canelo2Gli appassionati di boxe sono tornati con i piedi ben piantati per terra dopo la farsa avvenuta pochi giorni fa tra Mayweather jr. e McGregor, stavolta sullo stesso ring di Las Vegas e precisamente alla T-Mobile Arena domani notte (16 settembre) si svolgerà uno dei match più interessanti, che ogni organizzatore vorrebbe presentare. Per assurdo il giro d’affari, pur buono, è inferiore ma la sfida valevole per il mondiale dei medi tra il detentore WBA- WBC- IBF- Gennady Golvkin e lo sfidante Saul Canelo Alvarez merita in assoluto la copertina non del giorno o del mese, ma quella dell’anno visto che i due sono i più forti in assoluto. Dura da circa due anni la rincorsa a questo match, soprattutto perchè non si voleva bruciare il messicano dai capelli rossi. Adesso ci sono tutti i presupposti perchè Alvarez sembra essere maturato anche dal punto di vista tattico. Il giovane dopo la sua unica battuta d’arresto nel 2013 di fronte all’ “invincibile” Mayweather jr ha messo in luce i suoi progressi superando gente del calibro di Angulo, Lara, Kirkland, Cotto, Khan e Smith. Ha conquistato con Cotto il mondiale dei medi WBC, diventando questo il suo biglietto di presentazione per affrontare Golovkin, anche se nel suo ultimo match contro Julio Cesare Chavez jr. non ha certo entusiasmato.

Dall’altra parte c’è un campione che potrebbe essere giudicato in assoluto il numero uno di tutte le categorie. GGG è un frantumatore di avversari, un demolitore scientifico che non lascia “libero” il suo avversario. E’ la classica mentalità “o io o lui”. Per ora ha sempre avuto ragione lui su 37 avversari, di cui ben 33 non hanno sentito il gong dell’ultima ripresa. Il kazako che ha la residenza a Los Angeles, tra i dilettanti e i professionisti sta polverizzando ogni record avvicinandosi ai 400 match disputati.Chi pensa che sia solo un picchiatore si sbaglia perchè possiede un jab sinistro da far invidia a qualsiasi fenomeno. Gli scommettitori puntano su di lui, che è oltrettutto fisicamente un medio perfetto.

Saul Alvarez (+ 49, 34 per ko, – 1, = 1), 27 anni, ultimamente ha curato molto la parte fisica arrivando addirittura, lui superwelter, ad avere dei problemi di peso. Il messicano non ha la secchezza dei pugni di GGG, ma possiede comunque una notevole potenza. Sia lui che l’avversario hanno doti d’incassaggio di prim’ordine, il kazako non ha mai toccato il tappeto. Il loro match proprio per le loro caratteristiche potrebbe arrivare al limite come anche finire prima del tempo. Le soluzioni sono multiple e aperte ad ogni considerazione. Pronostici da superenalotto, ma con la certezza che sarà un match elettrizzante da seguire in piedi per chi avrà la possibilità e la fortuna di vederlo.

(alb)

Di Alfredo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi