380px-Leotis_MartinellisA Houston si svolse un’importante serata di boxe dove si disputarono i primi match di un Torneo a eliminazione riguardante i pesi massimi. Si doveva decidere chi fosse il successore di Cassius Clay-Mouhamad Alì cui era stato tolto d’ufficio il Titolo. All’ Astrodome erano di scena Jimmy Ellis – Leotis Martin e Thad Spencer – Ernie Terrell. Jimmy Ellis fino a poco tempo prima era stato un buon medio, con qualche problema di peso visto che è stato catapultato nel 1967 tra i massimi. Pugile bravo tecnicamente e molto veloce Jimmy assomigliava in qualche modo proprio ad Alì con il quale si era spesso allenato, essendo tra l’altro suo concittadino. Anche Leotis Martin veniva da una buona quotazione tra i mediomassimi e per certi versi aveva le stesse qualità di Ellis. In parole povere i due mancavano di potenza ma avevano ottenuto ugualmente vittorie prima del limite. Il match tra Ellis e Martin non fu certo esaltante e terminò alla nona ripresa quando l’arbitro chiamò il medico per visionare una ferita allo zigomo del secondo, una ferita che ne aveva rallentato il rendimento fin dal terzo round. Quando l’incontro fu sospeso Ellis era in chiaro vantaggio per i giudici. Nell’altro incontro un po’ a sorpresa Thad Spencer superò Ernie Terrell. Gli altri iscritti al Torneo erano Karl Mildenberger, Oscar Bonavena, Floyd Patterson e Jerry Quarry. A vincere il torneo fu Jimmy Ellis che un anno dopo superò in finale Floyd Patterson, diventando campione per la WBA, mentre Joe Frazier era il campione per la NYSAC. Ellis divenne campione, ma Leotis Martin per certi versi non gli fu da meno visto che chiuse con un ko drammatico la carriera di Sonny Liston. Il fatto più curioso è che quel match disputato alla fine del 1969 fu l’ultimo per entrambi.

Record di Jimmy Ellis: + 40 (24 per ko), – 12, =1.

Record di Leotis Martin: + 31 (19 per ko), – 5.

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi