Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Un Demchenko rinato batte Ricci ed è campione Unione Europea | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Un Demchenko rinato batte Ricci ed è campione Unione Europea

di Al. Br.

Il Palasport Vespucci inaugura la sua serata pro in maniera incandescente dentro e fuori del ring. Il titolo dell’Unione Europea per quanto riguarda i mediomassimi cinge quasi a mo di corona Sergey Demchenko, 36 anni, giramondo per l’Europa in una sorta di dignitoso fai da te. Un titolo meritatissimo che incorona un atleta serio e chissà che non porti anche risvolti di altre scalate…a 36 anni mai dire mai. Mirco Ricci aveva per sè i favori dei pronostici: troppi 11 anni di differenza, il fiato e la velocità, poi, erano tutti dalla parte del rampante romano. Il match sembrava incanalato fin dai primi round su binari prevedibili tecnicamente: marcia a piccoli passi in avanti di Demchenko e danza con serie veloci e improvvise da parte di Ricci. Diventava una sorta di replay per circa sei-sette riprese. C’erano comunque da fare alcune considerazioni e prima fra tutte è vero che Ricci apparentemente era in vantaggio, ma alcuni colpi sembravano l’approccio per una conclusione che non arrivava, sparare due-tre colpi, belli esteticamente, ma non conclusivi e non accompagnati da una serie più consistente dava l’impressione di una ineluttabile conclusione ai punti sul filo delle 12 riprese. Dall’altra parte c’era un Demchenko sereno, per certi versi ritrovato, consapevole dei propri mezzi come gli faceva capire il tecnico Pili che lo rincuorava: “Sei un grande!”. Parole semplici che toccavano le corde di un violino forse da tempo rassegnato. L’ucraino ha così svolto la sua tattica di sempre avanti, coperto, lasciando solo briciole di spazi per i saettanti colpi del romano. Il primo allarme si aveva con l’espressione di “non ho sentito niente” del “Predator”, per certi versi un classico della boxe, la seconda era la determinazione nel tagliare la strada ad un avversario sempre in movimento con braccia, gambe e finte. Forse tutto questo in qualche modo pagava e avrebbe presentato in qualche modo il conto. Altro campanello erano i colpi al corpo, allo stomaco, ai fianchi, che a lungo andare qualcosa fanno se poi a portarli sono mani pesanti come quelle di Sergey. Tutto questo alla fine ha portato al risultato di una semplice equazione di secondo grado, come dicevamo noi da studenti. Alla nona ripresa si è capito che il match era arrivato ad un bivio dove finalmente si è avuto uno scambio duro, cattivo, che ravvivava un match apparso a tratti monotono. Nel decimo round il colpo di scena, ma non tanto, Ricci sentiva un gancio sinistro isolato quanto preciso, accennava una smorfia, ma era sufficiente per accendere una miccia fino ad allora in agguato. Demchenko capiva di aver provocato qualche danno, forse anche dal punto di vista psicologico, accelerava la velocità dei colpi dalla corta distanza piazzando l’uno-due classico in simili situazioni. Ricci sentiva i colpi e appariva evidente la sua difficoltà. L’avversario ormai aveva fiutato l’impresa e la serie si abbatteva più con precisione che con potenza, ma ogni colpo era un valore aggiunto al crollo. L’ arbitro Bianco valutava una situazione che poteva risultare pericolosa per il romano e fermava il match, tra, per la verità, le deboli proteste del romano e del suo angolo. Per Demchenko un premio meritato al personaggio e alla sua carriera, per Ricci un match da incasellare nell’esperienza, è giovane, ha qualità indubbie e lo ha dimostrato. Il “Predator” si rivaluta abbondantemente nell’intervista a due con il suo avversario, facendogli i complimenti, senza accampare scuse, e sorridendo compiaciuto quando il suo avversario gli confessava che Ricci ha un fan proprio in casa Demchenko, nel figliolo. Episodio che fa bene alla boxe, al contrario delle “scaramucce” avvenute tra qualche spettatore esagitato.

Dilettanti I tappa per le Cinture di Roma:

Alberto Frati (Boxe Arcesi) b Alessandro Fersula (Roma Est) TKOI 2R

Luca Papola (Pug. Italiana) b William Sestilli (Team Boxe Roma XI) VP

Mirko Natalizi (Boxe Academy) b Mirko Marchetti (Body Evolution) VP

Alessio Mastronunzio (Phoenix Gym) b Marco Ruberto (Boxe Arcesi) VP

Ennio Zingaro (Phoenix Gym) b Dmytro Balanenko (New Boxe) TKOI 2R

Gli altri risultati dei Pro:

Superpiuma: Alessandro Micheli e Eder Barreto pari.

Superwelter: Vincenzo Bevilacqua b. Konstantin Sakara a.p. 6.

Massimi Leggeri: Mattia Faraoni b. Francesco Cataldo a.p. 6._DSC0432

_DSC0484 _DSC0591 _DSC0607