Il bolognese Enzo Farinelli vantò tre cinture italiane, due tra i pesi gallo ed una al limite dei piuma. La prima conquista la fece il 27 settembre 1969 a Cagliari, dove superò ai punti sulle 12 riprese il locale Carmelo Massa, per il vacante campionato dei pesi gallo. Abbandonò il titolo nel giugno del seguente anno alla vigilia della sfida portata al campione europeo della categoria Franco Zurlo, con il quale aveva pareggiato nel marzo 1969 nel primo tentativo tricolore; nella rivincita rimase sconfitto a Napoli con verdetto in 15 tempi. Nel giugno 1971 a Viareggio superò per squalifica Salvatore Fabrizio, nel confronto per il vacante campionato italiano dei gallo, e vinse la seconda cintura nella stessa divisione di peso. In dicembre, a La Spezia, cedette il primato nazionale al locale Antonio Sassarini per fuori combattimento nella dodicesima ed ultima ripresa. Tentò la terza conquista tra i pesi gallo nell’agosto 1972 a Genova, ma il calabrese Salvatore Fabrizio gli soffiò il successo al termine delle 12 riprese. Farinelli passò a militare nei pesi piuma e nel  marzo 1973 sfidò il campione italiano Elio Cotena, finendo sconfitto ai punti sui 12 tempi. Lo stesso anno, quando il napoletano lasciò vacante la cintura dei piuma, Farinelli si trovò a competere per il campionato italiano contro il toscano Bruno Pieracci: in ottobre a Rimini dispose nell’ultimo round del co-sfidante e si aggiudicò la sua terza corona nazionale. Tornò a La Spezia nell’aprile 1974 e per la seconda volta lasciò il suo alloro al locale Antonio Sassarini, passato nella nuova categoria, con verdetto ai punti. La parabola professionistica di Farinelli, iniziata nel febbraio 1967 a Bologna, si concluse nello stesso mese del 1976 in Brasile contro il due volte campione mondiale Eder Jofre. Lasciò la boxe dopo 47 confronti: 26-12-9.

Fonte www.sportenote.com

 

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi