L’eversore consapevole. La vita spericolata del più grande calciatore di sempre.
Maradona è amico mio – Marco Ciriello – Ed. 66TH A2ND – Pag. 184 – Euro 16.00.

Talmente diverso e così uguale al popolo, che Diego Armando Maradona, quando una mano abile lo descrive, riesce ad offrire squarci rimasti magicamente nascosti in quelle pieghe della memoria che migliaia di giornalisti e curiosi hanno cercato di scoprire. Una cronaca incalzante, punteggiata da episodi che destano curiosità e divertono, in una sequela nostop di stuzzicanti siparietti. Romanzo teatrale, radicato nell’ego di casa: il nonno fans di Di Stefano, il padre di Sivori, a lui è toccato Maradona. Uno talmente speciale, tanto da chiedersi se sia nato prima il calciatore e poi il calcio. Idolo fuori dal coro degli idoli, semplicemente il più grande eversore nel mondo del pallone, Dalla gloria più assoluta e incredibile, dai milioni come noccioline alla polvere che al confronto Napoleone era un principiante. Immortale o quasi. Nel 2004 lo danno per spacciato, l’Argentina in ginocchio prega per il miracolo. Lui come Lazzaro ne esce fuori senza neppure il lenzuolo bianco. Ma è solo un episodio, uno dei mille. Delizioso scorrere le pagine dove si capisce che ogni riga è un atto di fede, di amicizia, più forte quando l’eroe scivola di quando è nel firmamento del mondo. Ci sono date scolpite neI marmo dei ricordi, che vengono raccontate con dovizia di particolari. Il sipario aperto a Napoli fa parte del teatro di casa, il terrazzo dal quale la famiglia di Diego e Claudia la compagna, dialoga con i nonni, i genitori e l’autore. Un rutilante film cartaceo, dai primi calci, con scarpe senza suola ai fraseggi che incantano il mondo intero. Mitizzato e imprigionato, la droga come i biscotti nel latte, i recuperi e le scivolate, ambasciatore e reietto. Il ritorno a Napoli dopo 14 anni, tra sfide col nostro fisco. Il “pibe de oro” – è il presente – allena l’Al Fujairah Sport Club, squadra della serie B degli Emirati Arabi. Niente di strano, parliamo del più grande genio eversore consapevole.

Giuliano Orlando

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi