Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Libri di Sport: Daniel Pinilla – Monchi i segreti del re Mida del calcio mondiale | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Libri di Sport: Daniel Pinilla – Monchi i segreti del re Mida del calcio mondiale

Da modesto portiere nel Sevilla a direttore sportivo della Roma.
Daniel Pinilla – Monchi i segreti del re Mida del calcio mondiale – Fandango Editore – Pag. 208 – Euro 17.50

Quando è arrivato alla Roma come direttore sportivo ha avuto il colpo di genio di farsi presentare da Francesco Totti che aveva appena chiuso col calcio attivo per entrare nel ruolo di dirigente. Ramon Rodriguez Verdejo, in arte Monchi, è il nuovo regista fuori dal campo della squadra giallorossa, colui che deve non solo far quadrare i conti della società ma saper acquistare e vendere in maniera positiva. Compito non facile, anche se questo signore si è fatto le ossa a Siviglia, la squadra nella quale arrivò nel 1988 a vent’anni come portiere di riserva. Per diverse stagioni fece tappezzeria, chiuso da titolari decisamente più bravi. Solo nel 1996 ebbe l’opportunità di diventare titolare in porta con buone prestazioni ma anche la sfortuna di retrocedere in seconda divisione. Dopo aver appeso scarpette e guanti al chiodo, la società gli affidò il ruolo di accompagnatore prima, e successivamente di direttore sportivo. Accettato con entusiasmo tanto dal fargli dire: “Avrei detto sì anche se mi avessero chiesto di dedicarmi a dipingere le linee del campo”. In poche stagione risollevò la società sull’orlo del fallimento, portandola a successi internazionali. Come fece? Usando la filosofia della doppia emme (Metodo Monchi), che dovrà ripetere all’ombra del Cupolone. Il libro traccia la strada da percorrere per avere i riscontri auspicati. Il modello imprenditoriale è un minuzioso studio per capire il momento degli acquisti e delle vendite, oltre a creare in simbiosi con l’allenatore il clima migliore a cominciare dallo spogliatoio. In particolare, se l’annata precedente à andata male, evitare di rivoluzionare la squadra. Sarebbe un grande errore. Studioso di tutte le situazioni delle società, prende in esame anche l’Athletico Club di Bilbao, che da sempre fa giocare solo calciatori baschi. Non è un esempio da seguire, anche se va attentamente seguito. L’ultima domanda: per la Roma quale ricetta ha inventato?

(Giuliano Orlando)