Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

La magnifica mezza dozzina di pugni nel week end, da Roma con Blandamura protagonista, a Sequals dove nacque Carnera. | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

La magnifica mezza dozzina di pugni nel week end, da Roma con Blandamura protagonista, a Sequals dove nacque Carnera.

di Giuliano Orlando

Chi l’avrebbe mai detto solo meno di due stagioni addietro, che all’alba dell’estate 2019 si arrivasse ad un week end con una mezza dozzina di serate pugilistiche. La boxe italiana sta ritrovando quella continuità sia di vertice che periferica, che sembrava essere un lontano ricordo. Sullo slancio del ritrovato interesse delle emittenti quali la RAI, Eurosport oltre a Sky  che avevano cancellato dai loro palinsesti il pugilato, tutto è cambiato dopo che i Cherchi hanno stipulato un contratto di grande consistenza con la Matchroom di Eddie Hearn, la più potente organizzazione europea, creando una nuova sinergia nazionale. A quel punto il rilancio sta diventando realtà concreta. Infatti tra domani, giovedì 11 luglio e domenica, luci accese sui ring di sei località. Si comincia domani allo Stadio Nicola Pietrangeli, presso il Foro Italico di Roma, passando il 13 sabato a Ladispoli  e Campagnaro nella provincia di Roma, poi a Voghera nel pavese. Domenica 14 luci sul ring di Sequals, la cittadina friulana che ha dato i natali a Carnera, idem a Tricase nelle Puglie.                                                                                                                                                    La Matchroom Boxing Italy Opi 82, che opera come detto sopra, in accordo con Eddie Hearn e l’emittente DAZN debutta giovedì a Roma, dopo aver organizzato grande boxe a Firenze e Milano. Alla presentazione dell’evento ha fatto gli onori di casa il presidente del CONI Giovanni Malagò, dando il benvenuto all’organizzazione dei Cherchi, che nell’occasione punta sul pugile di casa il medio Emy Blandamura, 39 anni (29-3) già campione d’Europa ed ex sfidante al mondiale, opposto all’inglese Marcus Morrison (20-3), 26 anni dal pugno pesante, in palio l’Internazionale silver WBC. Incontro ad alto rischio per la pericolosità dell’ospite, anche se l’esperienza dell’italiano potrebbe fare la differenza. Purtroppo è saltato l’altro clou della serata, tra il cruiser Fabio Turchi (17) campione Internazionale WBC, infortunatosi in settimana e Tommy McCarthy (14-2), 28 anni, inglese residente a Belfast nell’Irlanda del Nord,  che affronterà  Francesco Cataldo (7-5) senza titoli in palio. Molto attesa la sfida per l’UE mediomassimi, tra Sergio Demchenko (21-14-1) nato in Ucraina, romano di adozione con passaporto italiano e il transalpino Hakim Zoulikha (26-10). Si tratta di una rivincita: nel 2017 a Parigi, il francese venne battuto sempre per il titolo UE. Match molto sentito. La lunga maratona romana prevede altri sei incontri con l’inossidabile Emiliano Marsili (37-0-1), a lungo campione d’Europa, che ambisce ancora a traguardi importanti, affronta l’esperto Mairena (Nic. 10-11-1). I romani Mirko Natalizi (5) e Vincenzo Bevilacqua (15), decisi a proseguire la striscia vincente, contro lo spagnolo Antonio Gomez (4-3-2) e il serbo Novac Radulov (9-3-1) test superabili. Il superleggero Mendizabal (2) italo-spagnolo contro Sebastian Saciri (Ser. 1-1) e il debutto del massimo leggero Manfredonia, titolare ai Giochi di Rio 2016, opposto a Sokol Arsic (Ser.1-2-2). Debutta anche il massimo croato Alen Babic con Lazar Stojanovic (Ser. 0-6-1). DAZN si collega in diretta dalle 19.15 oltre che in Italia, anche negli USA, Canada, Giappone, Spagna, Germania, Svizzera, Austria e Brasile. Ring announcer, il leggendario Michael Buffer, famoso anche per aver partecipato a film di successo come “Rocky” e “Creed”. Sabato 13 appuntamento a Ladispoli (Ro) col tricolore vacante massimi, tra il favorito Luca D’Ortenzi (9-1) e il cosfidante Sergio Romano (10-12-3) all’ennesimo tentativo. Nella stessa serata a Campagnaro a 30 km. da Roma, torna a combattere il piuma Carmine Tommasone (19-1), dopo il fallito tentativo mondiale WBO, negli Usa dello scorso febbraio contro Oscar Valdez. Nonostante i 35 anni, il campano è deciso a continuare l’attività almeno a livello europeo. Infine a Voghera (Pv), il cosfidante al tricolore piuma, il tatuatissimo milanese Alessio Lorusso (7-4-2) allenato da Vincenzo Gigliotti, genio e sregolatezza, sui 6 round con Edgari Sarmkisiani (3-10-2), georgiano di 19 anni, professionista dal 2015 sedicenne, mai sconfitto prima del limite,  in attesa di affrontare Iuliano Gallo. Domenica 14 luglio a Sequals in Friuli, la città natale di Primo Carnera, la Boxe Loreni organizzata il titolo del Mediterraneo IBF welter tra Marcello Matano (21-3) e Mohamed Khalladi (12-8-1) sui 10 round, in programma il debutto da pro, di Cristian Zara, campione italiano gallo dilettanti e molte presenze in azzurro, oltre al medio Brusa (2-1-1), al welter Picardi (5) e al leggero Maccaroni (15-5-4) sul ring. Infine a Tricase nel leccese, Vittorio Parrinello (10-3), 35 anni, azzurro ai Giochi di Atene e Londra, già campione italiano, torna a combattere contro Antonio Cuevas (Nic. 9-17-1), pronto a rilanciare la sfida tricolore.