italia-vs-slovacchia-stintino-2009Grande Italia ma anche grande Francia nella seconda giornata dell’Italia Boxing Tour che si disputa a Stintino grazie all’organizzazione del Boxing Club Porto Torres. Il confronto tra le due nazionali ha riservato emozioni e spettacolo e si è concluso con 4 vittorie a testa.     
L’Italia ha cominciato con la vittoria di Valentina Gioia nei 46 kg. L’azzurra ha disputato un match combattutissimo con la transalpina Floriane Ritner, con buono scambio di colpi anche se nessuna è quasi mai riuscita a portare combinazioni. L’azzurra ha vinto ai punti di stretta misura e un giudice ha dato verdetto di parità.

Ancora più incerto il secondo combattimento (48 kg): la  transalpina Sarah Ourahmoune ha dimostrato di possedere discreta tecnica e potenza, riuscendo a doppiare i colpi e sorprendendo l’ottima Valeria Calabrese nel primo round. L’azzurra ha dovuto osare nelle altre riprese per recuperare: ha portato dei buoni colpi, ma ogni tanto ha dovuto incassare i pugni della francese, brava a lavorare per linee interne, e quindi non è riuscita a rimontare. Vittoria alla francese.
Il terzo match (51 kg) è stato altrettanto duro: la francese Virginie Nave è riuscita a toccare con il jab sinistro e qualche gancio destro l’azzurra Simona Locarno. Nella terza l’italiana è riuscita a trovare un varco nella difesa francese e ha doppiato il colpo scuotendo l’avversaria. Non è bastato per ribaltare il punteggio anche perché Virginie Nave ha continuato a boxare con grande efficacia e la Francia si è portata sul 2-1. Successo transalpino pure nel match per i 54 kg, con Lorna Weaver a prevalere su Giada Landi, che ha ribattuto colpo su colpo all’agguerrita francese, ma nel computo dei colpi a segno è rimasta leggermente indietro.
L’Italia si è riscattata con Giacoma Cordio (57 kg) che è riuscita a imporsi nel primo round su Angelique Duchemin e poi con grande temperamento l’ha contrastata nelle successive riprese. Meritata la vittoria ai punti. Sempre nei 57 kg Marzia Davide ha prevalso con tattica accorta contro Akodad Hayatte, in un match molto tattico dove le due pugili hanno saputo coprirsi bene.  E l’Italia ha vinto anche nei 60 kg con Romina Marenda, brava ad uscire alla distanza con Severine Guilpin, che nei primi due round ha incessantemente attaccato, ma negli ultimi due ha iniziato a  subire l’azione dell’azzurra. Nell’ultimo match, per i 75 kg, Erikas Guerrier ha prevalso su Patrizia Pilo per la maggiore precisione e pulizia dei colpi.
La prima giornata- Nettissime le vittorie degli junior (classi 93-94) Vincenzo Contestabile (kg 60) e Giuseppe Perugino (kg 63) rispettivamente contro Patric Cermak e Jakub Oravec.
Agli atleti sardi della nazionale (entrambi Youth, classi 91-92) sono invece capitati due avversari decisamente più ostici. Alessandro Cubeddu (kg 51) ha disputato un ottimo primo round, ma nelle rirpese successive Jan Torac ha iniziato ad attaccare e talvolta l’ha messo in difficoltà. Con orgoglio il portotorrese Cubeddu è riuscito a mantenere il vantaggio ai punti. Nei 57 kg ottima prestazione di Bruno Licheri, che ha sempre attaccato ma rimanendo compatto, senza lasciare varchi nella difesa, impedendo così al positivo David Didi di rendersi pericoloso. A seguire gli altri successi azzurri firmati da Gaetano Putrone (kg 60) su Radoslav Barac e da Donato Cosenza (kg 64) su Tomas Zold.
Nei due combattimenti fuori programma che hanno preceduto la sfida tra Italia e Slovacchia successo ai punti per Marco Fonsa (Boxing Club Porto Torres) su Matteo Angioni (Acc. Pug. Franco Loi Cagliari) nei 59 kg e di Marcello Falchi (Boxing Club Porto Torres) su Luca Spano (Acc. Pug. Franco Loi Cagliari) nei 61 kg.

Comunicato: Boxing Club Porto Torres

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi