Luca Tassi, livornese doc, ragazzo solare e cortese, è da due anni campione italiano dei pesi supermedi, titolo che nel 2007 ha difeso due volte. Il 24 aprile scorso, a Cecina, impossibilitato a difendere il tricolore, ha battuto Vigan Mustafa ai punti dopo una ferita che ha interrotto il match alla quinta ripresa, conquistando anche il titolo Internazionale Ibf. Il prossimo 1° agosto, a Roma, Tassi difenderà il suo titolo italiano contro il pisano-senegalese Mohammed Alì Ndiaye, per quello che si prospetta essere il match dell’anno.

Senti Luca, prima di entrare nel discorso, mi fai un’analisi del match con Mustafa?
Quando c’é stata la mia ferita il match stava entrando nel vivo e lui iniziava a fermarsi un po’ sulle gambe. Entrambi siamo degli attendisti, ma per quattro riprese ho attaccato solo io, anche se non sono un fighter. Comunque avevo preventivato un match del genere, quindi all’inizio avevo badato a prendermi le preferenze ripresa per ripresa, ed è quello che è successo. Lui alla media distanza aveva la tendenza a girarsi, e veniva fuori che ero io, portando i colpi, a sembrare scorretto, ma la mia scorrettezza non era nulla in confronto al fatto che lui si girasse. I colpi di Mustafa non erano caricati, non facevano male. Certo, anche io non sono un picchiatore, ma i colpi li carico e li faccio sentire. Sono un po’ amareggiato di come è andato a finire l’incontro, perché lui iniziava ad accusare la tensione e la stanchezza, e avrei potuto vincere ai punti molto più nettamente.

Come hai passato il tempo fino a oggi?
Mi sono curato la ferita. Era brutta, e sono dovuto stare un mese e mezzo senza fare guanti per non rischiare di riaprirla. Ho fatto questo periodo di allenamento senza forzare, poi ho iniziato la preparazione più dura.

E arriviamo a oggi, anzi al primo di agosto, a Roma: in molti dicono che il tuo match con Ndiaye non ci sarà…
E invece il match si fa, e non vedo l’ora! Hanno detto peste e corna sul mio conto, soprattutto il mio avversario, e non vedo l’ora di fargli rimangiare tutte quelle cattiverie. Non credo che lui possa parlare di me come fosse il vero Mohammed Alì… Lui è solo Ndiaye… Sente troppo la rivalità con me, perché ho più nome e più fama di lui, soprattutto in Toscana. Ho saputo che ha rinunciato alla rivincita nel titolo per l’Unione Europea, e per me ha fatto male, malissimo: non si rinuncia mai all’opportunità europea. Ma lui è uno strano, è uno che non si comporta bene nemmeno con gli allenatori, né a Pisa, né a Roma. Ha dimostrato di non avere riconoscenza per le persone che lo aiutano, e lo farà anche in futuro.

Come pensi si svilupperà il match?
Ndiaye si addice benissimo alle mie caratteristiche. Io porto due-tre colpi in serie, poi faccio il passo indietro. Dal punto di vista del fondo e del ritmo non avrò problemi, del resto corro almeno 300km a preparazione. Poi dovrò fare una mezza distanza con attenzione: lui non porta tantissimi colpi perché li carica tutti, l’unica dote buona l’ha nel grande fisico e fa male se arriva, con entrambe le mani ma soprattutto con il diretto destro e il gancio sinistro ritardato.

Agonisticamente non l’ha mai incrociato prima…
No, però da dilettante ho fatto con lui una sessione di guanti, e non ne ho un grande ricordo. C’erano le corde lente, e a un certo punto io mi ci appoggio. Le corde si aprono e io sto per cadere: cerco di restare in equilibrio e mi aspetto, come succede di solito, che l’avversario mi aiuti a rimanere sul ring. Invece lui che fa? Mi mette un altro colpo e mi fa cadere pesantemente fuori dal ring. Mi feci male abbastanza seriamente, dovetti stare fermo più di un mese e arrivai al Torneo Italia poco allenato, vincendo la medaglia d’argento. Avrei potuto vincere se non avessi avuto quell’incidente…

Quindi nessun timore …
Ci mancherebbe! Nella mia carriera, anche dilettantistica, ho affrontato di tutto e di più, e non ho mai battuto ciglio. Chiedete a Di Corcia, a Spada, a Bundu, a Paris se sono uno che ha paura. Non ho temuto di combattere con certa gente, figuriamoci se ho paura di combattere con Ndiaye!

Finiamo in bellezza: Sanavia ha preso il posto di Ndiaye come avversario di Mock per l’Unione Europea dei supermedi. Se il veneto vincesse ti piacerebbe affrontarlo?
Perché no? Ho grande stima di Sanavia, e non sono riuscito a capire come abbia fatto a perdere contro Murat, certo deve aver avuto una serataccia. Secondo me Sanavia è tutt’ora il più forte supermedio al mondo dopo Calzaghe e Bute, è esplosivo, potente e determinato. Trovandogli un punto debole, forse è anche troppo gentiluomo, a volte. 

Ufficio stampa RCC boxe – www.rosannaconticavini.it

Di Alfredo

2 pensiero su “Quattro chiacchiere con Luca Tassi”
  1. il match si fara’ e non sara’ cosi scontata la vittoria di n’daye ,vedremo un luca tassi preparato ed all’altezza del suo reale valore che’ e’ superiore a quello fino ora visto,spero che il compenso sia adeguato all’importanza dell’incontro perche’ bisogna ricominciare anche a pagarli questi ragazzi .

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi