Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Domani a Varese tra Gallo e Le Couviour in palio l’UE supergallo | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Domani a Varese tra Gallo e Le Couviour in palio l’UE supergallo

manifesto_panthers_restyle_bandiere

di Giuliano Orlando

E’ finalmente andata in porto la sfida che assegna la cintura dell’Unione Europea supergallo, fissata in un primo tempo a metà marzo, rinviata per un problema muscolare di Iuliano Gallo (11-2), per cui l’organizzazione Royal Boxing Team di Massimo Brognara e la Panthers di Augusto Lauri, con la Why Sport e la Recupero Scarti Industriali sponsor principali, hanno dovuto trovare la data giusta e non è stato facile. Sabato al PalaInsubria di Varese, il pugile di casa e l’imbattuto  francese Terry Le Couviour (13) si troveranno di fronte per conquistare l’ambito titolo.  Iuliano, 26 anni, nato a S. Giovanni in Fiore nel cosentino in Calabria, trasferitosi a Binago nel comasco,  al tempo delle elementari, è entrato in palestra a 14 anni nel gym di Augusto Lauri, dove è cresciuto fino al professionismo. Oggi risiede a Faloppio provincia di Como, lavora alla Kimera Accademy dove tiene corsi  di pugilato, opera  nel settore del volontariato e lavora nella sicurezza.  Dall’esordio, avvenuto l’11 luglio 2015, ha disputato 13 match, 11 vinti e due perduti. Lo hanno sconfitto Luca Genovese nel 2016 e Luca Rigoldi a Montichiari (Bs) nel dicembre 2016 per il tricolore, verdetto al veneto per SD, ritenuto il confronto più spettacolare dell’anno.  Emblematiche le ultime due vittorie, a spese di Vittorio Parrinello per il tricolore e Daniele Limone nella prima difesa, entrambi ex campioni italiani. Stavolta l’avversario arriva dalla Francia, nato ad Auray in Bretagna il 16 maggio ’94, prossimo ai 25 anni, due meno del suo avversario. Avviato al pugilato dal padre, che conduce una palestra, dopo una discreta attività dilettantistica ha debuttato nei pro il 24 gennaio 2014, disputando 13 incontri chiusi tutti in modo positivo.  Il successo più importante sull’esperto Anthony Buquet, 38 anni, battuto il 27 aprile 2018. Nel record di Buquet figurano il doppio successo su Salvini, ma anche la sconfitta per KO a Dieppe contro Giodi Scala. Terry  Viene descritto come un ottimo tecnico che non disdegna l’attacco per linee interne.                                                                            Comunque una sfida molto equilibrata, come conferma lo stesso Gallo: “E’ l’incontro più importante della mia carriera e anche il più difficile, Augusto Lauri il mio maestro ha visto alcuni filmati e mi ha confermato che dovrò disputare un match perfetto, tutto all’attacco ma con giudizio. La preparazione stavolta è stata più lunga, dovuta all’infortunio all’estensore del bicipite destro, dovuto ad un sovraccarico di lavoro. Adesso è tutto ok e ritengo di aver raggiunto il top della condizione al momento giusto. Anche se il francese viene considerato un pugile in ascesa, non significa sia insuperabile”.                                                                                                     

Qualora la spuntassi, si aprirebbe l’opportunità di ritrovarti il campione d’Europa, col quale hai un conto in sospeso.

“Luca Rigoldi è molto bravo, è migliorato e merita il titolo conquistato all’estero. Quando ci siamo affrontati eravamo sicuramente meno esperti e ognuno ha preso la sua strada. Avessi  vinto io forse potevo imitarlo. Purtroppo due giudici preferirono lui e io dovetti iniziare da capo. In caso di vittoria, il mio manager farà l’impossibile per darmi l’opportunità europea. Ma adesso debbo pensare a questo incontro difficile”.                             

Al peso il francese si è detto sicuro di avere qualcosa in più del rivale: “Ho visto alcuni filmati dell’italiano e sono certo che la sua boxe si adatta alle mie caratteristiche. Mi ritengo superiore nella scelta di tempo e questo dovrebbe fare la differenza. Negli ultimi tempi gli italiani hanno vinto in Francia, stavolta sarò io a cambiare la tendenza”. La serata inizierà alle 21 con una dozzina di incontri tra dilettanti, a seguire il debutto del superwelter Stefano Lucca, di Tradate nel milanese, allievo di Lauri, 26 anni che trova il romano Jacopo Fazzino (1) 25 anni, reduce dalla vittoria su Bazzoni e Roma, finito KO al secondo round, dato favorito. La prevendita è operativa da Panthers in via Golgi, 2 – telefono: 3409525433, a Ronago (Co) presso la Ringo Boxe – via Asilo, 17 – tel. 3469748874.                                                                   In Italia sabato si svolgono altre riunioni. A Catania; medi: Gianluca Pappalardo (0-1), siciliano nato in Germania, 21 anni, contro Claudio Buonaparte (0-0-1) di Segrate (Mi), 25 anni, pari con Rizzi ad Ascona in Svizzera, 6 t. A  Villabate (Pa); welter: Antonio Gualtieri (5-1) di Catanzaro 35 anni, contro Fabio Selvaggio (0-6), fiorentino di 40 anni. A Pescara; mediomassimi: Davide De Lellis (3-1-1) abruzzese di 24 anni, contro Stiven Dredhaj (3), albanese di 23 anni, residente a Savigliana nel cuneense; medi: Luca Spadaccini (2-0-2) di Pescara, 29 anni, contro Mark Franks (4-5-1) inglese residente a Malta, viene da 4 sconfitte.  Ad Ascoli Piceno; mediomassimi: David Bike (1-1) nato in Cameroon, residente a Cassino, contro Eros Seghetti, 25 anni, debuttante di Ascoli,.