Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Campionato Laziale III serie: eliminatorie all’Infernetto | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Campionato Laziale III serie: eliminatorie all’Infernetto

Continuano le eliminatorie di questo interessante Campionato Laziale dei III serie e stavolta la location ha avuto come base un piazzale in via Wolf Ferrari, Località Infernetto, con l’organizzazione della Boxe Academy e la sponsorizzazione del Caffè Dolce Paradiso di Francesco Scarabotti e con incasso devoluto in beneficienza

Catozzi contro Capozzi non è un gioco di parole, ma sono i due pesi piuma che hanno aperto la serata. Catozzi, che tendenzialmente pedala all’indietro, lascia l’iniziativa a Capozzi che non si fa certo pregare. La supremazia di quest’ultimo con il passare dei minuti si fa consistente. I due conteggi subiti dal pugile di Casalbruciato sono il preludio per un intervento del dottore che decreta lo stop per infortunio. Nel match seguente Conforti si sveglia dal suo torpore di fronte al più intraprendente Tocci a cominciare dalla terza ripresa riuscendo a piazzare qualche buon colpo d’incontro, ma è troppo tardi perché la quantità è tutta dalla parte dell’ allievo di Filippella.

Sireni e Poccia sono due pesi medi dalla struttura possente e per giunta non digiuni da buone nozioni di tecnica. Il match è piacevole. Sireni dopo due riprese a lui favorevoli si spegne come la fiammella di una candela rifugiandosi in clinch e dando modo a Poccia, anche se con qualche difficoltà nel scrollarselo di dosso, di recuperare terminando il match con una riserva di energie in più. La giuria però decretava pollice verso per l’allievo di Di Maso, che ha lasciato una buona impressione. Nell’altro incontro tra i medi Capuccio e Pintore si ha lotta senza quartiere con scambi su scambi. Se i richiami sono in parità non lo è il verdetto finale a favore di Pintore, tecnicamente più vario.
La serata, come dichiara lo speaker Chiavarini, ha il suo momento di commozione nel ricordare con un minuto di raccoglimento la recente scomparsa di Franco Pavone che porta via con se la storia di 25 anni della boxe Laziale. Sale sul ring Angelo Paletta, consigliere del XIII Municipio, che consegna una targa ricordo a Francesco Pavone, figlio dello scomparso. Petetta, eterna promessa, non ce la fa anche stavolta perché trova nella categoria dei massimi un D’Ortenzi più incisivo e continuo. Per “Lucone” un successo che lo porta in finale. D’Auria si scaglia come una furia sul pur bravo Giammarino, costretto a subire il tornado per tre minuti. L’allievo di Sordini non approfitta del previsto calo del suo avversario, che di tanto in tanto trova insospettate energie per strapazzare il suo avversario come avviene quasi in chiusura facendogli subire un conteggio. Carlomosti si è trasformato da dirigente de “La Rustica” a pugile. Una vera sfortuna per il pur bravo Morandi, che ha dimostrato grande coraggio e un pugilato lineare niente male. Carlomosti fisicamente è una montagna e porta vere e proprie mazzate. Bene ha fatto l’arbitro nel secondo round dopo il conteggio a sospendere il match.

Nell’altra sfida tra colossi Adami, allievo dello scatenato Paglietta, sfrutta molto bene il suo maggiore allungo contro Denari. Il pugile della Vigor Perconti ha fatto di tutto per sovvertire l’andamento del match, ma è incocciato nei colpi d’incontro di un Adami bene in linea.
La serata ha presentato anche tre match fuori Torneo. E’ un piacere vedere Barbaro, in guardia destra, sciorinare le sue belle combinazioni di fronte a un Mazzali a cui va il merito di aver impegnato al massimo il suo avversario. Natalizi, figlio d’arte, interpreta bene il suo ruolo di grande promessa contro il bravo Sonnino. Non ci sono mezzi termini: si tratta di un bel match svolto da due pugili che conoscono l’alfabeto della noble art quasi al completo. Vince Natalizi che alla tecnica accoppia anche una discreta potenza. Guarino contro Cesarini non ha trovato il bandolo della matassa per evitare gli improvvisi attacchi del suo avversario. Col passare dei minuti il giovane allievo di Vagni si disunisce e subisce anche un conteggio.
RISULTATI1
Torneo
Piuma: Capozzi (Dubla Boxe) b. Catozzi Al.( Boxe Casalbruciato); Tocci (Sport Club Setteville) b. Conforti (Boxe Casalbruciato). Medi: Sireni (Team Boxe Roma XI) b. Poccia A. (Athletic Boxe Club); Pintore (Boxe Academy) b Capuccio (Boxe The Champion) rsci 4. Massimi: D’Ortenzi (Sport Club Setteville) b. Petetta (Nuova Audax Cisterna); D’Auria (Gim Boxe Setteville) Giammarino (Sordini Boxe). Supermassimi: Carlomosti (La Rustica) b. Morandi (Centocelle) rsch 2; Denari (Pol. Vigor Perconti) b. Adami (A.S. Colonna).
Fuori Torneo
Cadetti – Welter: Barbaro (Boxe Academy) b. Mazzali (Team Boxe Roma XI); Natalizi (Boxe Academy) b. Sonnino M. (Team Boxe Roma XI).
Senior – Welter: Cesarini (Body Fight) b. Guarino (Boxe Academy).
Arbitri: Mollicone O.( c. r.), Gallucci ( c.r.), Scali, Stipa, Montanini.
Medico: dott. Italo Guido Ricagni.