conticavini007.jpg Si fa sempre più vicina la riunione da “Mille e una notte” che Rosanna Conti Cavini ha organizzato per Livorno il prossimo 21 settembre. L’impianto dove si terrà la manifestazione è quello del Palabastia di via Mastacchi 188, in zona San Marco, che per l’occasione si trasformerà in un nostrano MGM Grand di Las Vegas: quattro incontri di cui tre titolati, otto pugili italiani impegnati di cui sei della scuderia “Rosanna Conti Cavini-Gattopard”, quattro cinture in palio, spettacolo di pubblico assicurato dai numerosi appassionati livornesi, sono gli ingredienti di quella che si presenta indubbiamente come una delle più interessanti e appassionati notti nella storia della nostra boxe, che terrà certamente con il fiato sospeso anche i telespettatori di tutto il mondo attraverso la diretta di Rai Sport Sat.

 Uno spettacolo sportivo di cui Rosanna Conti Cavini invita a goderne dal vivo perché le premesse per una riunione da ricordare per molto tempo ci sono tutte. L’inizio della manifestazione è già programmato per le ore 20.

Gli appassionati di Livorno avranno la possibilità di “scaldarsi” con due match dilettanti: il prima serie livornese Lenny Bottai, allievo di belle speranze della Boxe Mugello, già presente in passato nelle riunione di Rosanna Conti Cavini, se la vedrà con Alessandro Bertenelli della Boxe Apuana, mentre il cadetto Nico Priori della Boxe Cecina sarà opposto a Michele Ciabattari dell’Accademia dello Sport. Passando ai professionisti, sarà la volta di Floriano Pagliara, 28enne peso leggero che sta facendosi largo nel panorama italiano a forza di pugni pesanti e grande generosità, con spettacolo nello spettacolo assicurato anche dai suoi “terribili” tifosi di Cecina che lo seguiranno in massa. Il suo avversario sarà il collega di scuderia Giuseppe Lo Faro, catanese neopro, che contro Pagliara ha sostenuto e perso il suo unico match sin qui disputato nello scorso aprile a Reggio Calabria. La sfida assume quindi il sapore agrodolce della rivincita.

Luca Micheal Pasqua, torinese di soli 24 anni, uno dei giovani virgulti della scuderia “Rosanna Conti Cavini-Gattopard”, a poco più di due anni dal passaggio al professionismo si troverà di fronte allo scoglio maggiore della sua ancora verde carriera. Il suo co-sfidante al vacante titolo italiano dei superwelter è infatti Tobia Giuseppe Loriga, pugile di già grande esperienza conosciuto per avere ben pochi punti deboli se è nella serata giusta, come dimostrò un anno e mezzo fa’ battendo a Ostia Sven Paris, l’ultimo detentore della cintura in palio a Livorno. Pasqua cercherà di mettere in difficoltà Loriga con la sua ormai nota predisposizione al ko, cosa che gli ha permesso di terminare prima del limite ben sette dei suoi dieci match vittoriosi. Cionondimeno Pasqua ha già dimostrato ottima tecnica di base e grande coraggio, ingredienti che danno al suo match caratteristiche di equilibrio e sicuro grande spettacolo. Quella tra Pasqua e Loriga è una sfida tra imbattuti che non deluderà certamente le attese degli appassionati.

tutti.jpg

Il pubblico di casa si scatenerà per sostenere Luca Tassi, 27enne livornese “doc” campione italiano dei pesi supermedi, che nella sua città conquistò il titolo contro Zuanel e lo difese contro Imparato. Tassi è uno pugili italiani più interessanti sotto l’aspetto tecnico, per la varietà dei colpi che sa portare e per la facilità con cui li raddoppia, e sotto l’aspetto della determinazione che sta migliorando match dopo match. Ancora giovanissimo a 27 anni, Tassi può inserirsi in quella tradizione italiana dei supermedi che tante soddisfazioni ha regalato alla boxe italiana, per ultimo Christian Sanavia, da poco campione Europeo. Superando questa sua seconda difesa tricolore non è per lui escluso un possibile tentativo di combattere per una cintura internazionale, anche se Rosanna e Umberto Cavini ne stanno seguendo con attenzione la carriera e conoscono perfettamente la strada da far fare al livornese. Molto più ostico di quanto non dicano i pronostici della vigilia è il match che lo vede confrontarsi con Antonio Di Feto, che a soli 28 anni ha però un’esperienza di molto superiore a quella del collega. Di Feto non ha mai conquistato un titolo, non possiede la tecnica di Tassi, ma è un combattente che va sempre coraggiosamente avanti e che non si intimidisce davanti ai colpi presi, mettendo in difficoltà l’avversario con la sua determinazione ad attaccare in ogni istante del match. In più a Livorno Di Feto arriverà con la voglia di sovvertire il pronostico e giocarsi appieno quella che può essere una delle ultime possibilità titolate della sua carriera.

Già basterebbero questi due titoli tricolori per far accorrere i tifosi della boxe italiana a Livorno. Per rendere il menu ancora più raffinato Rosanna Conti Cavini non ha badato a spese e vi ha inserito un confronto tra due grandi talenti italiani. In palio c’é non solo il titolo dell’Unione Europea dei superleggeri tra il detentore Michele Di Rocco e lo sfidante Giuseppe Lauri, ma anche il vacante titolo Wbc International, una vera e propria anticamera per una possibilità mondiale per l’Ente del presidente Sulaiman: in questo 2007 questa cintura è stata in possesso di fenomeni come il messicano Castillo e il britannico Ricky Hatton. Di Rocco non ha più bisogno di presentazioni: umbro di nascita e gitano d’origine, avvenenza fisica da attore cinematografico, a 25 anni è unanimemente considerato il talento migliore che ha la boxe italiana attualmente. Alla sua seconda difesa del titolo comunitario, Di Rocco ha dimostrato grandissimi progressi sotto l’aspetto della tenuta atletica e della potenza di esecuzione, sempre inseriti all’interno di una tecnica sopraffina. In più, non manca al talento di Bastia Umbra, appena trasferitosi a Grosseto, la determinazione per andare a vincere chiaramente ai punti anche all’estero, come successo lo scorso gennaio a Helsinki. La definitiva consacrazione che Di Rocco ancora attende può iniziare con il confronto di Livorno, nel quale il suo avversario sarà Giuseppe Lauri, uno dei migliori pugili italiani “pound for pound” degli ultimi dieci anni, che si è dovuto inchinare solo a gente con Hatton, Witter e Bami. Sfortunato nei due tentativi di conquista del titolo Europeo, Lauri è un pugile preparato e determinato a dare battaglia: per Michele Di Rocco rappresenta la chiave per potersi presentare a livello internazionale con tutte le carte in regola per ambire a un ruolo di protagonista. Naturalmente sarà la manager internazionale Rosanna Conti Cavini a seguirne passo dopo passo i progressi e a scegliere la strada più breve per arrivare presto al massimo possibile.

Programma, inizio ore 20 del 21 settembre 2007:

Dilettanti:

Cadetti: M. Ciabattari – N. Priori

Prima serie: L. Bottai – A. Bertenelli

Prof. Pesi Leggeri: F. Pagliara (6-1) – G. Lo Faro (0-1)

Campionato italiano pesi superwelter: L.M. Pasqua (10-0) – T.G. Loriga (22-0-1)

Campionato italiano pesi supermedi: L. Tassi (10-0) – A. Di Feto (12-11-5)

Campionato Unione Europea e International Wbc pesi superleggeri: M. Di Rocco (17-0-1) – G. Lauri (42-6)

Andrea Bacci – conticaviniboxe@libero.it

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi