Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Libri di Sport: 4818 Il Monte Bianco le sue storie e i suoi segreti – Paoli Pagi | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Libri di Sport: 4818 Il Monte Bianco le sue storie e i suoi segreti – Paoli Pagi

Viaggio nella memoria e nel futuro. Montagna ammantata di mistero e angoli nascosti.

4818 Il Monte Bianco le sue storie e i suoi segreti – Paoli Pagi – Corbaccio editore – Pag. 300 – Euro 19.90.

Avvolgente, convincente ed esaltante. Parliamo del Bianco, il punto più alto d’Europa. L’autore debutta così: Andare in montagna potrebbe apparire un comportamento da matti. Ci sarebbero ottime ragioni per tenersene alla larga. Eppure quel bubbone di granito protogino ha rivelato una sconcertante forza d’attrazione. L’uomo ne è stato fatalmente calamitato. L’ha trasformato in fabbrica, luogo di svago, laboratorio scientifico. L’ha addomesticato”. Tutto vero ma fino ad un certo punto. Il gigante è come un enorme bisonte in apparenza tranquillo, fino a quando si infuria e miete vittime. Questa è la montagna e questo il Bianco dai tre confini: svizzero, francese e italiano. Più della sua storia, ne viene raccontata la sua evoluzione, l’allargarsi dei confini, ovvero il terziario la ricchezza che l’avvolge. Sul Bianco sono arrivati reali e nobili, appassionati e modaioli, ma sul Bianco sono cresciuti fior di alpinisti, di guide che hanno firmato imprese e anche tragedie. Chamonix e Courmayeur non si sono mai amate, eppure vivono e prosperano da 200 anni, grazie all’ombra del monte che li protegge e minaccia da sempre. Recentemente si sono alleate per candidare il Bianco patrimonio culturale immateriale dell’Unesco. Impensabile la negazione. Se il Dente del Gigante è il simbolo principale, l’Aguille de Bionnassay, le Grandes Jorasses, il Montenvers, il Mont Dolens e la Brenva sono valletti di pietra al suo fianco. Laboratori per crescere e farsi esperti. Pareti e speroni, creste e graniti rossastri, come le truci saracche costanti compagni di ascesa e discesa. I nomi dei protagonisti sono ricordati con una precisione da certosino, fatti e ricorrenze, descritte con minuzia di particolari. Un libro di grande coinvolgimento.

Giuliano Orlando