femmina (6), a loro volta decisi a scalare a tempi brevi le classifiche nazionali e non solo.

 Interessante il commento del Managing Director della Matchroom Sport, l’inglese Eddie Hearn: “Contenti di tornare all’Allianz con Daniele Scardina, una realtà a livello europeo, per il primo show del 2020, sicuri che i Cherchi daranno vita, come in passato a riunioni sempre più interessanti, col nostro pieno appoggio”.

Salvatore Cherchi, il fondatore della OPI 82, torna con piacere a Rozzano, dove le autorità comunali si sono dimostrate favorevoli alla continuità dello spettacolo pugilistico. “Il 13 marzo, offriremo una bella serata, con sfide intense a cominciare dal confronto tra i superwelter Joshua Nmomah (9) e Simone Brusa (5-2-1), oltre ai giovani e promettenti Armando Casamonica e Cristian Cangelosi. A breve daremo notizia di altri protagonisti della serata, sempre con la diretta su DAZN”.

L’appuntamento del 9 o 16 aprile a Milano è imperdibile per gli appassionati della noble art. Lo illustra Alex Cherchi: “Finalmente dovremmo realizzare il mondiale silver WBC dei leggeri tra due ex campioni europei, l’Italo belga Francesco Patera (23-3) e il veneto Devis Boschiero (49-6-2), match rinviato lo scorso dicembre. Non meno stuzzicante la sfida per il vacante titolo dell’Unione Europea cruiser, tra il colosso fiorentino Fabio Turchi (18-1) e l’imbattuto francese Dylan Bregeon (11-0-1), un mancino alto e veloce. In cartellone anche il vacante europeo dei mosca, tra Mohammad Obbadi (21-1) e lo spagnolo Angel Moreno (21-4-2), un match che dopo troppi rinvii, da parte spagnola, lo abbiamo preso noi, fiduciosi che Obbadi  porti all’Italia la cintura continentale dopo quella di Signani nei medi. Altra sfida molto attesa nei supermedi, in palio il tricolore, tra gli imbattuti Ivan Zucco (12) e Luca Capuano (11) divisi da una sana e forte rivalità. Ma non è finita, per il superwelter Samuel Nmomah (14) la sfida che ci dirà la verità sul suo valore. Avrà di fronte Felice Moncelli (21-6-1) più esperto e deciso a conquistare la piazza milanese. Se Samuel la spunta, abbiamo per lui altre sfide titolate. Il campione UE piuma, l’imbattuto romano Mauro Forte (14-0-1) l’ultimo nostro acquisto, in attesa di battersi per l’europeo, torna a Milano e combatterà sui 6 round, primo approccio soft, dopo l’intervento alla spalla. L’8 maggio appuntamento a Cinisello Balsamo con altre belle sfide, per chiudere a fine maggio tornando all’Allianz di Milano, con una serata di grande qualità”.

Nonostante le difficoltà del Covid, i Cherchi mantengono i programmi e fanno lavorare molti pugili, che altrimenti sarebbero rimasti inattivi e privi di un sostegno economico. Uno sforzo non indifferente, che ci auguriamo possa trovare in tempi non troppo lontani, la piena ripresa col pubblico presente, l’unica componente capace di riportare nei palazzetti l’atmosfera e il calore indispensabile per dare ai protagonisti sul ring, quell’incitamento indispensabile nella boxe e in ogni sport.

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi