COMUNICATO STAMPA

                                                Primo incontro storico ieri 12 Giugno 2013 alle ore 14 presso la sede di Viale Tiziano a Roma, tra il presidente della F.P.I. Dott. Alberto Brasca e i vertici del sindacato autonomo di Boxe Libersind Conf.sal.

 

All’incontro, durato un paio d’ore, hanno partecipato il Segretario Generale del Libersind Confsal Cav. Giuseppe Sugamele, il Coordinatore Nazionale settore Boxe Fabrizio Nalbone e il Segretario Nazionale Marco Cuppoletti.

Dopo la presentazione di rito, sono state affrontate in modo esaustivo alcune delle tematiche che i vertici del sindacato hanno sottoposto in maniera propositiva all’attenzione del Presidente Dott. Alberto Brasca, il quale si è rivelato disponibile al confronto, tanto da invitare nuovamente la delegazione sindacale per il mese di Settembre, con la quale affronterà la discussione di una piattaforma programmatica relativa al mondo del pugilato.

 

A seguito di questa collaborazione si è convenuto che la F.P.I. darà il proprio sostegno per poter far eseguire nel migliore dei modi una esplorativa da parte del Patronato del Sindacato, volta a ricercare presso l’Inps i contributi precedentemente versati dai procuratori nelle casse dell’ Enpals dall’ex campione del mondo Loris Stecca.

 

 

Coordinatore Nazionale Settore Pugilato

Tecnico Fabrizio Nalbone

Di Alfredo

6 pensiero su “Sindacato e boxe”
  1. Dopo la …..”presentazione di rito”,
    sono state ….”affrontate in modo esaustivo”
    alcune delle ….”tematiche”
    che i …”vertici” del sindacato
    hanno sottoposto …”in maniera propositiva”
    “all’attenzione del Presidente Dott. Alberto Brasca”,
    il quale (BONTA’ SUA)si è “rivelato disponibile” al confronto,
    tanto da invitare nuovamente (RIMANDATI)
    la “delegazione sindacale” (RIMANDATA A)per il mese di Settembre,
    con la quale affronterà la “discussione di una piattaforma” programmatica relativa al mondo del pugilato. (NON DEL PIU’ E DEL MENO)
    .non commento la frase successiva.
    .e buone vacanze.
    .anche a te Loris!
    .certi vizi non si perdono mai: verba volant

  2. Il discorso è un altro: non è un’iniziativa della fpi ma di un gruppo di addetti ai lavori che hanno fondato una sorta di Sindacato autonomo per quanto riguarda il pugilato. Potrebbe essere un inizio a tutela dei pugili, oppure il solito fuoco di paglia. C’è invece al di là dei pareri contrari sulla federazione e sul sindacato un tentativo di recuperare molti contributi versati dai procuratori in un determinato periodo a favore dei loro pugili. Questo è un primo passo…poi dopo si vedrà.Intanto vediamo che succede…

  3. Ci manca solo un sindacato in Federazione…. è sotto gli occhi di tutti! i sindacati sono stati la rovina dell’Italia! …ora lo mettiamo in Federazione!?

  4. Che cavolo c’entra. Nel pezzo si parla di un sindacato per la boxe, che mi sembra una buona iniziativa.

  5. la FPI è un organo obsoleto e inutile che prende soldi da tutti solo per mantenere le impiegate! Mero nepotismo!!
    Da Podestà in poi non ha mai fatto una politica vincente, adeguata ai tempi. salvo quella di comprare e spartire alcune medaglie alle olimpiadi.
    Col professionismo non ha mai avuto nessuna IDEA VINCENTE, ma anche nessuna IDEA. (vedasi risultati e risonanza mediatica)
    non ha capito che ai pugili vanno date delle borse adeguate (grosse per quello che fanno).
    E cosa ha fatto per favorire questo? non un’idea!! In giro solo sfruttatori senza cervello e senza idee, paragonabili a ladri di galline. E la FPI dietro!
    Questo quando si occupava di professionismo. Tra 20 anni quando il professionismo sarà del tutto inesistente o riservato a qualche immigrato, ci sarà una federazione che parteciperà alle olimpiadi ogni quattro anni alla stregua della federazione del tiro con l’arco.
    resteranno le signorine, figlie magari delle attuali impiegate.
    che amarezza!

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi