Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Fragomeni e Rossitto onorano l’ Unione Europea | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Fragomeni e Rossitto onorano l’ Unione Europea

di Fabio Nolfi

opi310707-1.gif Ieri Sera al centro Polivalente di San Genesio (PV), è andata in scena l’attesissima riunione, trasmessa in diretta su Eurosport e organizzata dalla Opi 2000 di Salvatore Cherchi, improntata sul titolo UE (Unione Europea) dei massimi leggeri tra Giacobbe Fragomeni e Vincenzo Rossito, che hanno dato vita a un match altamente spettacolare.

 piccirillo-michele-e-cherchi-salvatore-640×480.jpg

Il primo incontro della serata vede impegnati, il ventiseienne Domenico Spada (+23 -1, 12ko) e il trentaseienne ungherese Attila Kiss (+7 -42 =3, 1ko), il match non offre particolari emozioni poiché Kiss ha come unico obbiettivo quello di raggiungere in piedi la fine del match, infatti passa tutte e sei le riprese chiuso a testuggine, scagliando pochissimi colpi che non impensieriscono Spada, il quale scuote l’avversario nella quarta e nella sesta ripresa mentre nelle altre domina. Domenico come sempre, ha mostrato una buonissima condizione atletica. Vittoria ai punti di Spada.

Il secondo incontro della serata è quello tra Simona Galassi (+4 =2, 3ko) e la bulgara Svetla Taskova (+4 -20 =2, 1ko), purtroppo il tutto dura poco più di tre minuti, infatti durante la seconda ripresa uno scontro involontario delle teste apre un taglio sulla fronte di Simona e uno sull’arcata sopraccigliare della Taskova, la Galassi si è comunque guadagnata la prima ripresa, presentando una boxe più ordinata e efficace. No Decision.

Il terzo match della serata vede Gianluca Branco (+38 -2 =1, 20ko) dopo nove mesi di inattività, impegnato contro il ventinovenne polacco Arek Malek (+4 -10 =2, 2ko) che a dispetto di un record negativo si è mostrato avversario assai ostico, dando vita a uno degli incontri più piacevoli della serata. Gianluca parte piano, saggia il terreno col jab e forza un pochino sul finale di ripresa; la seconda fa vedere che il polacco non è venuto a fare presenza e la lotta inizia a inasprirsi; il terzo round è combattuto, Branco finisce alle corde in un paio d’occasioni ma reagisce bene e vince di stretta misura la ripresa; la quarta e la quinta ripresa sono le più dure per Malek che nonostante tutto continua a combattere con coraggio, gli ultimi tre minuti sono ancora di Branco che vince nettamente, però un grande applauso va a Malek che ha dimostrato grande carattere e coraggio. Vittoria ai punti di Branco.

La quarta sfida, ci permette di vedere all’opera l’ex campione europeo e mondiale Michele Piccirillo (+48 -3, 30ko), il quale disputerà a breve un’incontro per il titolo WBC dei superwelter contro l’americano Forrest; l’avversario di questa sera è il francese Sylvain Touzet (+9 -16, 4ko), anche lui venuto in italia per impegnare a fondo il nostro “Gentleman”.
Michele mette subito in mostra le sue doti, porta colpi puliti e non spreca nulla, nel secondo assalto viene sorpreso da due diretti destri del francese, Piccirillo si rimette in linea e nel finale costringe Touzet alle corde; la terza è tutta per il pugile di Modugno; le due riprese successive sono le più combattute e vedono Michele alle corde in più di un’occasione, l’ex europeo deve darci dentro per frenare l’avversario che si fa più aggressivo, nel finale il nostro pugile acquista mobilità e con un buon uso del sinistro frena l’iniziativa dell’avversario. Vittoria ai punti di Piccirillo.

Eccoci giunti all’evento clou della serata: l’atmosfera è caldissima, entrambi i pugili hanno molti sostenitori; l’arena è al completo, all’ingresso di Vincenzo Rossito (+34 -5 =2, 20ko) il baccano è parecchio (nonostante combatta a più di 1000 km da casa) ma quando entra Giacobbe Fragomeni (+23 -1, 10ko) sembra che debba venire giù il tetto, si fatica a richiamare l’attenzione quando Giacobbe viene premiato per aver disputato il miglior match europeo della passata stagione pugilistica, il silenzio arriva soltanto per l’inno, poi il pubblico si riaccende nel momento in cui i due contendenti si toccano i guantoni, via con la prima ripresa.
La prima ripresa vede Fragomeni guadagnare il centro ring, i due si scambiano fin da subito duri colpi, Rossito aspetta l’avversario ed entra in più di un’occasione col montante destro; dalla seconda alla quarta ripresa Vincenzo fa vedere le cose migliori, usa bene il montante destro e i diretti, colpisce e va via, Fragomeni fatica ad inquadrarlo anche se pian piano inizia a prendergli le misure.
Già al quinto round la stanchezza si vede, entrambi non si sono sprecati per nulla, il siciliano perde in mobilità e la pressione di Fragomeni si inizia a far sentire, Giacobbe va a segno più spesso, la sesta ripresa è molto combattuta; nella settima Giacobbe ha il sopravvento, Vincenzo reagisce nell’ ottava muovendosi di più sulle gambe e a mio modo di vedere porta a casa il round; il nono round è piacevolissimo, il pugile milanese sottopone Rossito a una lunga serie a due mani, il siciliano ne esce tuttavia bene e indovina qualche diretto.
Nel decimo Giacobbe si lancia all’attacco, ci sono duri scambi, Rossito è parecchio stanco, colpisce con i suoi diretti e va via, però Fragomeni sta lì e non lo molla, il round è molto equilibrato. Le due riprese finali sono per Fragomeni, Giacobbe carica come un toro, il centro polivalente esplode, ci sono scambi furibondi, i due sono stanchissimi, il più stanco appare Vincenzo, ma nessuno molla, Che match!
Eccoci al verdetto, 115-113, 116–112 e 116–113: vittoria unanime per Giacobbe Fragomeni, che ora è il nuovo campione EBU-EU dei cruiser.

 Per gentile concessione di www.boxenet.it