Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Libri di Sport: Voglia di vincere | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Libri di Sport: Voglia di vincere

voglia_di_vincere_63222Voglia di vincere

 Franco Paludetto – Libreria dello Sport – Pag. 168 – Euro 10,00

 Il rugby insegna ai ragazzi a diventare uomini fin dal tempo della scuola.

 Uno spaccato della Marca trevisana in chiave rugbistica, negli anni ‘50. Quarantuno cammei semplici e stuzzicanti, il quotidiano visto con gli occhi di un ragazzo innamorato della palla ovale. I tempi della scuola e delle prime esperienze agonistiche. Gli amici e i rivali, i maestri che fanno crescere e una moltitudine di episodi, per capire la crescita sul campo e nella vita. L’emozione di dormire nella suite del Grand’hotel Mediterranèe di Pegli (Ge), solitamente occupata da Faruk, deposto re d’Egitto, l’amicizia con Amedeo, restio alla disciplina ma talentuoso fino ad operare il gatto. Il primo trasferimento non si scorda mai. Da Treviso all’Amatori Milano, posto di lavoro, casa e un sottobanco per le spese quotidiane. Oltre a giocare in una squadra di rango e in ascesa. Il debutto nel 1957 a 16 anni, nel Faema Treviso, prendendo il posto del grande Ferdy Sertorato come mediano. “Gli sarò grato per tutta la vita” scrive l’autore. Che racconta di un viaggio da Milano a Udine, per giocare contro la squadra friulana. Una trasferta condita da pranzi e cene non proprio frugali. Ad ogni tappa le soste a tavola riempivano il tempo prima della sfida, che fu tosta e vincente, sia pure dopo lotta aspra e leale. A notte fonda il rientro a Milano, con un piccolo inconveniente: dopo Vicenza l’autista si accorge che il serbatoio è praticamente vuoto. Caccia al distributore aperto. Nel cortile di una casa rurale l’autista suona e sveglia il gestore che si affaccia dalla finestra, vede il movimento e non trova niente di meglio che sparare un paio di colpi con la doppietta, per fortuna in aria. Chiarito l’equivoco, il serbatoio viene riempito e assicurato il ritorno a casa.

 Giuliano Orlando