di Alfredo Bruno

Spada Domenico001Domani 11 luglio Domenico Spada (+29 -1, 14 ko), gioca la carta mondiale dei medi contro l’altro cochallenger Sebastian Zbik (+26 -0, 10 ko) a Nurburgring. I due si affrontano per il titolo WBC ad interim essendo il titolare Kelly Pavlik, che non sembra intenzionato per il momento e probabilmente per il futuro a difenderlo avendo in mente altri programmi. Sono già vari giorni che Spada con i maestri Agnuzzi e D’Elia, accompagnato anche dai manager Cristian e Salvatore Cherchi, si trova per un battage pubblicitario organizzato dalla Universum che a noi purtroppo sembra fantascienza. I numerosi sostenitori di “Vulcano” potranno seguire l’avvenimento su Dahlia TV o in alternativa sul canale tedesco ZDF. In entrambi i casi il via è fissato alle 22:30.
Le scommesse vedono avanti il pugile tedesco. Per certi versi più che l’effettiva bravura di Zbik sembra giocare un ruolo determinante il fattore campo, alla stessa stregua di una partita di calcio tra due squadre di alta classifica.


 Sebastian Zbik è seguito con molta attenzione dagli appassionati di boxe tedeschi, molti lo paragonano con il dovuto rispetto e le dovute proporzioni a campioni di un passato neanche tanto lontano come Henry Maske e Sven Ottke. Sebastian ha fisico e volto da attore cinematografico. E’ piuttosto alto e sfrutta a meraviglia con il jab sinistro e i colpi dritti questo vantaggio. Da dilettante ha disputato ben 152 incontri ( + 130, – 19, = 2) conquistando il titolo nazionale e il bronzo al campionato d’Europa. La sua boxe è piacevole e varia, ma la potenza non è certo il suo forte. Non è appariscente e a prima vista non sembra un fenomeno, ma è tutto da scoprire perché è imbattuto dopo 26 incontri e ha dietro di se una formidabile organizzazione come la Universum che punta su di lui. Ed è forse per questo che i favori del pronostico sono dalla sua parte. Un po’ come di recente è successo a Leonard Bundu contro Frank Shabani, solo che in quell’occasione il nostro pugile ha rimandato tutto al mittente con una netta vittoria sul pugile di casa. Stavolta è un po’ diverso perché si tratta di un titolo mondiale incastonato in una riunione dove ci sarà anche la difesa del titolo WBA di Felix Sturm dall’assalto di Khoren Gevor in una sorta di grandiosa serata in famiglia con un Domenico Spada che potrebbe fare da guastafeste.
Domenico Spada e Sebastian Zbik hanno avuto nella loro carriera quasi nessun avversario in comune. Zbik ha bene impressionato con la sua vittoria prima del limite ottenuta a danno dell’esperto spagnolo Ruben Varon , già strenuo avversario di Felix Sturm. Ma in Germania è rimasta ancora impressa la vittoria di Vulcano in un round sul forte turco Aguzum, una vittoria che suona un po’ come una spada di Damocle pronta a distruggere sogni e speranze. Non dimentichiamo inoltre che Spada sembra già più abituato ad affrontare avversari di classifica: Cendrowski, Bahki, Oral, Aguzum, Karagol, Bastient sono nomi ricorrenti nelle varie graduatorie internazionali. Questo potrebbe essere un vantaggio contro un avversario tutto da scoprire per lui e per il pubblico tedesco.

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi