Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Torna a Firenze la grande boxe con Fiordigiglio, Boschiero e Morello sfidati da forti inglesi | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Torna a Firenze la grande boxe con Fiordigiglio, Boschiero e Morello sfidati da forti inglesi

di Giuliano Orlando

Anche la boxe ha concluso o quasi, le vacanze estive. La OPI Since 82, dei Cherchi, riprende il filo agonistico legato alla Matchroom Boxing Italy in accordo con Eddie Hearn e l’emittente DAZN. Quello del 19 settembre, al Tuscany Hall di Firenze, è il sesto appuntamento di un programma che dovrebbe concludersi il 25 ottobre al nuovo Palalido di Milano, per riprendere dopo il rinnovo, sempre a Milano a dicembre. Al momento la città del Giglio, è la sede che ha già ospitato due serate e si appresta ad onorare la terza. In precedenza aveva dato il via all’accordo il 30 novembre 2018 e successivamente il 26 aprile 2019, con Fabio Turchi l’idolo di casa, sempre protagonista. Stavolta non ci sarà Fabio Turchi, impegnato l’11 ottobre a Trento, difendendo la cintura Internazionale Silver WBC cruiser, contro il pericoloso inglese residente a Belfast, Tommy Mc Carty (15-2), che l’11 luglio a Roma ha spedito kot Francesco Cataldo (7-6) al terzo round. A sostituirlo degnamente è stato chiamato Orlando Fiordigiglio (31-2), napoletano di nascita, ma aretino di residenza, che difende la cintura Internazionale superwelter IBF, conquistata dopo una sfida sofferta contro l’olandese di colore, Stephen Danyo (16-3-3). Non meno impegnativo l’avversario proposto a Firenze, si tratta dell’inglese Sam Eggington (26-6), già campione d’Europa, un guerriero che conosce solo l’assalto, incurante della difesa, dal pugno pesante. Lo scorso marzo è stato fermato di brutto dal connazionale Liam Smith (27-2-1), ex iridato, ma è rientrato in fretta con due vittorie ai punti contro rivali soft. Fiordigiglio rischia e non poco, ma se punta alla cintura europea, deve dimostrare di valere questo traguardo. Dal campo di allenamento, sembra che l’italiano abbia ritrovato la miglior condizione atletica, atta a tenere a bada  l’inglese. L’ex europeo e sfidante al mondiale superpiuma, il veneto Devis Boschiero (47-6-2) a dispetto dell’età (38 anni) è una garanzia di rendimento sul ring. L’allievo di Gino Freo, proprio a Firenze nello scorso novembre, disputò una prova maiuscola contro Martin Word (22-1), dieci anni più giovane, ai vertici mondiali, perdendo per split decision e ricevendo applausi dal pubblico fiorentino. Stavolta affronta l’imbattuto spagnolo Ivan Thomas (9-0-1) di 26 anni, per l’Internazionale superpiuma IBP vacante, sui dieci tempi. Esame importante anche per il calabrese residente a Bergamo, Dario Morello (15) recente vincitore a  Milano dell’ostico Ahmed El Hamwi, belga di radici magrebine, conquistando la cintura Global WBO welter, che difenderà a Firenze, affrontando  l’inglese Luther Clay (11-1), nativo del Sudafrica, 23 anni, da non sottovalutare assolutamente. Il cartellone prevede altri quattro incontri, tra cui il rientro di Mohammed Obbadi (19-1) già titolare UE, fiorentino d’adozione, nato a Casablanca, in Marocco, il 29 settembre 1993, residente da molti anni a Cascina a pochi km. da Pisa. Nei dilettanti ha disputato una settantina di incontro, vincendo tre volte il Guanto d’oro e vestendo la maglia azzurra. La volta scorsa Obbadi impiegò meno di un round a spedire KO Jerson Larios (7-7), del Nicaragua di stanza in Spagna, stavolta l’avversario sarà più impegnativo, essendo l’ultimo test prima di battersi per l’europeo mosca, di cui è lo sfidante ufficiale, in possesso del gallese Jay Harris (16), che nel frattempo (11 ottobre), affronterà l’irlandese del Nord,  Paddy Barnes (6-2), a Belfast. Sul ring fiorentino anche l’italo-basco, residente a Roma sotto la guida del maestro Agnuzzi, Sebastian Mendizabal (3) opposto a  Oruam Racso Romero (3-1), peruviano di 27 anni, stabilitos a Pontassieve (Fi) da anni, prima sconfitta ai  punti a Porto Garibaldi in casa di Zagatti, dopo tre vittorie a fila. Un altro toscano, il pisano  Nicola Henchiri (8-3-2), 29 anni, reduce dal pareggio contro Carafa per il titolo italiano superpiuma, trova il giovane lombardo di Gallarate, Andrea Sito (4-0-3), 23 anni, alla prova più impegnativa della carriera. Non vorremmo fosse per Sito un passo più lungo della gamba. Infine, Carmine Tommasone (19-1), al rientro dopo il tentativo mondiale piuma WBO, perduto con onore contro Oscar Valdez, primo passo per agganciare a tempi brevi l’opportunità europea.
Biglietti disponibili su TicketOne.it e BoxofficeToscana.it. Per maggiori dettagli telefonare al 338.7769949.