20882555_324517391341394_5148821153355826239_ndi Fausto Borgonzoni

La pugilistica Comacchiese di Davide Buzzi , in collaborazione con la Ferrara Boxe di Roberto Croce e con il patrocinio del comune di Comacchio, hanno voluto rendere omaggio a Nino Vicentini , dando vita al 1° Memorial a lui dedicato. Nino Vicentini , fondò la Pugilistica Comacchiese, della quale fu presidente e maestro, nell’ottobre del 1967, una società che negli anni ’70 raggiunse importanti risultati a livello nazionale con i vari Carlo Cavallari, Mario Cavalieri, Roberto Felletti, e poi ancora Gramolelli, Davide Buzzi (attuale maestro) e soprattutto Gianni Gelli che conquistò il titolo italiano professionisti dei pesi leggeri. Prima de, ll’incontro principale l’assessore Patuelli , sottolineando l’immenso bagaglio di valori umani e sportivi di Nino Vicentini, ha consegnato una targa ricordo al figlio Filippo. Presenti sul ring anche il presidente della nuova Pugilistica Comacchiese Angelo Carli, il maestro Davide Buzzi , che stanno cercando di rilanciare la nuova società, nonchè i pugili Marcello Matano, Orlando Fiordigiglio e L’ex campione Gianni Gelli. Il match clou della serata vedeva di fronte, per la categoria dei pesi welter e sulla distanza delle sei riprese, i professionisti Nicola Cristofori di Ferrara ed il piemontese Marco Delmestro. Cristofori prendeva subito in mano le redini del combattimento vincendo il primo round in scioltezza, senza affondare i colpi. Nella seconda ripresa un gancio sinistro arrivava alla mascella di Delmestro che cadeva al tappeto con il conseguente conteggio. Nel terzo round  è sempre Cristofori a comandare le operazioni, con Delmestro sempre più in affanno e costretto ad usare tutto il suo mestiere per arginare le azioni del giovane rivale, facendosi richiamare dall’arbitro Roda per le eccessive trattenute. Il quarto round era anche l’ultimo. Cristofori continuava il suo lavoro di lenta demolizione , ma Delmestro aveva una improvvisa reazione ,mettento a segno qualche colpo, prima di avvinghiarsi all’avversario e trascinarlo insieme a lui oltre le corde. Tornato all’angolo , capito che la benzina era finita, preferiva abbandonare.Per l’allievo del maestro Croce un buon collaudo, primadi un altro probabile incontro ad ottobre ( si parla di 8 round contro Giovanni D’Antoni) ed il successivo assalto alla corona tricolore entro la fine dell’anno.

RISULTATI : Dilettanti. YOUT. 73 Kg. Burroni (Boxe Aretina) b Antokhi (Ferrara Boxe) p. – 69 Kg. Brahima (Boxe Aretina) b Misteriosi (Regis BO) p.- SENIOR: 69 Kg. Astolfi (Tortoreto Boxe) b Bolognese (Pug. Comacchiese) p. – ELITE: 60 Kg. Khan Nawab ( Boxe Medicina) b Martino (Boxe Mugello) p.- 64 Kg, D’Addazio (Boxe Mugello) b El Assauli ( Boxe Medicina) Rsc.2. – 69Kg. Balducci ( Pug. Giuliese) b Aduina (Padova Ring) p. ARBITRI /Giudici. Roda (Bologna) – Giubelli (Ferrara) -Mordini (Ravenna ) e Guida (Ferrara). Medico .Dott. Bruno Fabbri – Commissario di Riunione . Sign ra Dragana Skabar.

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi