Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

2° Gran Galà di boxe a S. Giorgio a Liri tra gli applausi | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

2° Gran Galà di boxe a S. Giorgio a Liri tra gli applausi

di Luigi Capogna

Cala il sipario su questo 2° gran galà di pugilato nello splendido scenario di S. Giorgio a Liri dove sabato scorso 2 giugno, in moltissimi hanno potuto ammirare diversi giovani talenti pugilistici ciociari e l’esordio assoluto al professionismo del promettente superwelter “santangelese” Alessandro Rotondo.
Una riunione dagli alti contenuti tecnici e spettacolari perfettamente organizzata dalla palestra “G.S. Training Cassino” con la fattiva collaborazione del main sponsor Fabio Moretta proprietario del Bar dello Sport, Eco Liri, Dokito Caffè e Nuovo Bar Centrale di William Tanzi con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale che nella persona del vicesindaco Massimo Terrezza, durante le premiazioni, ha ricevuto, una targa ricordo a testimoniare il sostegno per questo avvenimento pugilistico diventato ormai un imperdibile appuntamento di ogni inizio estate sangiorgese.
La manifestazione ha mostrato quanto già si sapeva e cioè che il problema dell’avviamento all’arte pugilistica è ormai entrato a far parte della mentalità di tutti gli insegnanti, i quali attingono quasi esclusivamente dalle file di questi giovanissimi la cui graduale maturazione tecnica avviene in forma assolutamente spontanea. Per l’assemblaggio del materiale umano delle varie palestre si dedica, ormai da molto tempo a questa parte, il maestro Sergio Simula che in nome dell’Unione Pugilistica della Provincia di Frosinone ha curato anche in questa occasione le esibizioni di Dajana Di Liberto, Maria Pia Stirpe, Nicolò Mariano, Flavio Mariano, Enrico Ruscillo, Antonio Spada, Caterina Tomasso, Giada Tanzi, Alessandro D’Agostino e Simone Pelinio che hanno dimostrato, ammesso che ce ne fosse ancora bisogno, come il pugilato modelli in maniera perfetta la mente ed il fisico specialmente durante la crescita adolescenziale nel pieno rispetto delle regole e dei sani principi in una società sempre più intrisa di infinite incertezze e false aspettative specialmente per le future generazioni che possono riscoprire nella boxe tutto ciò che spesso sfugge allo logica della vita.
E in questa fase di crescita è determinante la distribuzione armonica delle potenzialità fisico-mentali dei piccoli atleti ed è particolarmente importante il controllo dell’ansia prima del confronto, il dosaggio del vigore agonistico e soprattutto la considerazione individuale dei propri mezzi in funzione di determinati processi mentali, di emozioni e di sentimenti; in una parola il sostegno all’incremento dell’auto-stima per un migliore atteggiamento meno passivo e più reattivo per il superamento delle difficoltà e degli ostacoli che immancabilmente ci sono sia nella vita di tutti i giorni che in quella di ogni atleta.
La serata agonistica è iniziata con l’esordio tra dilettanti al limite dei 64 kilogrammi di Francesco Vizzaccaro della palestra”G.S.Training Cassino” contro Cosimo Quaglieri allievo del maestro Mottola che nonostante la maggiore esperienza ha replicato solo con azioni scoordinate alla veemenza di Vizzaccaro che si è aggiudicato con merito il verdetto.
Nei pesi mosca il piccolo talento Claudio Simula, allenato e seguito da sempre dall’attento papà Sergio, ha riportato una limpida vittoria nei confronti di un Lorenzo Malandra, meno strutturato e carente di fisicità di Simula che sta crescendo sempre più a livello caratteriale e mostra evidenti miglioramenti strutturali anche se avrebbe potuto magari boxare di più e dettare i tempi a suo piacimento; l’importante è seguire una tabella precisa di evoluzione per un ragazzo generoso e sensibile come pochi.
Nei pesi welter il cassinese Andrea Miele della “G.S. Training” si è mostrato abbastanza timoroso e poco reattivo di fronte a un ottimo Stefano Ronzitti della “Vasto Ring” che lo ha sistematicamente bloccato per le prime due riprese e non gli ha lasciato lo spazio necessario per entrare nella sua attenta guardia; solo la maggiore reattività nella terza ed ultima ripresa di Miele ne ha evidenziato il maggior temperamento e il giusto premio del verdetto a lui favorevole.
Tobia Corbisiero della “Minotaur Boxe” nei pesi superleggeri ha avuto una vita difficile contro il bravo Luigi De Masi della “Barrale Boxe” che ha palesato delle ottime qualità di base pur concedendo il verdetto al rivale per discontinuità d’azione e poca incisività.
Andrea Tiberia della “ASD D. Tiberia” è risultato il meritato vincitore del generoso polacco Patryk Boczarski della “Vasto Ring” un ottimo peso medio ben impostato che, pur essendo al suo secondo match e meno esperto del nostro nipote d’arte, ha saputo imbrigliare l’incontro con ripetuti corpo a corpo specie nella parte finale ma non a cambiare il giudizio dei giudici che hanno giustamente premiato la maggior tecnica e scioltezza atletica del bravo Tiberia che a sprazzi ha mostrato eleganza, tecnica e determinazione .
Nei pesi gallo Alessio De Leonardis della “Hurricane Boxe” ha avuto la meglio su uno scoordinato Giorgio Gaglione che tra gli “Elite” sta sistematicamente trovando non poche difficoltà per la sua boxe poco incisiva, contratta e poco fluida. In palestra il suo maestro Tucciarone dovrà lavorare molto per riportare il suo ragazzo ad uno standard più congeniale in una categoria, dove pur essendoci penuria di atleti, si esaltano tecnica pugilistica e ordinata aggressività rispetto alla potenza.
Bella prestazione di Virgilio Vinciguerra che ha letteralmente dominato il volenteroso Alessandro De Cicco allievo dell’ex pugile Gioacchino Mocerino della palestra ”Minotaur Boxe” che pur dimostrando un’ottima tenuta atletica nulla ha potuto contro il supermassimo di casa che si è presentato più preparato e volenteroso di fronte ai tanti suoi sostenitori anticipando e rientrando sistematicamente il rivale che spesso e volentieri restava troppo sui colpi e si limitava a schivare per poi non rientrare mai nella guardia momentaneamente sguarnita di Vinciguerra.
Per l’esordio al professionismo di Alessandro Rotondo è stata scelta una location suggestiva con una cornice di pubblico particolarmente attento agli sviluppi di un match incerto e spettacolare. L’inizio per la verità, è stato un po’ in salita per Alessandro che ha dovuto ricorrere a tutto il suo bagaglio tecnico e alle sue più recondite energie per contenere un muscoloso Roberto Elce che pur se richiamato nel corso della terza e quarta ripresa per uso improprio della testa, ha dimostrato una forza di reazione inaspettata specialmente sul finire del quinto e inizio del sesto round dove ha profuso tutto se stesso per avere il favore dei giudici che però hanno ritenuto di premiare giustamente Rotondo. Per lui buona la prima ma per il prosieguo tra i pro è necessario, a secondo degli obiettivi, curare in maniera meticolosa e professionale ogni componente della futura attività. Il professionismo, in Italia, è già di per sé in continua crisi d’identità e di crescita e se venisse praticato con improvvisazione o superficialità sarebbe più saggio limitarlo a un divertente diversivo. Rotondo da ragazzo serio, saggio e giudizioso è perfettamente cosciente dei propri smisurati mezzi, conosce benissimo le proprie caratteristiche e sicuramente saprà gestirsi al meglio per raggiungere i più ambiziosi traguardi nel difficile mondo della boxe.
Prossima riunione nel fitto calendario pugilistico dell’Unione Pugilistica della Provincia di Frosinone il “4° Memorial Pietro Delicato” a Cassino presso il campo n° 2 del “Gino Salveti” per sabato 16 giugno curato ed organizzato come sempre dalla “G.S. Training Cassino” con il supporto della Banca Popolare del Cassinate, di tutta la famiglia Delicato ed in particolare del quintogenito Luciano. Combatteranno tanti giovani talenti come l’estroso nipote del compianto campione dei pesi massimi a cui è dedicato il Memorial e per i professionisti la grande promessa “il cassinese del Camerum” David Bika opposto all’emergente Luca “War Machine” Spadaccini il “lupo di Roccamontepiano” per contendersi la scalata ai vertici nazionali dei pesi mediomassimi. Un altro appuntamento da non mancare assolutamente!!

Risultati dilettanti:
pesi sleggeri: Francesco Vizzaccaro(G.S. Training) vp Cosimo Quaglieri(Venus); pesi mosca: Claudio Simula(Pug. Venus) vp Lorenzo Malandra(Hurricane Boxe); welter: Andrea Miele (G.S.Training) vp Stefano Ronzitti( Vasto Ring); pesi sleggeri Tobia Corbisiero (Minotaur Boxe) vp Luigi De Masi (Barrale Boxe); pesi medi Andrea Tiberia (ASD D. Tiberia) vp Patryk Boczarski(Minotaur); pesi gallo Alessio De Leonardis vp Giorgio Gaglione(G.S.Training); pesi smassimi Virgilio Vinciguerra vp Alessandro De Cicco(Hurricane Boxe);

Risultati professionisti:
swelter(6×3): Alessandro Rotondo vp Roberto Elce

Arbitri: De Maldè, Caso, Volpin, De Rosa;
Medico di servizio: DottMarco Cicconetti;
Cronometrista: Massimo Verrillo;
Commissario di riunione: Raffaele C. Aveni