Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Libri: Paolo Patanè e Monica Torri – Gite fuoriporta nei dintorni di Milano Nord – | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Libri: Paolo Patanè e Monica Torri – Gite fuoriporta nei dintorni di Milano Nord –

di Giuliano Orlando

I tesori paesaggistici camminando o pedalando tra tesori di storia e arte.                                                     

Paolo Patanè e Monica Torri – Gite fuoriporta nei dintorni di Milano Nord –  edicicloeditore – Pag. 192 – Euro 18.00.

Negli anni ’50, con gli echi della Guerra che sfumavano per trasformarsi in operosità, si scopre che Milano è il 13° porto nazionale! In un’Italia devastata nella rete dei trasporti, tra macerie e ricostruzioni, i Navigli diventano la via d’acqua necessaria del momento. Questo fino al 1979, quando il barcone 6L-6043 compie l’ultimo viaggio, portando sabbia fino alla Darsena. Riporto l’introduzione del libro che riguarda le gite fuoriporta nei dintorni di Milano Nord. Si tratta di 40 itinerari che gli autori, che si confermano documentati e appassionati, illustrano con dovizia di particolari. Ci sono passeggiate per tutti in assoluto, tipo quello al lago d’Orta (No) visitando lo splendido borgo e salendo al Sacro Monte, tra ville stupende, arrivando fino a Oira sulla sponda occidentale, dove un tempo si cavava il Serpentino, marmo grigio verde. Ci sono gli itinerari nella zona di Verbania, da Mergozzo col suo bel Museo Archeologico a Domodossola che comprende itinerari tra i più interessanti, dal Monte Sacro al Giardino Glaciale degli orridi di Uriezzo. Per i più attrezzati l’arrampicata a Balmafredda, in una stretta gola con pareti a piombo, oggi palestra di arrampicata. Non meno interessanti le zone del varesotto, dal Parco Pineta a Tradate, che per i non conoscitori è una distesa verde sette volte più grande del Parco di Monza, con annesso il laghetto Ca’ Bianca, un delizioso specchio d’acqua. Imperdibile il lago di Pusiano vicino a Bosisio Parini sulla statale per Lecco, la cui storia si perde nel tempo, visto che ne parla Plinio il Vecchio nel primo secolo d.C.  L’isola dei Cipressi della famiglia Gavazzi, ricca di verde e di animali di svariate specie.  Nel lecchese merita assolutamente visitare i Forti Fuentes a Montecchio Nord, zona di Colico, dove sopravvivono i cannoni che non spararono mai un colpo.  Una struttura in ottimo stato, imponente e interessante che racconta nel suo assieme la linea difensiva dell’Italia contro gli Imperi Centrali europei. Nella bergamasca c’è solo l’imbarazzo della scelta. Iniziando dalla parte della città orobica meno nota, quella chiamata Alta, dai sotterranei alla funicolare che offre una vista mozzafiato, da Fuipiano in Valle Imagna a San Giovanni Bianco, dove i sentieri  sono numerosi come le margherite sui prati a primavera. Sembra incredibile, come in un libretto di contenute dimensioni, si possano scoprire tanti territori suggestivi e facili da raggiungere.