ParisMancano ormai pochissimi giorni al match che può essere considerato decisivo nella carriera di Sven Paris, pugile di Frosinone che combatte sotto le insegne dell’organizzazione di Umberto e Rosanna Conti Cavini. Anche il sindaco della città ciociara, Michele Marini, oltre alla Regione Lazio e alla Provincia frusinate hanno dato una grande mano al ragazzo, affinché fosse per lui possibile avere immediatamente una nuova chance per conquistare l’Intercontinentale Wbo dei pesi welter, vera porta principale per aspirare a qualcosa di veramente importante, contro il polacco Bienias, che Paris si troverà di fronte venerdì prossimo 17 luglio. Prima del match principale Umberto Cavini ha preparato un sottoclou da leccarsi veramente i baffi, con il welter di Ceccano, Marino Bucciarelli, che affronta l’ungherese Meleg, Giuseppe Di Micco, ragazzo di Latina, che ha un severo impegno contro il forte marocchino Youness Laribi, il talentuoso supermedio dal pugno pesante Andrea Di Luisa, che sarà impegnato contro l’ostico Endrit Vuka, e soprattutto il grande Michele Di Rocco che delizierà il pubblico con la sua boxe spettacolare e fantasiosa opposto all’ottimo magiaro Attila Molnar.

Il grande protagonista della serata però sarà Sven Paris, il welter nato proprio a Frosinone che cercherà di dare una definitiva svolta positiva alla sua carriera. Paris, già stella della nazionale dilettanti, è passato professionista nel 2002 tra i superleggeri e a suon di ko ha raggiunto presto le cinture del Mediterraneo e quella giovanile per la Ibf dei welter, aggiungendoci nel 2004 anche quella di campione italiano e quella Intercontinentale per la Wba. Nel 2005 sale di categoria nei superwelter quindi dà una prima svolta alla sua carriera e, dopo un vittorioso match nella Repubblica Dominicana, dove il padre Dheni è un alto dirigente pugilistico, entra a far parte dell’organizzazione di Rosanna Conti Cavini, cosa che lo porta a conquistare nel settembre 2006 il suo secondo titolo italiano proprio davanti al suo pubblico. Ma Sven, dopo un altro test in Centro America, lascia il titolo e parte per gli Stati Uniti, dove si ferma poco più di un anno e combatte con alterne fortune ma con il gioiello della vittoria su Curiel nel sottoclou di un match di Oscar De La Hoya. Non soddisfatto della sua esperienza, che lo ha fatto decisamente maturare a livello umano e professionistico, Paris decide di tornare in Italia, dove lo abbracciano di nuovo Umberto e Rosanna Conti Cavini, e scende nei welter. Vince per ko un paio di test poi incappa nella serata storta contro Bienias che gli nega la conquista dell’Intercontinentale Wbo che venerdì cercherà finalmente di prendersi, per strizzare l’occhio non solo al Mondiale di sigla, ma anche alle alte graduatorie Ebu di una categoria, i welter, particolarmente ricca di nomi. Al suo angolo il padre Dheni e Patrizio Oliva, che già lo hanno seguito nella vittoria di Porto Santo Stefano contro Murray. Pugile dal pugno pesante che non arretra mai, Sven Paris ha nelle sue corde la possibilità di regalare e regalarsi mille soddisfazioni, quello che fortemente si augura la sua manager Rosanna Conti Cavini..

Sotto la supervisione Wbo del sammarinese Edoardo Ceccoli, l’arbitro del match sarà lo spagnolo Manuel Oliver Palomo, giudici l’inglese Paul Thomas, il francese Noel Monner e lo spagnolo Manu Maritxalar. Diretta Rai Sport Più con regia di Fabio Crisafi e commento di Mario Mattioli e Nino Benvenuti. La conferenza stampa e le operazioni di peso e le visite mediche saranno effettuate giovedì 16 luglio alle ore 18 presso la Villa Comunale di Frosinone.

Ufficio stampa Rosanna Conti Cavini

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi