di Alfredo Bruno

dsc_0507.JPGIl Lazio pugilistico viaggia indubbiamente su altri pianeti e lo dimostra il Torneo regionale Esordienti per School Boys, Cadetti, Juniores, III serie seniores, indetto dal Comitato Laziale e che ha visto svolgersi la prima giornata dentro il  bel Palazzetto di Monterotondo, organizzata dalla A.S. Universo di Aldo Centini. La seconda buona notizia è che a questo appello riguardante gli esordienti si sono iscritti ben 130 atleti, un nuovo materiale molto interessante su cui lavorare. L’altra buona notizia è stata la presenza in massa di spettatori con 1600 tagliandi staccati con buona parte dell’incasso devoluta in beneficienza all’Associazione Nicolò Valenti. Un miracolo organizzativo quello di Centini, grazie all’aiuto degli Assessori Gigi Cavalli e Sandro De Nicola, che ha visto una maratona di ben 19 combattimenti con alcuni elementi già ben impressi nell’occhio vigile dei tecnici.

La serata che ha avuto inizio alle 20,30 si è aperta con due match fuori torneo. Simone Federici, giovanissimo ma già provvisto di 80 kg. di buona muscolatura, sotto lo sguardo compiaciuto del padre, ex buon professionista, ha strattonato per tre round Middei che gli ha opposto per ora un coraggio non indifferente. Laganga, esordiente locale molto applaudito, si è trovato di fronte un Sainato, fisicamente solido come lui ma più preciso, come ha dimostrato nei duri scambi della terza e quarta ripresa.
dsc_0537.JPG

Il Torneo vero e proprio iniziava con i leggeri dei Cadetti. Ha lasciato subito una buona impressione Kilani, che ha quasi sempre tenuto il centro del ring contro Gavillucci. Quest’ultimo nell’ultimo round ha cercato di sovvertire l’andamento del match ma è incappato in un richiamo che ne ha stoppato le intenzioni. Nell’incontro successivo Grillo, altro pugile locale, ha messo subito in vetrina una discreta potenza alla quale Aiello ha contrapposto alcuni pregevoli colpi dritti, che però non gli hanno potuto evitare il conteggio della terza ripresa dopo aver subito una pesante serie all’angolo.
E’ la volta degli Juniores con i 64 kg.. Tra Grassedonia e Rosati il match scorre equilibrato. Il primo, indubbiamente più potente, viene frenato dall’avversario con una barriera fitta di colpi fino a quando nella quarta ripresa lo costringe ad ascoltare un conteggio, che in pratica gli da il campo libero per la vittoria. Anche tra Basilisco e D’Andrea il match appare altalenante. Nella seconda ripresa Basilisco ascolta i fatidici 8” dopo una serie rabbiosa dell’avversario. L’allievo di Frontaloni nel finale sembra recuperare qualcosa, ma non è sufficiente per il verdetto.
Pecorella nei 69 kg. è il primo guardia destra della serata. Romanini bene in linea accumula punti coi suoi colpi d’incontro, anche se deve guardarsi dalle improvvise sfuriate dell’allievo di Vagni, che tra l’altro possiede un sinistro discretamente pungente. Romanini pur perdendo l’ultimo round amministra bene il suo vantaggio e vince. E’ la volta quindi di Agati che mette subito in luce le sue belle qualità tecniche accompagnate anche da una certa incisività dei colpi e se ne accorge l’ottimo Camerini, sempre pericoloso nelle sue repliche non sufficienti, però, per il verdetto. Marini contro Filacchione inizia a spron battuto, ma si espone ai colpi dritti dell’avversario che sfrutta il suo maggior allungo.  I due bravi atleti si dividono un conteggio per ognuno ma non il verdetto che va a Filacchione. Tra gli juniores l’unico incontro dei 75 kg. vede di fronte un emozionato Macci Roman di fronte a uno scatenato Capuccio in un match che termina alla seconda ripresa per una ferita del primo.
Tra i 64 kg. dei III serie si mette subito in luce il mancino Alpi, allievo di Quirino Poccia. Rosa non ha le armi per controbattere alla pari la maggior potenza dell’avversario ed oltre a un conteggio subisce anche la sconfitta. Molto interessante anche il secondo match dei welter. Di Nino ha muscolatura solida e sa boxare con cervello, come può testimoniare il bravo Liberatoscioli che non gli rende la vita facile. Tra i 69 kg. colpisce subito la freddezza di Felipe Lopes, ultima scoperta di Enrico Miccini, che tra l’altro ha un bel repertorio al quale Federici contrappone la sua solidità e il coraggio. Alicastro sembra voler travolgere Fantauzzi, ma deve fare i conti con la potenza dell’allievo di Zonfrillo e Federici che lo costringe subito ad ascoltare un conteggio. La piega del match appare evidente e l’arresto medico per Alicastro sa di liberazione. Match muscolare tra Mencaroni e Callarà, un cognome che evoca ricordi nella boxe italiana. Il primo tecnicamente ben impostato da Cesare Costantini appare più completo. Callarà con due richiami viaggia sull’orlo della squalifica e la sua sconfitta appare inevitabile. Di Cosimo, allievo di Bernardo Onori, fa subito assaggiare la sua potenza a Floridi che nel secondo round è contato e deve abbandonare per una ferita. Contro Mastroluca il mancino Aiello trova il semaforo rosso. Mastroluca porta serie pesanti e Aiello per due volte deve ascoltare il conteggio che si aggiunge al pollice verso per il verdetto.. I 69 kg. chiudono con altri due interessanti pugili. Kola e Porcu sulla carta sono esordienti, ma sul ring sembrano due veterani. Il primo colpisce per linee interne, mentre il secondo esce e rientra con perfetta scelta di tempo. Un bel match con vittoria assegnata al pugile di Tarquinia.
Pur essendo una serata fitta si trova comunque il tempo per far salire sul ring Emanuele Della Rosa, che ringrazia e annuncia la sua prossima sfida al titolo italiano detenuto da Leonard Bundu. La manifestazione si chiude con l’unico match tra pesi medi. Il fatto che si è arrivati quasi all’una di notte ha un’ importanza marginale per Magnosi e Famoso. I due si scambiano colpi su colpi senza un attimo di sosta. La quantità sembra dalla parte di Magnosi, ma il verdetto segue la via di Famoso.
RISULTATI
Fuori Torneo- Kg. 80 : Federici S. (Zonfrillo&Federici) b. Middei ( Boxing Time). Kg. 64: Sainato (Laima Team) b. Laganga (A.S. Universo).
Torneo Esordienti
Cadetti – 60 kg. : Kilani (Boxe Casilina 2105) b. Gavillucci (Forum Appii); Grillo ( A. S. Universo) b. Aiello T. (Fitness & Fun). 
Juniores – 64 kg.: Grassedonia ( Boxing Time) b. Rosati (SA. MA Fondi); D’Andrea (Sordini Boxe) b. Basilisco (Frontaloni). 69 kg. : Romanini (Boxing Team) b. Pecorella (Boxe Academy); Agati (R. Costantini) b. Camerini (Frontaloni); Filacchione (Frontaloni) b. Marini (ASD Cosmo); Capuccio (The Champion) b. Macci Roman (Roma Tricolore) rsci 2; Alpi (A. Jacopucci) b. Rosa (SA. Ma. Fondi); Di Nino (Gim Boxe Setteville Nord) b. Liberatoscioli (Boxe Roma San Basilio); Felipe Lopes (Colombo) b. Federici C. (Team Boxe Roma XI); Fantauzzi (Zonfrillo&Federici) b. Alicastro (Parisi Boxe) rsci 2; Mencaroni (R. Costantini) b. Callarà (Casalbruciato); Di Cosimo (Nettunese) b. Floridi (Colombo) rsci 2; Mastroluca ( Colonna) b. Aiello E. (Lupa Boxe); Porcu (A. Jacopucci) b. Kola (Action Boxe Ostia). 75 kg.: Famoso (Boxe Casilina 2105) b. Magnosi (Gymnasium Colleferro).
Arbitri: Gallucci (c.r.), Casentini (c.r.), Marzuoli, Angileri, Scali, Di Mario.
Medico: dott. Italo Guido Ricagni, dott. Francesco Leonelli.   

Di Alfredo

4 pensiero su “Il Torneo laziale degli esordienti inizia da Monterotondo”

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi