La riunione mista organizzata da Davide Buccioni può definirsi la classica manifestazione di una notte d’estate senza acuti, ma con il chiaro proposito di far conoscere la boxe ad un quartiere finora non sfruttato per questo sport. Il promoter può ritenersi soddisfatto per aver centrato l’obiettivo. Le difficoltà ( per lo più logistiche) anche in quest’occasione non sono certo mancate , ma alla fine tutto si è risolto felicemente utilizzando i giardini della famosa piazza che sono diventati d’incanto una sorta di isola gremita di “naufraghi”, entusiasti per questa bella iniziativa sponsorizzata dal III Municipio e da Alessandro Cochi, consigliere comunale con delega allo sport. Non c’era alcun titolo in palio ma tra gli spettatori, dove c’era spazio appena per respirare, interessati e divertiti s’intravvedevano Enza Jacoponi, segretario EBU, Marcello Stella, consigliere della Federazione, e numerosi atleti, famosi e meno, del professionismo laziale. 

Iniziano logicamente i dilettanti con Pecorella e Spadavecchia. Il primo in guardia destra ha buona tecnica e appare più preciso, il secondo quando arriva a segno  fa male come dimostra il conteggio subito nel secondo round dall’allievo di Vagni. Match piacevole con una parità ben accolta da tutti. Per Langella il match con Squicquero parte subito in salita e il conteggio del primo round è un evidente campanello d’allarme. Il pugile di Fiumicino cerca con una boxe d’attacco di rovesciare il match, ma è pura illusione come dimostra il nuovo conteggio del terzo round. C’è anche una ferita a peggiorare le cose per Langella e lo stop medico può essere considerato liberatorio. Crudetti recente vincitore del Torneo laziale II serie trova in Bellocco un avversario da prendere con le molle. Entrambi prediligono la boxe a corta distanza con scambi di una certa efficacia. Il match è equilibrato, ma i due richiami subiti da Bellocco fanno pendere l’ago della bilancia decisamente dalla parte di Crudetti. I colpi dritti di Marcocci non frenano l’irruenza scomposta ma efficace di Porfidia che tiene l’iniziativa per quasi tutto il match conquistando il meritato successo.
La voce roboante di Valerio Lamanna risuona per tutta la piazza per presentare il primo match dei professionisti. Adriano Cardarello (+ 7, 2 per ko) ha appena 22 anni e tutti i riflettori sono accesi su una carriera che si preannuncia di prim’ordine, ma che soprattutto solletica la fantasia degli esperti. Wonder Boy anche stavolta mantiene intatte tutte le prerogative di “Big Hope” di fronte al romeno Florin Tone ( – 17) pugile robusto con qualche chilo in più rispetto al pugile di San Basilio. Tone ha il pregio di prendere l’iniziativa senza timore costringendo  Cardarello a mostrare la gamma completa dei suoi colpi ficcanti, sia in attacco che indietreggiando. Tone mette in luce buona dote d’incassaggio e qualche licenza di scorrettezza tenuta sotto controllo dall’arbitro. Il romano  porta i colpi con incredibile velocità e pur non essendo un picchiatore produce danni: ne è la riprova il perfetto uno-due del quinto round che ammorbidisce le gambe dell’avversario costretto al conteggio. Il verdetto è pura formalità, ma gli applausi del pubblico scuotono il quartiere.
Tocca quindi a Massimiliano “Boom boom” Buccheri, “siamo nella sua zona” fa rilevare il ringannouncer, salire sul ring per affrontare Mihaly Kratki ( + 5, -15, = 2), pugile molto esperto nonostante i suoi 25 anni, per aver affrontato validi avversari sui ring di tutta Europa. Il pugile di Casalbruciato, seguito all’angolo da Cesare Rossi e Fabio Ceccardi, è elemento che ragiona e che difficilmente si butta allo sbaraglio preferendo l’indolore vittoria ai punti più che uno stimolante successo prima del limite. Kratki non morde e Buccheri lo bersaglia in tutta tranquillità per tutte e sei le riprese. Ogni tanto una fiammata con un’improvvisa serie del romano ravviva il match quel tanto per tenere desta l’attenzione dei numerosissimi spettatori e incamerare il suo quarto successo.

RISULTATI
Dilettanti
– Piuma: Crudetti (E. Bertola di Priverno) b. Bellocco (Scuola Boxe  A. Volpe). Welter: Spadavecchia (Talenti Boxe) e Pecorella ( Boxe Academy) pari; Squicquero (Boxe Casalbruciato) b. Langella ( Sordini Boxe) rsci 3. Superwelter: Porfidia ( Valle dell’ Inferno) b. Marcocci ( Scuola di Boxe A. Volpe).
Professionisti
Medi: Adriano Cardarello ( BBT) b. Florin Tone (Romania) a.p.6.
Mediomassimi: Massimiliano Buccheri ( BBT) b. Mihaly Kratki (Ungheria) a.p. 6.
Arbitri: Casentini (c.r.), Zannoni, Barrovecchio M., D’Erasmo, Di Mario.
Medico: dott. Italo Guido Ricagni, dott. Francesco Leonelli.

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi