Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Sergio Demchenko: “Al Foro Italico di fronte al mio pubblico sarò al top” | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Sergio Demchenko: “Al Foro Italico di fronte al mio pubblico sarò al top”

L’11 luglio, allo stadio Nicola Pietrangeli presso il Foro Italico di Roma, l’ucraino ma italiano d’adozione Sergio Demchenko sfiderà il francese Hakim Zoulikha per il vacante titolo dell’Unione Europea dei pesi
mediomassimi sulla distanza delle 12 riprese. E’ una delle tre sfide titolate della grande manifestazione organizzata dalla Opi Since 82, da Matchroom Boxing Italy e dal servizio streaming DAZN che la trasmetterà in diretta. Combattere in un match di cartello è una situazione inusuale per Sergio Demchenko che ha combattuto in tutta Europa nel ruolo dello sfidante di qualità da battere per migliorare il record dell’idolo locale. Infatti, quasi tutte le sconfitte di Sergio Demchenko hanno avuto luogo fuori dall’Italia. Professionista dall’ottobre 2004, alto 184 centimetri, il 39enne Sergio Demchenko ha sostenuto 36 incontri: 21 vinti (14 prima del limite), 14 persi e 1 pareggiato. Nella categoria dei pesi mediomassimi, è diventato campione
intercontinentale IBF e campione dell’Unione Europea. Ha vinto quest’ultimo titolo nel 2016 in un derby romano contro Mirco Ricci, lo ha abbandonato per vincerlo nuovamente in Francia proprio contro Hakim
Zoulikha (per decisione tecnica: al quinto round la battaglia è stata fermata a causa di una ferita sul volto di Demchenko provocata da una testata del suo avversario). Professionista dal febbraio 2008, il 32enne Zoulikha ha un record composto da 26 vittorie (11 prima del limite) e 10 sconfitte. E’ diventato campione di Francia e dell’Unione Europea dei pesi mediomassimi. Insomma, i presupposti per una battaglia spettacolare ci sono tutti.
Sergio, come ti sei preparato per combattere nel main event?
“Mi sono preparato al meglio delle mie possibilità perché combatterò in un grande evento, in uno dei match
più importanti e di fronte al mio pubblico. Abito a Roma da 18 anni, sono sposato con una ragazza italiana,
sono diventato cittadino italiano e mi conoscono tutti a Roma. Tutto questo mi motiva a dare il massimo per
battere Hakim Zoulikha e diventare campione dell’Unione Europea dei pesi mediomassimi.”
Cosa pensi di Hakim Zoulikha?
“E’ un pugile che ama attaccare, mettere sotto pressione l’avversario, essere lui a decidere il ritmo del match. Anch’io ho queste caratteristiche e quindi troverà pane per i suoi denti. Non è escluso che ad un certo punto capisca che scambiare pugni con me è rischioso e si metta a pedalare all’indietro. Ogni match ha la sua storia, non si può prevederne lo svolgimento.”
Avendo combattuto tanto all’estero, qualche volta ti sei sentito derubato?
“Qualche volta si. Ho perso degli incontri che avrei dovuto vincere. C’è stato un combattimento in cui ho
messo due volte al tappeto il mio avversario, il francese Mickael Diallo, al secondo ed al decimo round, ed
alla fine ha vinto lui. Quella volta, però, sono rimasto talmente impressionato dal suo coraggio che al termine
dell’incontro gli ho fatto i complimenti. Era il 17 dicembre 2016, abbiamo combattuto a Saint Denis, sull’isola
di Réunion, vicino al Madagascar.”
A 39 anni, pensi di combattere ancora a lungo?
“Si perché mi sento bene fisicamente, ho ancora tanta voglia di salire sul ring e credo di poter dire la mia
almeno a livello europeo. Per me, la boxe è lo sport più bello del mondo e vorrei rimanere nell’ambiente
anche dopo il ritiro facendo l’allenatore.”
Lo stadio Nicola Pietrangeli ha una capienza di 3.720 posti, ed è considerato uno degli impianti più belli di
Roma con le gradinate composte da marmi bianchi di Carrara e le enormi statue che circondano il campo da
tennis. Nel clou Emanuele Blandamura (29-3) sfiderà Marcus Morrison (20-3) per il vacante titolo
internazionale silver dei pesi medi WBC. Di grande qualità anche gli altri combattimenti. Il campione
internazionale dei pesi massimi leggeri WBC Fabio Turchi (17-0) difenderà per la prima volta la corona
contro Tommy McCarthy (14-2). Saliranno sul ring anche altri pugili ben noti al pubblico romano come
Emiliano Marsili (37-0-1), Mirko Natalizi (5-0), Sebastian Mendizabal (2-0), Vincenzo Bevilacqua (14-0) e il
debuttante Valentino Manfredonia.
I biglietti sono in vendita su TickeOne.it. Questi i prezzi compresi i diritti di prevendita: 55 Euro per il bordo
ring, 20 Euro per la tribuna.