di Alfredo Bruno

Torna la boxe a Marcellina dopo circa 30 anni e lo fa nella Piazza del Municipio gremita di gente in festa per fare un sano tifo ai suoi tre giovani concittadini, che sono saliti sul ring: Manuel Lancia, Paolo Crielesi e Francesco Soggia, appartenenti alla Gim Boxe Setteville Nord, società organizzatrice. Giuseppe Passacantilli, presidente della Pro Loco, che fortemente ha voluto la serata di boxe, si è rivelato ottimo speaker in una manifestazione intensa coi suoi dieci match equilibrati. Il sindaco Isidoro Salvatori con gli assessori Antonio Bassani e Rosolino Marino, saliti sul ring per la consegna di targhe e coppe agli atleti, agli arbitri (finalmente hanno avuto un riconoscimento) e a Pino Fiore, inesauribile maestro all’angolo dei suoi 10 pugili protagonisti della serata, hanno fatto capire che questa iniziativa pugilistica avrà un seguito.

Primi a salire sul ring sono due vispi ragazzini trattandosi di School Boys. Il più piccolo dei Marongiu è già considerato un campioncino, mentre per l’esordiente Giordano dopo la prevedibile emozione iniziale sono venute alla luce buon temperamento e discreta tecnica. Lo scambio tra i due ragazzi nel secondo round strappa applausi ammirati. Il verdetto viene assegnato al pugile di Ceccano, un ragazzo da seguire attentamente. Attene mette subito in evidenza il suo prezioso jab sinistro che tiene all’erta il bravo Mazzetti, pugile veloce e pericoloso nelle sue reazioni improvvise. Attene stavolta dà alla sua boxe continuità e sostanza necessarie per ottenere un bel successo. Pizzi rosicchia round dopo round punti con la bilancia del farmacista sul guardia destra Rondinella, autore di uno scambio furioso sul finire del match. Per Umbro non è certo un match facile quello con Rosi. L’allievo di Pino Fiori mette comunque in cassaforte la vittoria grazie ad una quarta ripresa condotta a tutta birra. Applausi a non finire quando appare Crielesi. Il giovane non delude certo i suoi concittadini inseguendo per tutte e quattro le riprese Greco, che ha scelto a scanso di equivoci la tattica del piè veloce, cosa che non gli ha impedito di ascoltare un conteggio nella quarta ripresa. Di Nino ha due mattoni al posto delle mani e se ne accorge Taborro quando al primo scambio sente la mascella scricchiolare. L’arbitro se ne accorge e sospende il match con il relativo intervento del medico. Rinaldi ha un fisico poderoso, ma i suoi colpi partono ancora un po’ prevedibili. Quando avrà acquistato scioltezza saranno dolori per i suoi avversari. Cimini gli ha tenuto bene testa anche con le cattive come dimostrano i due richiami subiti, che senz’altro hanno pesato sul verdetto.

E’ la volta di un altro marcellinese, parliamo di Manuel Lancia buon protagonista negli ultimi due anni agli Assoluti. Il giovane, già convocato in Nazionale, rappresenta una delle grandi promesse ed è tenuto sotto osservazione da tecnici ed esperti. Contro Eros Marongiu snatura la sua boxe scintillante per accettare un pericoloso attacco frontale, in cui il pugile di Ceccano eccelle. Dopo un primo round duro che lo vede in leggera difficoltà l’allievo di Fiori recupera bene accettando lo scambio a viso aperto senza conoscere il passo indietro. Il match è spettacolare e intenso con un risultato di parità che accomuna i due pugili in un applauso entusiasta. Passiamo quindi ai colossi. Tocca a Soggia, marcellinese di turno, affrontare e battere per la terza volta Ivan Ricci, chiamato all’ultimo momento. Soggia ha fisico poderoso e mani pesanti. Ricci con una boxe intelligente ne attenua gli effetti, ma non può certo evitare la sconfitta di fronte a un avversario che ha mantenuto sempre l’iniziativa.

D’Auria non nasconde le sue idee bellicose per passare professionista. Si tratta di un massimo ben piantato che porta vere e proprie mazzate sul malcapitato avversario. Arcese non è certo l’ultimo arrivato come dimostra nel secondo round quando dalla corta distanza fa partire una bella serie che sorprende l’allievo di Fiori. Nel terzo round un colpo al corpo piega Arcese, che deve ascoltare il conteggio. Nell’ultimo round anche se parte da lontano D’Auria porta le sue serie che costringono sulla difensiva il bravo pugile di Latina.    

RISULTATI
School Boys – Mosca: Marongiu A. (New Generation) b. Giordano (Gim Boxe Setteville).
Juniores – Attene (Gim Boxe Setteville) b. Mazzetti ( A.P. Roma Tricolore). 
Seniores – Leggeri: Lancia (Gim Boxe Setteville) e Marongiu E. (New Generation) pari; Umbro ( Gim Boxe Setteville) b. Rosi (A.P. Roma Tricolore); Pizzi (Gim Boxe Setteville) b. Rondinella (Boxe Roma san Basilio). Welter: Crielesi (Gim Boxe Setteville) b. Greco (F. Valente); Di Nino (Gim Boxe Setteville) b. Taborro (Body Evolution) rsc 1. Superwelter: Rinaldi (Gim Boxe Setteville) b. Cimini (Boxing Time). Massimi: Soggia (Gim Boxe Setteville) b. Ricci (F. Valente); D’Auria (Gim Boxe Setteville) b. Arcese (Dubla Boxe).
Arbitri: Rega (c.r.), Scali, Vincenti, D’Erasmo, Ciafrone.
Medico: dott. Emiliano Bonanni.

Di Alfredo

3 pensiero su “Marcellina riscopre la boxe”
  1. Caro Ivan conosco il tuo valore e so i sacrifici che voi giovani fate per il pugilato.Hai tutto il tempo per rifarti.

  2. l’ho saputo all’ultimo momento veramente (al peso dei pugili c.ca 1 ora prima dell’inizio dei match)cmq stavo stanco la mattina mi sono alzato alle 5 per andare a correre e poi sono andato a lavorare…..sarà per la prossima volta.CIAO

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi