dual-match-italia-vs-russia-milano-3-aprile-2009Una serata di grande boxe dedicata all’indimenticabile Giovanni Parisi. Sfiorato il “sem-sem” (pareggio) prospettato dai team leader Damiani e Khromov, la Squadra Russa, sulle tre riprese da tre minuti, ha conquistato il primo confronto con il punteggio di 5 a 4. Domani a Garlasco il retour match del terzo dei sei eventi organizzati dal LOC Milano 2009 nel percorso di avvicinamento ai XV AIBA World Boxing Championships.


Nonostante la sfida fosse più difficile rispetto alle altre, la Russia è da sempre l’ostacolo più grande, l’Italia Boxing Team ieri sera al Palalido di Milano, in occasione del terzo evento del “Road to XV World Boxing Championships” a firma del Comitato Organizzatore Locale di Milano 2009, si è fatta onore raggiungendo un ottimo risultato.
Con il punteggio di 5 a 4, ed un pareggio, la Squadra Russa ha conquistato la prima tappa del Dual Match più atteso della stagione. Soddisfatti del pubblico e dell’andamento dei match il Presidente della FPI Franco Falcinelli, il Presidente del LOC (Comitato Organizzatore Locale) di Milano 2009 Andrea Locatelli ed il Direttore Generale Paolo Taveggia.  
Il primo gong della serata è suonato, alle 21.00 in punto, per la categoria dei 75 Kg., in cui il casertano del Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro Salvatore Grieco, campione italiano nel 2005 e 2007, ha dovuto cedere al russo Artem Chebotarev, della Società Sportiva Dinamo, campione russo nel 2008, che ha vinto ai punti.
Nei 69 Kg. altra vittoria russa grazie all’abile Ivanov Dimitriy, della Dinamo, medaglia d’oro ai Campionati del Mondo Militari nel 2006 e vicecampione ai Campionati Russi 2008, che ha battuto ai punti l’azzurro Alessandro Marziali, dell’A.S. Sordini Boxe Fiumicino, campione italiano universitario nel 2008 e campione italiano senior nel 2008.
La prima vittoria all’angolo blu è arrivata nei 60 Kg. grazie al milanese della Società Europea Accademia ADS Renato De Donato, vicecampione italiano 2008, che ha superato ai punti il russo Semen Grivachev, della Dinamo, vicecampione russo nel 2008.
Niente di fatto nei 57 Kg. per il romano Alessio Di Savino, del Centro Sportivo Esercito. Il campione italiano in carica, che ha partecipato ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 per poi conquistare il bronzo ai 52simi Campionati Mondiali Militari Baku 2008, non è riuscito a compiere l’impresa contro il campione mondiale a Chicago 2007 Sergey Vodopyanov, della Dinamo, anche lui tra i protagonisti di Pechino 2008 ma nella categoria dei 54 Kg.  
Negli 81 kg. la quarta vittoria russa è arrivata con Nikita Ivanov, dell’Università M.G.G.U. di Mosca, medaglia d’oro ai Campionati Invernali Russi “Speranze Olimpiche” 2008, che si è imposto sul neo-elite palermitano Gianluca Rosciglione, dell’A.S.D. Polisportiva Defence Club, campione italiano juniores nel 2008 e medaglia di bronzo ai Campionati Mondiali AIBA Youth nel 2008.
img_1819Sotto i riflettori di Sky Sport 2, con la telecronaca dell’immancabile Mario Giambuzzi, alle ore 22.20 il primo match in diretta è stato quello dei 64 Kg., in cui la Russia ha brillato sugli schermi grazie alla vittoria ai punti di Maksim Ignatiev, dell’Esercito, campione russo nel 2006 e 2008, sull’azzurro di Copertino Dario Vangeli, del Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro, campione italiano 2008 e medaglia di bronzo ai Campionati dell’Unione Europea nel 2006.
Nel secondo incontro in diretta su Sky Sport 2, categoria dei 51 Kg., l’Italia si è rifatta a pieni voti, anche se il match, il più bello della serata, si sarebbe potuto chiudere in parità tra due bronzi olimpici. Ma il tempismo e la velocità del napoletano di Casoria Vincenzo Picardi, agente di polizia e medaglia di bronzo a Pechino 2008 ed ai mondiali di Chicago 2007, rispetto al russo Georgy Balakshkin, della Dinamo, campione d’Europa nel 2002, 2004 e 2006, anche lui bronzo a Pechino 2008, hanno avuto la meglio sul verdetto.
Finito in parità, invece, l’incontro dei 54 Kg. tra il casertano del Centro Sportivo Esercito Vittorio Jahin Parrinello, campione Italiano in carica e, dopo aver partecipato alle scorse Olimpiadi, medaglia d’argento ai 52simi Campionati Mondiali Militari Baku 2008, ed il russo Eduard Abzalimov, della Dinamo, campione russo e campione d’Europa nel 2008. Un bel match per il nostro azzurro che ha contrastato un avversario ostico.
A chiudere la serata sono state le due vittorie dei due colossi azzurri.
Il Tatanka di Marcianise, medaglia d’argento di Pechino 2008 e campione mondiale a Chicago 2007, in grande forma, nei 91 Kg. ha superato brillantemente ai punti il russo Egor Mekhontsev, della Dinamo, campione d’Europa nel 2008, confrontandosi, però, con un avversario alla sua altezza. 
Nei +91 Kg. vittoria scontata, in un match comunque bello, quella del “ragioniere del ring” Roberto Cammarelle, storica medaglia d’oro a Pechino 2008, dal palmares strepitoso, che annovera tra gli altri otto titoli italiani e l’oro mondiale a Chicago 2007. L’azzurro di Cinisello Balsamo ha battuto il russo Dzhamal Kasumov, medaglia d’argento ai Campionati del Mondo Militari Russi nel 2006,  che si è dovuto arrendere alla seconda ripresa in seguito ad una ferita, accusando anche un forte dolore al braccio. 
n viaggio verso Garlasco, dove domani, a partire dalle ore 17.30, presso il Palazzetto dello Sport si svolgerà la seconda tappa del Dual Match, i due tecnici federali Francesco Damiani e Raffaele Bergamasco commentano gli incontri di Milano: “Una serata emozionante, in ricordo del grande Giovanni Parisi, e senza dubbio tra le più belle svoltesi finora. La cornice di pubblico è stata impressionante, senza contare l’alto livello tecnico dei match. Gli azzurri sono stati tutti veramente bravi. Dieci anni fa la Russia ci avrebbe annientati. Ieri il punteggio di 5 a 4 ci ha riempiti d’orgoglio. Sui tre olimpici non c’è da dire nulla. Hanno dimostrato il loro valore, soprattutto Picardi che ha disputato un incontro entusiasmante, quasi fosse una finale del mondo! Il pubblico ha esultato con lui. Clemente ha surclassato il suo avversario, che comunque è stato all’altezza. Lo stesso vale per Cammarelle, che in due riprese ha conquistato il ring. Gli altri azzurri non sono stati da meno. Ci hanno messo il cuore e si sono battuti fino allo stremo. Bel combattimento quello di Marziali, che forse sarebbe dovuto finire in parità. Chi avrebbe meritato di più è Parrinello, mentre meno De Donato, la cui superiorità non è stata netta rispetto al’’avversario. Di Savino e Grieco si sono battuti contro avversari ostici ma hanno tenuto duro fino alla fine mostrando grande forza di volontà e voglia di arrivare. Vangeli è l’unico che forse avrebbe potuto fare di più; di sicuro deve ancora maturare. A Garlasco ci attende un’altra difficile sfida ma per ora siamo più che soddisfatti”.

LA MESSA IN ONDA SU SKY SPORT 2 DI GARLASCO…
La seconda tappa del Dual Match Italia vs Russia a Garlasco sarà trasmessa su SKY SPORT 2 in differita venerdì 10 aprile p.v. dalle ore 22.15 alle ore 24.00. La telecronaca degli incontri sarà a cura del giornalista Mario Giambuzzi.

Michela Pellegrini

Ufficio Comunicazione FPI

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi