Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

7 ottobre 1966: Pietro Ziino un livornese di origine siciliana | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

7 ottobre 1966: Pietro Ziino un livornese di origine siciliana

Il livornese di origine siciliana Pietro Ziino fece la sua prima difesa del titolo italiano dei pesi leggeri il 7 ottobre 1966 a Pavia, mettendo in gioco la sua cintura contro il locale Giordano Campari, già titolare nazionale dei pesi piuma e dei pesi leggeri. L’incontro finì all’ottava ripresa con il risultato di no-contest derivato da reciproche ferite dei due avversari che hanno imposto lo stop ad entrambi. Ziino debuttò a torso nudo nel giugno 1962 e disputò il suo primo campionato tricolore nel giugno 1966 a San Donà di Piave, in provincia di Venezia, con la sfida al campione Aldo Pravisani, che superò nel sesto tempo dopo che una ferita del friulano gli ostacolò il proseguimento nella difesa del titolo. Nel Santo Stefano pugilistico ravennate di quell’anno Ziino cedette il suo primato italiano allo sfidante locale Enrico Barlatti, con il quale aveva pareggiato sullo stesso ring nell’ottobre di due anni prima, assoggettato alla decisione di squalifica disposta dall’arbitro nella settima frazione. Dopo un 1967 ricco di soddisfazioni, Ziino provò a farsi largo in campo continentale, affrontando a Livorno nel febbraio 1968 l’ex coronato europeo della categoria, il francese Maurice Tavant, contro il quale non superò la nona ripresa. Nel dicembre seguente tornò ad interessarsi del campionato italiano posseduto da Bruno Melissano, ma un pari deciso sul ring di Pesaro gli negò la seconda fascia tricolore. Nell’aprile dell’anno successivo disputò la semifinale al titolo italiano con Italo Biscotti a Torino, perdendo la sfida nel corso dell’ottavo tempo. Lasciò la scena con il record di 34 incontri (21-6-6-1 NC), dopo l’insuccesso rimediato in giugno a Cagliari contro il locale Antonio Puddu.

Fonte www.sportenote.com