Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

A Busto Arsizio vince la Nazionale Junior con elementi da scoprire | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

A Busto Arsizio vince la Nazionale Junior con elementi da scoprire

_DSC0361 come oggetto avanzato-1di Giuliano Orlando

Busto e Milano sono state anche e soprattutto il richiamo per vedere all’opera alcuni degli junior della covata di Giulio Coletta. Salvo pochi nomi si è trattato di ragazzi alle loro prime esperienze, alcuni addirittura al debutto in azzurro. “Non è stato possibile presentare la prima squadra al completo, per il motivo che la settimana prima avevano disputato il torneo di Mondovì dove erano davvero in tanti e il regolamento sanitario richiede una sosta che non combaciava con le date lombarde”. Da quanto si è visto, il lavoro dei Coletta e Gianfranco Rosi sta dando buoni frutti. Nessuna illusione, i campioni di costruiscono col lavoro di anni e questi giovani hanno dai 14 ai 16 anni e molti, meno di 20 incontri. I polacchi non erano in gita di piacere e si sono battuti alla grande. Inoltre, l’accordo di non dare il pari ha punito tre dei nostri. Il brindisino Ismaele Dovizioso, 15 anni, mancino longilineo che pur denunciando i limiti dell’inesperienza aveva messo a bersaglio più colpi nei confronti del più concreto ma meno preciso pari età Pyclik Jakub, al quale andava la vittoria. Idem per il superleggero della Rocky Marciano di  Cinisello, Biagio Grimaldi, all’esordio, che trovava in Michal Jarlinski, un rivale dotato di allungo e gioco di gambe degno di un veterano. Grimaldi lo ha inseguito con tenacia e nel terzo tempo lo ha messo in difficoltà. Un pari sputato, ma i giudici hanno premiato il polacco. Infine nei 75 kg. il romano Michele Ascani  del 2002, non era stato inferiore al più alto Szymon Piotrowski, che avrebbe dovuto far valere l’allungo, merito dell’azzurro che lo ha pressato sempre. Anche in questo caso il pari avrebbe rispecchiato i valori, invece di premiare l’ospite. Stesso discorso per il 46 kg. Gracjan Ciureaja che aveva tenuto botta contro Francesco Di Fiore, il palermitano allievo di Caravello, troppo teso e quindi meno rapido, spesso anticipato dal rivale. Il polacco non aveva demeritato, anche se la vittoria premiava Francesco. Negli altri confronti niente da ridire. Note positive per il debuttante Samuel Polisena, allievo della Bergamo Boxe dei Bugada, un longilineo dal carattere battagliero, bene attrezzato, supplendo con la grinta alla maggiore esperienza di Fabian Braneski che a gioco lungo ha dovuto subire gli assalti del bergamasco, sul quale c’è da lavorare in prospettiva. Stesso discorso per il bolognese  Kupper Tozzi nei 70 kg. dai polmoni a mantice, che hanno finito per avere la meglio sulla tecnica di Norbert Kusz, contato e giunto al termine letteralmente sfinito. Nel momento in cui il fiato diventerà l’arma in più al servizio dei colpi lineari, il giovanotto darà fastidio a molti. L’altro beniamino di casa, il bustocco Samuele Grilli (57 kg) ha vinto contro il più pesante Wiktor Hladko, faticando più del previsto per merito di un rivale che è stato allo scambio fino all’ultimo. Per vincere bene Grilli ha dovuto inventarsi un paio di azioni velocissime e questo conferma il talento del pugile. Equilibrata la sfida nei 66 kg. tra il mancino altissimo Alan Masiek e Nicola Porrino casertano di 15 anni freschi, che ha saputo condurre in porto il terzo round, decisivo per vincere. Notevole la scelta di tempo per l’ancora inesperto azzurro. Nulla da fare per il triestino Mattias Zdrinca, sovrastato dalla maggiore potenza di Damian Zawieruszynski, dal fisico impressionante per la categoria fino a 80 kg. Zdrinca ha cercato di replicare in velocità, ma è stato tutto inutile. I colpi del polacco sembravano mattonate e bravo è stato l’azzurro a reggere fino al termine. Buona la prova di Valerio Famoso nei 54 kg. che ha dimostrato migliore varietà di colpi su Jakub Dordzik, dalla boxe speculare con un pizzico di minore velocità e variazioni sul tema. Vincitore netto l’allievo della Excelsior di Brillantino.

Tifo alle stelle al Principe per la prova di Matteo Nori, il gigante della Testudo del maestro Taverniti e figlio di Carlo Nori, l’ex presidente della Lega Pro, emozionatissimo. Prova superata brillantemente a spese del brevilineo Baniamin Jamroziak, apparso troppo modesto per il giovane Nori, che comunque ha fatto intravedere buone cose, in particolare alcuni montanti e velocità di braccia. E’ ancora poco mobile, ma il tempo per migliorare c’è tutto. Come il carattere e la voglia di sfondare. Ci sono state due esibizioni: Grilli-Zmuda e Santini-Masiek. Sicuramente i nostri migliori, ma senza verdetto.

Gli jr. stanno crescendo veramente bene e Giulio Coletta ha un programma di lavoro incredibile. Tra stage e tornei (Francia, Bielorussia, Bulgaria e Germania in calendario) inclusi anche gli schoolboy, il tutto per arrivare agli europei delle due categorie per non essere comparse ma protagonisti.