Spoleto 17-18 marzo 2007

La nona assemblea nazionale dell’ANAP ha dimostrato la vitalità di questa associazione e la volontà di crescere per rappresentare al meglio gli interessi degli insegnanti di pugilato ma anche e soprattutto l’interiorizzazione e la presa di coscienza di dovere arricchire le proprie competenze per stare al passo con i tempi in rapido mutamento in ogni campo.

Articolo e fotografie di Michelini Fabrizio

dscn0033.JPG

E’ da qui che è scaturita l’idea di affiancare alla Assemblea anche uno stage di grosso interesse quale quello svolto in questi due giorni dai dottori Massimo Ferrari e Elena Galeazzi, rispettivamente formatore e docente del Centro Psicopedagogico dal titolo: GESTIONE DEI CONFLITTI NELLA COMUNICAZIONE FRA ALLENATORE E PUGILE.

rosi.JPG

Lo stage è perfettamente riuscito ed ha riscosso l’apprezzamento di tutti i convenuti. Si è dato atto che oggi il “maestro” deve essere sempre più anche un maestro di vita e deve sapere dialogare con i propri allievi e non solo insegnare loro l’arte pugilistica.
Il Presidente Gianni Burli ha poi illustrato il bilancio 2006 ed il preventivo 2007 ottenendo il pieno consenso dell’Assemblea che ha approvato le linee guida proposte. I numeri sono più che triplicati in relazione ai contributi ed alle sponsorizzazioni ottenute e questo ha consentito di prospettare un altro stage in autunno, un riconoscimento per il “maestro dell’anno” e tante altre iniziative .

minutoli-presidentesag.JPG

Dall’Assemblea non sono mancate voci di apprezzamento anche per la signorile ed efficiente organizzazione di questo incontro. Presenti alla manifestazione e partecipi con la loro esperienza il Presidente Federale Franco Falcinelli, Pino Minutoli e Massimo Scioti che hanno portato il loro fattivo ed apprezzato contributo alla discussione.

Sono stati toccati tutti gli argomenti che interessano la categoria con interventi serrati ed appassionati fra cui ricordiamo quelli di Gordini, Raspugli, Contu, Riga, D’Amico, Roccioletti e tanti altri.

dscn0042.JPG

Il presidente Federale ha poi ritenuto di premiare con una medaglia d’oro Dante Burli, il decano dei “maestri” più che novantenne, primo della stirpe dei Burli giunti alla terza generazione.

Di Massimo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi