Pavan ha mosso i primi passi come tecnico nel 1956 con la società Jesolo Ring.

Di lì a poco ha iniziato a sfornare una serie di pugili interessanti, proiettandoli a livello nazionale, dove sono stati considerati e stimati con sommo rispetto. La lista di campioni forgiati sotto le sue cure rifrangenti è lunga. Si ricordano tra i tanti Baseotto, Martin, Niero, Baldo, Bertoluzzo, Visentin, Calvi, Lucchetta, Mambrin, Vettoretto. Nel 1964 si è trasferito a San Donà di Piave e assieme ad un gruppo di amici ha costituito la Boxe San Donà.

Nella nuova fucina Pavan ha continuato a forgiare nuovi giovani avviati alla pratica del pugilato.

Le sue particolari doti di “guida” hanno messo in evidenza i suoi allievi a livello regionale e nazionale. In quel periodo fiore all’occhiello del nuovo sodalizio è stato Paolo Marzio, due volte campione d’Italia. Nel 1956 Pavan ha sostenuto con successo l’esame di manager e sotto la sua procura sono passati professionisti Garbo, Bomben, Grando, Martinis, Ambrosio, Busanel, Pillon, Vettoretto, Baseotto Luigi, Niero, Sarti, Favotto, Foffano e la medaglia di bronzo olimpica Bepi Ros.

Pavan ha organizzato manifestazioni in tutto il Veneto e i suoi professionisti hanno combattuto in tutta Europa. Il suo fruttuoso rapporto con il pugilato dilettantistico è terminato nel 1976, quando i suoi professionisti hanno assorbito al massimo grado il suo impegno professionale. Quattro anni dopo, per motivi di lavoro, a malincuore ha dovuto recidere il legame anche con il mondo professionistico, continuando a dispensare i suoi preziosi consigli a quanti lo hanno voluto avvicinare e contattare.

Fonte www.sportenote.com

 

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi