Clemente Russo non ce l’ha fatta. Il russo (purtroppo non è un gioco di parole) Rakhim Chakhkeiv lo ha battuto con uno striminzito 4 a 2 al termine di un incontro non bello ma palpitante. L’italiano nel primo round era sotto di 1 a 0, ma nel secondo riprendeva le redini del match e si portava sul 2 a 2. Corpo a corpo e prese di lotta diventavano il refrain del combattimento.

 Damiani ha cercato di scuotere il gigante di Marcianise, che si è la sciato irretire dall’avversario, dimostratosi più furbo e che lo ha costretto a non esprimersi. Indubbiamente dal match dei Mondiali vinto dall’italiano chi ne ha tratto le giuste considerazioni è stato Chakhkeiv, avviluppando il nostro alfiere in un groviglio di braccia da lasciarlo impantanato. Dopo un terzo round in cui il punteggio è rimasto al palo Clemente nel quarto round si è fatto sorprendere da un paio di colpi, che le macchinette implacabili hanno immortalato. Poco importa se qualche suo destro non ha ricevuto la  giusta considerazione, le realtà è che il russo con la erre minuscola ha azzeccato la tattica giusta. E’ comunque un argento importantissimo per il nostro pugilato; Clemente sul podio non ha saputo trattenere le lacrime, lacrime d’oro e il buffetto affettuoso di Pescante alla premiazione del ragazzo ci rappresenta tutti, orgogliosi di essere italiani come il poliziotto di Marcianise.

Di Alfredo

5 pensiero su “Per Russo medaglia d’argento e lacrime d’oro”
  1. effettivamente alfredo hai ragione chi ti conosce meglio di un allenatore, del proprio allenatore… bè avrà il tempo per rifarsi

  2. Le considerazioni fatte sono giuste.Clemente si è fatto irretire, il russo è stato furbo: ha adottto quella tattica scorretta e ostruzionistica e ha vinto. Clemente non ha saputo variare i temi quando era necessario. Per Cammarelle non c’era bisogno: si sapeva che era il più forte di gran lunga e che avrebbe vinto. Ritengo invece che a qualche pugile compreso Russo è mancato l’angolo. Molti ragazzi si allenano(compreso Russo)nelle Fiamme Oro e nell’Esercito. Sono seguiti per tutto l’anno da insegnanti validi come Giulio Coletta, Michele Caldarella e Cesare Frontaloni. Questi insegnanti conoscono pregi e difetti dei loro ragazzi senza nulla togliere a Damiani

  3. Ho seguito il match e nonostante le scorettezze del russo penso che Clemente non ha combattuto ai suoi livelli. Match bruttino e Clemente avrebbe dovuto fare molto di più usando inteligenza tattica invece si è fatto mettere nel sacco. Il russo tenevo molto bene la difesa e partendo da lontanto come faceva Clemente era difficile segnare i colpi.

  4. il punteggio è senza ombra di dubbio discutibile, la scorrettezza del russo ai limiti del consentito ma il match l’ha perso clemente partiva da lontano e si faceva infilare da quel volpone… peccato si meritava l’oro russo

  5. bah.

    Clemente Russo certo non ha brillato, ma il suo avversario era al limite del consentito, gli ha dato due gomitate ed una testata, metteva l’avambraccio sotto la gola ed alzava la testa di Russo, e l’arbitro di certo non si è fatto valere.

    Oltre a due montanti netti ed un destro che sia Benvenuti che io abbiamo visto in diretta, ma i giudici meno….

    certo è che se Russo fosse stato più lucido ed evitare di incazzarsi e caricare a testa bassa, facendo il gioco dell’avversario era meglio, ma è anche certo che il suo avversario NON ha meritato l’oro, l’ha vinto perchè Russo si è fatto prendere ma non certo perchè era più forte, visto che uno più forte non ha bisogno di trucchi per vincere.

    C’è solo da sperare che serva a Russo come esperienza, perchè diventi più freddo e meno emotivo e possa quindi sempre ed in ogni situazione dimostrare sul ring il suo grande valore, visto che è un ragazzo di cuore e che certo non si tira indietro ma che ha bisogno di maggiore lucidità e freddezza sul ring.

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi