Bangkok 26 MARZO – FINALI CAMPIONATI MONDIALI DI MUAY THAI WMF 2009:

nazionale-italiana-thai-boxeDopo il nostro primo consolidamento nei risultati con il bronzo di Katia Currò, fermatasi soltanto di fronte alla Thailandese che oggi si è laureata Campionessa del Mondo di Muay Thai WMF 2009…

e con i 7 eroi che hanno conquistato le finali dei seniores maschili battendo tutti i propri avversari, rappresentanti anche di forti ed autorevoli nazioni come Marocco, Spagna, Francia e persino Thailandia… oggi i nostri azzurri hanno affrontato l’ultima prova per il raggiungimento del traguardo più ambito.

Su un totale di 13 categorie maschili e 30 nazioni presenti, l’Italia faceva (per la prima volta nella storia) la parte del leone con ben 7 atleti finalisti a contendersi la corona mondiale contro altrettanti rappresentanti di diverse nazioni… un vero e proprio “ITALIA CONTRO IL RESTO DEL MONDO”.

Primo a partire nei Kg. 51 il nostro “capitano” Gianpietro Marceddu che, dopo averci fatto ben sperare (ed a ragione) perde ai punti contro Channachai Seechompoo (Thailandia) e ci regala comunque, oltre ad una finale bellissima… uno stretto, seppur preziosissimo argento!

Segue nei Kg. 57 il giovane Edoardo Tocci che, pur battendosi come un vero leone, perde giustamente ai punti contro il fortissimo  Sontisag Monmay (Thailandia) e riporta in patria un altro argento!

È finalmente il turno dei Kg. 60 con la new entry Angelo Campoli (che due giorni prima aveva estromesso il forte thailandese di categoria, suscitando grande scalpore sui quotidiani locali) che dominando nettamente tutte le riprese, vince contro Erik Renon (Francia) e ci regala il primo oro!

La squadra italiana bissa il successo ricercato, anche Kg. 67 con il nostro Carlo Di Paola, che dopo aver vinto contro il polacco campione del mondo in carica e benché acciaccato sulle gambe dal combattimento precedentemente sostenuto con il forte francese nella semifinale,  riesce a stringere i denti e vince ai punti ma con prepotenza, contro Lee Green (Inghilterra) e ci regala il secondo oro!

Una piccola battuta di arresto la si registra purtroppo nei Kg. 75 con Fabio Siciliani, che dopo il successo dei due ko consecutivi fatti registrare ai quarti ed in semifinale, non riesce ad entrare nel match e perde malamente ai punti contro Julian Quentin (Francia) riportando comunque all’angolo italiano un altro argento!

La squadra ritrova subito la concentrazione giusta nei Kg. 81 con Paolo Bellini, che vince ai punti e prepotentemente, contro Muhammed-G-Muhammed (Iraq)  portando in patria il terzo oro!

Chiusura sfortunata nei Kg. 86 per il nostro Daniele Biagioli che, incappando in due kd consecutivi nel 1° round (per colpi al fegato)  con estremo coraggio riesce ad arrivare sorprendentemente in rimonta sino al 3° round, dove un ennesimo 3° conteggio spegne ogni speranza di vittoria contro l’autentico fuoriclasse Hamaili Massinissa (France). Porta però in Italia il 4° argento!

Si concludono così i Campionati Mondiali di Muay Thai WMF a Bangkok per la squadra azzurra che è stata la vera rivelazione di questa edizione. 10 atleti iscritti… 8 medaglie… 1 bronzo, 4 argenti e 3 ori!

Estrema soddisfazione per il presidente del Settore Federale della Muay Thai Roberto Fragale, che ringrazia il presidente FIKB Ennio Falsoni per aver consentito a tutte le richieste avanzategli, per consentirgli la preparazione ottimale degli azzurri.

Al settimo cielo il D.T.N. Diego Calzolari, autentico “mago stratega” degli azzurri,  che definisce il fatto come STORICO, ma che attribuisce buona parte del merito alla grande volontà e stoica determinazione dei suoi ragazzi, oltre che dei tanti collaboratori nell’organigramma di Settore, che lo hanno disinteressatamente aiutato al raggiungimento del risultato tanto ricercato.

Seguirà uno “speciale mondiali” su: www.ilguerriero.it

Di Massimo

Un pensiero su “Thai Boxe: Mondiali a Bangkok”

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi