Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Grande successo al Memorial Carlo Duran | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Grande successo al Memorial Carlo Duran

Carlo DuranLa Pugilistica Padana dei fratelli Massimiliano ed Alessandro Duran, ha organizzato l’ormai tradizionale ” Memorial Carlo Duran ” giunto quest’anno alla quindicesima edizione. Un folto pubblico di appassionati della nobile arte ha riempito , in ogni ordine di posti , il “PalaCaneparo” sancendo il grande successo della manifestazione ed omaggiando al meglio il ricordo di quel grande campione che fu papà Carlo. Non sono mancati gli ospiti illustri , oltre naturalmente a Massimiliano ed Alessandro , sono infatti saliti sul ring , l’immancabile “Regina di Romagna” Simona Galassi, gli ex campioni Gianni Gelli , Alberto Servidei ed il presidente della Lega Pro Carlo Nori. Il corposo programma é stato suddiviso in due parti che ha visto impegnati , dalle 18 alle 20 , giovani dilettanti in sei interessanti match , di cui due femminili e , dalle 21 in poi, dopo un doveroso omaggio a Roberto Ranzani giocatore prima, dirigente poi della S.P.A.L., ad altri tre incontri dilettantistici,tre di pugili neo – pro per finire con il clou che faceva registrare il rientro all’attività di Leonardo Damian Bruzzese, dopo la bruciante sconfitta patita per mano di Maurizio Lovaglio.Tra i neo -pro era molto atteso il debutto del comacchiese Simone Carli, giovane talentuoso, opposto al più navigato russo , di stanza a Bologna, Vadim Dedov ( 2+ 4- 1=) ed il giovane pupillo dei Duran non ha deluso le attese , mostrando per tre round una boxe spumeggiante, in particolare con un intenso lavoro al corpo, mal digerito dal pur solido avversario, che ha dovuto ricorrere a tutta la sua esperienza per non essere travolto. Una ferita tra la parte alta della fronte ed il sopracciglio destro hanno consigliato il medico a porre fine al combattimento, peraltro saldamente nelle mani del pugile di casa.Toccava poi al peso medio Emanuele Zagatti, ( 1+ 1= 2-) , reduce dalla vittoria ottenuta, al Teatro Principe di Milano, a spese di Alain Kourouma, opposto al debuttante toscano , di origine kossovara, Sead Mustafa  fratello di quell’ottimo pugile che fu Ilir Mustafa. E’ stato un incontro valido dal punto di vista agonistico , molto meno da quello tecnico ,che ha visto il pugile ferrarese costantemente in avanti con azioni non sempre limpide e l’ostico Mustafa che cercava di contrarlo con il suo pungente sinistro. Il verdetto di parità emesso dai giudici è sembrato equo anche se Zagatti, per la sua generosità, forse meritava qualcosina in più. Il leggero Marco Iuculano (5+1-) che rientrava dopo alcuni mesi di stop , per un problema ad un occhio che gli aveva interrotto , lo scorso anno, la rincorsa al titolo italiano neo -pro ha impiegato poco più di un round , per avere ragione del romagnolo Filippo Lugaresi ( 6-)  un pugile che ha mostrato grande fragilità. Iuculano lo ha investito fin da subito con  potenti bordade che Lugaresi ha incassato a fatica , accusando soprattutto alcuni colpi al fegato e buon per lui che una ferita all’inizio del secondo round ha posto fine al combattimento, risparmiandogli guai più seri. Il match clou vedeva, come detto, il rientro di Damian Bruzzese (14+ 2-) opposto all’ungherese Istvan Orsos ( 10+ 34- 2=). Non ci si poteva certo aspettare una prova di grande spessore dall’ex campione italiano, in questo primo test di un cammino che , secondo le sue intenzioni , dovrebbe riportarlo alla conquista del titolo italiano. Bruzzese ha vinto, come era logico, ma non scontato, tutte e sei le riprese , facendo il minimo indispensabile, senza guizzi particolari , senza attraversare nessun momento di difficoltà e mai mettendo in difficoltà il pugile magiaro che ha svolto con impegno e dignità il suo compito di collaudatore. Comunque l’importante era, vincere, rompere il ghiaccio ,gli avversari più impegnativi ed i progressi necessari per raggiungere certi traguardi , arriveranno gradualmente. In chiusura il premio ASI , quale miglior pugile della manifestazione, “Memorial Carlo Duran” è stato assegnato a Simone Carli. RISULTATI: DILETTANTI. 69Kg. Luca Menini ( Boxe Cavarzere) b Dumitru Gaidaenco (Ferrara Boxe) Kot.2 – 54 kG. Ajhan Skender ( Gordini Boxe) b Andrea Abate ( Pug. Padana Vigor ) p: – 57 Kg: Antonio Barone ( Pug: Padana Vigor) b Rifat Peqini (Gordini Boxe) p – 60 Kg: Mohamed Mihoubi ( Pug: Padana Vigor) b Abde Charkaoui /( Boxe Cavarzere) Kotc 2 – 64 Kg: Maurizio Gigliotti ( Pug. Padana Vigor)  e Gregorio Marinaro ( Ferrara Boxe) pari: – Daniele Zagatti ( Pug. Padana Vigor ) e Mattia Baldon ( Boxe Cavarzere ) pari – 75 Kg: Nicola Pavera ( Boxe Cavarzere ) b Michele Di Nauta ( Pug: Padana Vigor) p: –  81Kg. Luigi Benvenui ( Regis Boxe) b Alex Magosso ( Pug. Padana Vigor) p:  DONNE: 60 kg: Rachele Barotto (Ferrara Boxe) b Ilaria Sinigaglia ( Pug. Padana Vigor) p. – Elisa Iuculano ( Pug. Padana Vigor.) E Stella Bartoletti ( Ravenna Boxe) pari –  NEO PRO: Leggeri: Simone Carli b Vadim Dedov Kotc 4 – Marco Iuculano b Filippo Lugaresi Kotc 2 — Medi : Emanuele Zagatti e Sead Mustafa pari. – PROFESSIONISTI: Massimi Leggeri: Leonard Damian Bruzzese b Istvan Orsos p. 6.

(Fausto Borgonzoni)