Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Il contorno di Fragomeni-Wlodarczyk | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Il contorno di Fragomeni-Wlodarczyk

di Alfredo Bruno

p1010523-b-nSalvatore Cherchi ha già presentato a Milano nella stessa serata in cui Fragomeni ha battuto Kraj il messicano Adrian Hernandez (+14, 11 per ko, – 1, =1) e il mosca ha entusiasmato per la sua boxe pirotecnica e sostanziosa vincendo sul connazionale Ivan Meneses. Il manager lo ripresenta a Roma al Gran teatro di Tor di Quinto e stavolta sulle 6 riprese ad affrontare un altro messicano, Abel Ochoa (+13, 9 per ko, – 12). Cherchi scommette su questo piccolo uomo che in patria chiamano “El Confesor”, vale a dire colui che infligge la “penitenza” ai suoi avversari, e conta di portarlo in breve tempo al titolo mondiale.


Un altro atleta su cui Cherchi punta è il giovane Mirko Larghetti che l’anno scorso tra i pesi massimi nella finale si è laureato campione battendo Francesco Cataldo agli Assoluti. Larghetti ha ben impressionato nel primo match da professionista battendo il suo avversario prima del limite. E’ nato a Frontino piccolo comune tra Pesaro e Urbino. Combatterà sulle 4 riprese contro Sandor Balogh (+ 1, -10, = 1),  pugile ungherese di una certa esperienza.
Dalla Polonia oltre a Wlodarczyk nella stessa categoria dei massimi leggeri arriva anche Artur Szpilka un lungone di 1,93m., ottimo dilettante, imbattuto da professionista con tre vittorie. Il veterano ungherese Zoltan Kallai (+ 10, -13, = 7) proverà a fermarlo, ma non sarà impresa facile.
Andrea Moretti apre la serie dei romani affrontando Mihaly Kratki (+5, -23, = 3) un ungherese più giovane di lui ma pugilisticamente più maturo. Moretti ha un destro molto solido ed è lo sparring di Giorgio Marinelli all’Olympic Boxe Gym.
Emanuele Blandamura (+ 8) sa che all’età di 29 anni il tempo corre implacabile. Il giovane tiene saldamente dentro di se lo spirito guerriero dei “Sioux”, il popolo dei pellerossa che lo ha sempre appassionato. E’ nato ad Udine, ma risiede da tempo a Roma e si allena nella palestra di Antonio Zonfrillo e Franco Federici. E’ pugile spettacolare se in giornata, ed è capace di qualsiasi risultato, mentre viceversa può incappare in una serata di luna storta come è avvenuto a Fiumicino contro Di Fiore. Il giovane sembra intenzionato a recuperare il tempo perduto e lo dimostra affrontando Ferenc Olah (+ 9, -11, = 2), pugile ungherese da non sottovalutare che in quest’ultimo tempo ha dimostrato progressi di un certo interesse.
Vittorio Oi (+ 10, -1, = 1) per certi versi in una riunione così importante con un titolo mondiale non poteva mancare. “The Time machine” recentemente ha sbalordito tutti andandosene in Francia a battere ai punti dopo un match entusiasmante l’idolo di casa Frederick Tripp. Gli è stato scelto come avversario lo spagnolo Sento Martinez (+ 4, -10, = 3) che in patria chiamano “Tsunami”, un nomignolo che non promette certo bene, ma il pugile di Pomezia interpreta la boxe alla stessa stregua di un’opera d’arte e sarà un piacere ammirarlo.
Chi scalpita è Emanuele Della Rosa (+ 19, 8 per ko). Il giovane cerca di raggiungere con la nuova gestione quei traguardi alla portata di un fisico eccezionale. Dovrà frenare, però, il suo temperamento che lo porta spesso a viaggiare sull’orlo della squalifica. Negli ultimi match sembra avere sbloccato il suo temperamento tumultuoso. Le sue possibilità sono notevoli e ancora tutte da scoprire. Al francese Sebastien Spengler (+ 14, -8, = 2) tocca l’ingrato compito di tastarne le doti potenziali. Non sarà comunque un match facile per “Ruspa”, perché il suo avversario è giovane e non nasconde le sue ambizioni, oltrettutto proviene da una scuola e da una nazione che sta dando parecchi grattacapi ai pugili italiani.

copia-di-dsc_9393
PROGRAMMA
Ore 20,10 –  Massimi Leggeri: Artur Szpilka (Polonia ) c. Zoltan Kallai ( Ungheria – kg. 83,00) 4r.
Ore 20,30 – Massimi Leggeri: Mirko Larghetti (Italia – kg, 88) c. Sandor Balogh (Ungheria- kg. 92,500 ) 6r.
Ore 20,50 – Medi: Emmanuele Blandamura (Italia – kg.72,500) c. Ferenc Olah (Ungheria- kg. 70,00) 6r.
Ore 21,10 – Massimi Leggeri: Andrea Moretti (Italia – kg. 86,200) c. Mihaly Kratki ( Ungheria – kg. 89,500) 4r.
Ore 21,30 – Superleggeri: Vittorio Oi (Italia – kg. 65)) c. Sento Martinez (Spagna – kg. 64,500) 6r.
Ore 22,00 – Minimosca: Adrian Hernandez (Messico – kg.49,00) c. Abel Ochoa (Messico – kg. 50,00 ) 6r.
Ore 22,30 – Superwelter: Emanuele Della Rosa (Italia – kg.70,800) c. Sebastien Spengler (Francia – kg. 69,500) 6r.
Ore 23,15 – Massimi Leggeri: Giacobbe Fragomeni (Italia – kg. 89,400) c. Krzysztof Wlodarczyk (Polonia – kg. 90,00) 12r. Titolo Mondiale WBC.
Arbitro: Ian John Lewis (Inghilterra)
Giudici: Robin Dolpierre (Francia), Esa Lehtosaari (Finlandia), Richie Davies (Inghilterra)
Supervisore: Bob Logist (Belgio)

La manifestazione inizierà alle 20.10 e sarà trasmessa, in diretta, su Rai Due a partire dalle 23.15.

Questi i prezzi dei biglietti: 80 euro (prime tre file), 50 euro, 35 euro, 25 euro e 15 euro.
E’ possibile acquistarli in prevendita tramite il sito www.listicket.it.

Call center e infoline: 892982 – www.opi2000.com

La foto scattata alle operazioni di peso è di Renata Romagnoli