cherchi-salvatore.jpgVenerdì sera a Torino torna la grande boxe: Campionato Europeo pesi superleggeri – Lynes Vs Branco.
Manca da 22 anni la grande boxe a Torino. Per ricucire la storia e per rigenerare un entusiasmo che in passato fu veramente importante (sul ring del Palasport del Parco Ruffini ben 3 titoli mondiali e 6 europei) la OPI 2000 di Salvatore Cherchi, la sigla che più di ogni altra rappresenta il pugilato professionistico italiano, ha allestito un programma di prestigio.

 

Il clou è costituito dalla corona continentale dei superleggeri che l’inglese Colin Lynes ha accettato di mettere in palio in Italia, garantendosi peraltro la borsa più spessa di tutta la carriera, per misurarsi con lo sfidante ufficiale, il laziale Gianluca Branco. L’incontro era stato programmato già nel febbraio scorso ma una lesione ad una mano lamentata dal britannico, aveva imposto un rinvio. Ed ora finalmente si gira: Lynes combatte per la prima volta fuori United Kingdom, e ciò spiega con quale attenzione sia stata costruita la sua carriera (31 vittorie e 3 sconfitte), Gianluca ha 7 anni in più del rivale, ma la sua storia è stata palesemente più importante: ex campione europeo imbattuto dei pesi superleggeri con due assalti iridati. L’occasione che gli si presenta, suona come match della vita: Gianluca appartiene alla categoria dei “pugili di grande coraggio”. La sua chance è sicuramente difficile, non impossibile, anche se i bookmakers inglesi danno Lynes favorito
a 2/5, con il laziale a 2 contro 1, e con il pareggio a 25 contro uno.
copia-di-branco-gianluca-mondoboxe.jpg

L’incontro verrà teletrasmesso da Italia 1 a partire dalle ore 23.20. Nel satellite si è inserita nelle ultime ore anche Sky Sports Inglese che ha acquistato le immagini live del match, assommandosi ad Eurosport che a sua volta trasmetterà, in differita, l’incontro in ben 54 paesi. Prezioso anche il sottoclou, con la presenta del gentleman della boxe italiana, Michele Piccirillo, sfidante al titolo continentale dei medi junior e ancora una volta in fase di rilancio, alla sintesi di una carriera che lo vuole tuttora protagonista. Poi la grande sfida dei pesi massimi tra Paolone Vidoz che riprende la via della battaglia misurandosi contro un inglese, Matthew Ellis: nel suo progetto 2008 c’è il ritorno al titolo continentale della categoria che gli è già appartenuto.
La riunione sarà lunga, all’americana, con ben sei incontri, ed avrà conseguentemente inizio alle ore 20. Il quarto match in ordine di importanza sarà quello con il campione delll’unione europea dei superleggeri Giuseppe Lauri e lo slovacco Kovac, poi il funambolo
tunisino di passaporto australiano, 2 volte sfidante al mondiale IBF dei pesi superleggeri, Naoufel Ben Rabah ed infine un incontro d’apertura che piacerà tanto agli inglesi collegati in TGV tra i piuma, l’irlandese Lindsay e l’inglese Callaghan. I prezzi dei biglietti. Parterre 35 euro, primo anello 25 euro, secondo anello 15 euro.

CONFERENZA STAMPA:
mercoledì 14 maggio ore 15.00 presso palazzo dello sport di Parco Ruffini, Torino
PESO:
giovedì 15 maggio ore 18.00 presso hotel Alexandra – Lungo Dora Napoli 14, Torino

Comunicato OPI 2000

La foto di Gianluca Branco è tratta da www.mondoboxe.com

Di Alfredo

5 pensiero su “Branco alla conquista di un europeo stregato”
  1. Ritorniamo al punto di partenza. Atteggiamenti o non atteggiamenti, simpatie o antipatie e tutto quello che ci vuoi mettere: la mia domanda è sempre la stessa: “Branco è una sega perchè ha perso con Gatti, Cotto e Lynes?”. Ci sono stati invece dei pugili mediocri che si sono fatti passare per campioni con un buon battage pubblicitario, ma ti posso garantire che non lo erano. Branco a sentire te ha fatto un battage pubblicitario al contrario, per rendersi antipatico. Le dichiarazioni dopo il match contro l’avversario sono di prammatica, compreso le scusanti, fa parte del gioco. I pugili che tu hai menzionato tranne il primo e l’ultimo lo hanno fatto in abbondanza. Non per questo li condanno. Cominciamo anche a ribadire il fatto che Branco ha 38 anni.Poi il fatto che non ha vinto niente di serio non mi sembra la verità essendo già stato campione d’europa. Semmai c’è da discutere che in Italia abbiamo un solo titolo europeo per di più detenuto da un pugile di 38 anni. Non è un buon periodo, speriamo di rifarci.
    ti saluto
    alfredo

  2. Alfredo scusa, ma non concordo.

    Branco ha avuto le migliori opportunità, ovvero Gatti e Cotto e non le ha affrontate umilmente e con coraggio ma con boria.

    finito l’incontro con Cotto ha detto che “non è nessuno, se non mi faceva male la spalla vincevo”, con Gatti prima “mi ha colpito con un pugno fortunato”.

    Ora, io penso che se non si parte nella vita dall’ammettere i propri sbagli sia impossibile migliorarsi e Branco è un presuntuoso, con una tecnica rimasta sempre uguale negli anni (perchè si considera bravissimo) e che non ha mai vinto niente di serio e non si è mai migliorato perchè il suo ego glielo impedisce.

    Quando a questo ci aggiungi furti come quelli di ieri, diventa ancora più simpatico.

    Messi è un pugile serio, onesto, modesto e valido.

    Sarritzu è un pugile anch’egli da ammirare, come Paolone Vidoz.

    Ma Branco no, Branco è una sfortuna per questo sport perchè sputtana con i suoi atteggiamenti il lavoro vero e serio dei vari Sarritzu, Vidoz, Messi, Salvini e fa passare la boxe per una buffonata (come il verdetto di ieri sera).

  3. Diciamo la verità: il verdetto è ingiusto. L’inglese aveva meritato di vincere. L’unica cosa che non capisco è che quando uno perde diventa una sega.Ricordiamoci che Branco ha sempre onorato il pugilato italiano e all’estero ha avuto il coraggio di battersi con gente del calibro di Arthur Gatti e Miguel Cotto. L’ingiustizia è un conto, ma il valore di un pugile è un altro.

  4. ha ragione Mario Bibolini.

    Branco è il degno compare di un altro buffone che ha rubato il titolo, ovvero Cantatore e che alla prima vera difesa ha fatto una figuraccia.

    Ladro.

    Ha perso nettamente e si è pure rallegrato del titolo, anzichè vergognarsi.

    Branco la nullità, quello che deve ancora riprendersi dal pugno di Arturo Gatti che lo ha fatto finire seduto, che ha combattuto con Cotto e le ha prese nettamente ma ancora una volta a dire cazzate sulla spalla.

    Branco sa vincere solo a parole o solo rubando, è una vergogna per la boxe italiana e grazie a ladri come lui la gente smetterà definitivamente di guardare il nostro bellissimo sport, stanca di questi furti,

  5. Il verdetto favorevole a Branco è scandaloso: il pugile inglese è stato in difficoltà in una sola ripresa: la settima; Branco ha subito un atterramento e ha perso nettamente almeno otto riprese. Il pugilato italiano con questi verdetti strappa un titolo europeo ma perde di credibilità.
    Un saluto a tutti gli amanti della nobile arte.

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi