%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
Omar Mohamed Ali, dalla Kick and Punch all’Alaska | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Omar Mohamed Ali, dalla Kick and Punch all’Alaska

foto-Angelo Valente nella palestra Kick and Punch foto-da sinistra, Omar Mohamed Ali e Simone VasaturoClasse 1983, ex militare dell’esercito italiano, proprietario della palestra CrossFit Saronno Wolf, appassionato di sport da ring, tra pochi giorni Omar Mohamed Ali parteciperà insieme a Davide Ugolini ad una delle gare più dure del mondo: la Iditasport Extreme 350, una competizione di 350 miglia che si svolge nel cuore dell’Alaska in un ambiente selvaggio, estremo, sullo stesso tracciato della mitica Iditarod, una gara di cani da slitta che ha ispirato vari film hollywoodiani. Per prepararsi a questa impresa, Omar si è avvalso della consulenza degli esperti della palestra Kick and Punch, in Via Sardegna 60, a Fizzonasco di Pieve Emanuele (alle porte di Milano), diretta dall’ex campione del mondo di kickboxing Angelo Valente.

“Conosco Angelo da moltissimo tempo – spiega Omar – e so quanto sia vasta la sua competenza in ambito sportivo. Condivido con lui la passione per gli sport da ring ed ho praticato il pugilato a livello amatoriale. Almeno una volta alla settimana vado nella sua palestra per allenarmi e per parlare con lui. Avendo praticato kickboxing per decenni, ad un livello tanto alto da vincere titoli mondiali in due categorie di peso (superwelter e medi), Angelo sa come aiutare un atleta a raggiungere i propri obiettivi. L’Iditasport Extreme 350 è una gara di resistenza in cui gli atleti sono in competizione in primo luogo con loro stessi. Inizierà il 19 febbraio. Io e Davide pensiamo di completare il percorso in sette, otto giorni. Siamo stati invitati perché abbiamo partecipato a numerose competizioni simili. La più recente è la Yukon Arctic Ultra: un anno fa, abbiamo percorso 300 miglia, nelle terre selvagge canadesi con temperature che raggiungevano i 35 gradi sotto lo zero, trainando ognuno una slitta di 22 kg contenente il necessario per sopravvivere, ed abbiamo completato il percorso in 7 giorni e 12 ore. La Iditasport Extreme 350 prevede 50 miglia in più, io e Davide le percorreremo correndo e camminando. Altri le percorreranno in bicicletta. Ognuno è responsabile di se stesso. Lungo il percorso si potrebbe pernottare nei villaggi che attraverseremo, ma io e Davide ci porteremo la tenda. Partiremo da Knik, una località a 30 km in linea d’aria da Anchorage, ultimo avamposto della civilizzazione in Alaska. In un contesto estremo come quello offerto dalle competizioni di ultra-running (noi atleti siamo definiti ultra-runners), la stanchezza, la paura, il freddo, la fame e la sete si vincono con l’allenamento fisico e soprattutto mentale. Io insegno CrossFit a Saronno, ma anche un istruttore ha bisogno di aggiornarsi tenendo la mente aperta perché non si finisce mai di imparare e quindi di migliorare.”

E’ della stessa opinione Angelo Valente: “Pratico gli sport da ring da 30 anni: ho iniziato con la kickboxing quando avevo 13 anni, poi sono passato alla savate ed al pugilato, e non si finisce mai di imparare. E’ utilissimo scambiare opinioni con altri atleti, riflettere su come le esperienze altrui potrebbero aiutarci.”

Nella palestra Kick and Punch viene insegnato anche il CrossFit, un sistema di fitness creato da Greg Glassman in California nel 1996.

“La Kick and Punch è ufficialmente affiliata alla CrossFit Inc. americana – spiega Simone Vasaturo, uno degli allenatori della palestra di Pieve Emanuele – e quindi da noi si insegna il CrossFit come è stato concepito da Glassman. E’ una disciplina che prevede movimenti funzionali sempre diversi, eseguiti ad alta intensità in un lungo arco di tempo. Il sollevamento pesi olimpico, le kettlebell, il powerlifting, la ginnastica fanno parte del CrossFit. E’ un allenamento tanto completo da essere utile anche a chi pratica sport agonistico o partecipa a competizioni durissime come quelle di Omar e Davide. A loro va il sostegno di tutta la palestra Kick and Punch: forza ragazzi!”