Alfredo Bruno
dsc_1725.JPGSi sono svolte ieri sera con inizio alle 17,30 le finali del Torneo Esordienti Laziale dentro la bella palestra della scuola Vittorio Veneto a Latina. La serata come le precedenti è stata organizzata dalla The Champion di Maurizio Centra e dei fratelli Spelda. La ricca serata avrebbe dovuto comprendere ben 18 match, ma quattro non si sono disputati per walk over.

 Primi a salire sul ring sono gli School Boys con Bevilacqua e Bellucci. Il primo mette subito in mostra le sue caratteristiche migliori portando ganci di ottima fattura sia con il destro che con il sinistro. Nei primi due round l’allievo di Pancione prende il largo nel punteggio, ma deve guardarsi dal veemente ritorno di Bellucci nell’ultimo round, non certo sufficiente per equilibrare le sorti del match.
E’ la volta quindi dei Cadetti. Il match più veloce del Torneo lo disputano Barreca e Zito. Un gancio sinistro dell’allievo di Onori arriva a freddo ma anche preciso al mento di Zito, che letteralmente si siede al tappeto. L’arbitro conta, ma dopo gli otto secondi capisce che non è il caso di continuare. Per Zito un infortunio e tanta sfortuna. Una bella serie di La Porta scombussola i piani di Grillo che viene contato. Il pugile di Monterotondo tiene lontano con il sinistro il pericoloso avversario, che nella terza ripresa lo costringe ad un nuovo conteggio e alla sconfitta ai punti. Papa e Menotti sembrano non conoscere le mezze misure scambiandosi colpi su colpi fin dall’inizio. Papa ha una marcia in più e nel secondo round fa contare il suo tenace avversario. Nel terzo round Menotti assume l’iniziativa, ma non recupera.
Tra gli junior Sabbatini possiede un sinistro d’autore e Rikard appare frastornato cercando quasi esclusivamente il colpo della domenica. Sabbatini viaggia su un altro pianeta e quando accelera nel quarto round fa subire anche un conteggio a Rikard, che è apparso al di sotto delle sue possibilità, fatte intravedere in precedenza. Romanini e Agati sono due spilungoni con un bell’allungo. I diretti di Agati sono più precisi e mandano in solluchero le macchinette. Luciano Sordini presenta il massimo del futuro. Si chiama Pontone è alto e porta mazzate velenose. Santini gli concede parecchi centimetri e cerca disperatamente la corta distanza. Pontone è freddo e “cattivo” nella ricerca di spazi per infilare colpi fragorosi. Nel terzo round una provvidenziale ferita toglie di gara Santini, un massimo tosto e da rivedere.
Chiudono la bella rassegna di “volti nuovi” i senior. Catozzi e Capozzi sembrano due maratoneti della boxe. Il pugile di Latina cerca la sostanza andando avanti, mentre l’allievo di Rossi e Ceccardi gira di continuo attorno al ring alla ricerca di qualche idea come ingarbugliare la matassa. Il fiato di Catozzi si esaurisce nel quarto round e per lui sono dolori. Garofalo, freddo e buon incontrista, trova in Culotta un avversario che mette in risalto le sue doti. L’allievo di Piatti è tipo da prendere con le molle e la sua aggressività crea parecchi problemi al pugile di Pomezia. E’ un bel match da primo premio con Garofalo nel finale decisamente in cattedra per evitare sorprese. Tra Di Nino e Battisti match dove sono aboliti i complimenti per lasciar posto a colpi pesanti. Di Nino appare più in linea nella prima metà, ma deve faticare non poco per frenare l’irruenza di un avversario inesauribile. Vince di misura Di Nino, ma che fatica! Mencaroni è uno dei pugili più interessanti del Torneo, ma trova in finale Fantauzzi, un pugile asfissiante che non ti lascia respirare. Mencaroni si lascia condizionare dallo scambio invece di tenere lontano con il suo allungo l’allievo di Federici. Match ad alta tensione con scambi continui. Il match termina alla terza ripresa dopo un conteggio e un infortunio alla mano subito da Mencaroni, che perde il match ai punti. Famoso sul ring di Latina ha mostrato i segni della fatica per i match precedenti, in più ha avuto di fronte un Pintore che ha infilato i suoi colpi dritti e precisi necessari e per farlo vincere tra i medi. Tra Bucci e De Leonibus va fatta una valutazione diversa dal giudizio, sia pure unanime, dei giudici. Alla fine del match la vittoria è stata assegnata a Bucci, ma obiettivamente mettendo a raffronto l’andamento del match forse bisogna ritornare a considerare il fattore macchinette. Probabilmente nelle prime due riprese c’è stata una provvista di punti che De Leonibus non è riuscito, nonostante ci è apparso più preciso e consistente, a recuperare del tutto. Il dubbio nostro insieme a quello di Vagni rimane. La serata si chiude con i massimi. Kislewski e Lazzaretti: hanno fisici poderosi, ma mancano della necessaria cattiveria che la loro categoria richiede. I due si sono altalenati nel punteggio fino alla fine terminando stremati, con qualcosa in più da parte di Lazzaretti.
Maurizio Centra, inesauribile organizzatore,ha compiuto ancora una volta un bell’ exploit tirando le fila per quattro giornate, una è stata organizzata dalla A. S. Universo di Monterotondo, di questo incredibile Torneo che ha visto ai nastri di partenza ben 130 Esordienti. Logicamente anche a Latina oltre agli sponsor l’organizzatore ha avuto validi aiuti da parte delle autorità come testimoniano le targhe consegnate agli assessori Stefano Careddu, Giovanni Chiarato e Enrico Diero. C’è anche posto per un amarcord: è sempre bello salutare grandi campioni del passato come Domenico Adinolfi, Tommaso Marocco e Mario De Prosperis.
RISULTATI
School Boy – 56 kg.: Fortarezza (Action Boxe Ostia) b. Sciotti (Fitness & Fun) per wo. 65 kg.: Bevilacqua V. (Boxe Trigoria) b. Bellucci (Lupa Boxe).
Cadetti – 57 kg.: Barreca ( Nettunese) b. Zito (Frontaloni) rsch 1. 60 kg.: La Porta ( Sordini Boxe) b. Grillo (A.S. Universo). 66 kg.: Faraoni (Team Boxe Roma XI) b. Lodico (Danilo Boxe) per wo. 70 kg.: Papa (Team Boxe Roma XI) b. Menotti (Casalbruciato).
Junior – 64 kg.: Sabbatini (Club Setteville) b. Rikard (A. P. Frosinone). 69 kg.: Agati (Costantini) b. Romanini (Boxing Time). 91 kg.: Pontone (Sordini Boxe) b. Santini (Dubla Boxe Latina).
Senior – 54 kg.: Capozzi (Dubla Boxe) b. Catozzi (Casalbruciato). 57 kg.: Garofalo ( Phoenix Gym) b. Culotta (Lupa Boxe). 60 kg.: Brunore ( A.S. Universo) b. Rondinella (Boxe Roma San Basilio) per wo. 64 kg.: Di Nino (Gim Boxe Setteville) b. Battisti (Dubla Boxe Latina). 69 kg.: Fantauzzi (Zonfrillo&Federici) b. Mencaroni (Costantini). 75 kg.: Pintore (Boxe Academy) b. Famoso (Boxe Casilina 2105). 81 kg.: Bucci (Gymnasium Boxe) b. De Leonibus (Boxe Academy). 91kg.: Lazzaretti (Costantini) b. Kislewski (Roma Tricolore). +91kg.: Blasi (A.S.Universo) b. Sperati ( Body Fight) per wo.
Arbitri: Casentini (c.r.), Favia (c.r.), Scali, Montanini, Stipa, De Maldè, Di Mario.
Medico: dott. Francesco Leonelli.

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi