Di Carlo Di Blasi

Carlo Di BlasiLa notizia della vittoria di Giorgio Petrosyan nell’unico vero Campionato del Mondo a torneo che esista a livello mondiale ( e non vi è polemica in questa mia dichiarazione ma solo sottolineatura per l’importanza del titolo) è esplosa in tutti i siti internet. Unici veri canali di comunicazione al passo con i tempi, rispetto ahimè ai quotidiani nazionali sportivi che ci snobbano da sempre. Già sui blog e nelle palestre ci si interroga sul futuro  di Giorgio e sui prossimi appuntamenti  del fighter della satori di Gorizia. Prima è necessario fare alcune puntualizzazioni.

ANALISI DEL TORNEO

Giorgio ha vinto imponendosi in tutto il torneo rendendo inoffensivi i suoi avversari. Questo è un suo merito e non un demerito dei fighters opposti. Lo spiego da anni, da quando a ogni match c’era chi diceva ”eh ma devi trovare avversari più forti …” gli avversari erano fortissimi Magomedov, braccio rotto a Oktagon 2007, Mickel Colaj, surlassato a Oktagon 2008, poi finalmente Andy Souwer, battuto all’extra round Oktagon 2009.
Così Gengis Khan Askerov, KO aprile 2009 a Fukuoka, (che  vedrete a Oktagon 2010 contro Armen Petrosyan), e Albert Kraus, surclassato a Luglio 2009 a Tokyo, (il suo coach dopo il match lo ha accusato di mancanza di aggressività sul ring e ancora un po’ finiva a botte tra di loro …) e Yuya Yamamoto, KO al primo round in semifinale, ma Yamamoto aveva fatto la guerra con Gago Drago nel Gala precedente.
E poi Andy Souwer … la finale ha chiarito a quanti ancora vedevano Andy come il n, 1 mondiale del K1 che oggi “c’è un nuovo sceriffo in città”. Andy è salito sul ring con un occhio pesto dal match predente (tra l’altro vinto molto sul filo di lana contro Buakaw…) e una ferita tamponata (male …) dai suoi coach, ma Giorgio non aveva il pugno destro… eh si perché se lo era fratturato contro il cranio di Yamamoto ( i Giaps non lasciano fare le bendature come in Europa e questo crea problemi…)
Quindi era  un match in cui entrambi non erano al 100% delle proprie possibilità. Eppure Giorgio lo ha davvero umiliato. La faccia del team olandese era oggettivamente uno spettacolo: tutti ammutoliti al verdetto con il muso lungo. loro lo hanno capito: è iniziata l’era Petrosyan !

IL FUTURO DI GIORGIO

Tutti si interrogano e ora ? ora al suo palmares di vittorie mancano due trofei:
Buakaw Por pramuk  e Arthur Kyshenko

Il primo sarà di fronte a lui a OKTAGON sabato 13 marzo 2010 al Palasharp. Il secondo l’ho già opzionato. per l’Italia  in data da definirsi. Ma prima c’è un cliente straordinario: Masato il vincitore del K1 World Max 2008..

LA QUESTIONE MASATO
Masato dopo il match contro Souwer è salito sul ring vestito come un “fighetto milanese” (sono di Milano e li conosco bene…) con il suo cappotto tre quarti nero elegantissimo ed ha chiesto a Giorgio “sei libero il 31 dicembre?” e Giorgio ha subito risposto “certo e ti vedo volentieri …”
Vi giuro che la faccia di Masato era più simile a quella di un condannato a morte che quella del campione uscente. Ma la faccia più espressiva nella sua pur rigidità è stata quella di Tanikawa. Il Presidente mondiale del FEG, la società che ha i diritti del K1 nel mondo, che aveva detto i giorni prima: “Petrosyan con quello stile non potrà mai vincere il K1 World Max …” Oggi si sta profilando per lui  ed i giaps della sua organizzazione un problema serio.

IL PROBLEMA ITALIA
L’Italia per i nipponici del K1 rappresenta un problema articolato. Abbiamo il Campione in carica e non siamo dipendenti da loro, perché Giorgio ha già assicurati tra olanda e Italia i match che gli servono. Inoltre abbiamo la forza di invitare gli atleti più interessanti del circuito K1. A riprova di questo i giaps già hanno iniziato a dire che la rivincita Petrosyan Vs Buakaw la vorrebbero fare loro … inoltre essendo legati al cartello europeo “IT’S SHOW TIME”, di cui siamo l’alleato più forte, non siamo ricattabili in alcun modo. In sintesi non siamo condizionabili e soprattutto sono loro che hanno bisogno di Giorgio e non il contrario. Quindi ? quindi Giorgio adesso deve pensare a guarire bene, senza fretta e a pianificare i suoi prossimi ,match .

I PROSSIMI APPUNTAMENTI
Il titolo mondiale IT’S SHOW TIME – 70 KG CONTRO Murat Direcki di sabato 21 novembre ovviamente salta. Resta l’ipotesi Masato a capodanno a Tokyo se sarà di nuovo con la mano pronta ad abbattersi sul Nipponico e se le condizioni contrattuali saranno quelle richieste da noi. Poi Giorgio sarà  Torino il 30 gennaio contro  il francese Mohamed Daiby.
Poi ci sarà la grande sfida contro Buakaw Por Pramuk  a Milano sabato 13 marzo  a  Oktagon. E poi il ciclo continua sulla base dei nuovi accordi fatti con il K1.
Posso anticiparvi che all’Amsterdam Arena a Maggio si parla di Nicky Holtzken quale prossima sua “vittima”, ops … volevo dire sfidante.
Una carriera di cui vi terremo al corrente tramite siti, riviste di settore e Dahlia Tv e Italia Uno che ne seguono fino a Marzo 2010 le avventure per noi.

Di Massimo

4 pensiero su “C’è un nuovo sceriffo in città: Inizia l’era Petrosyan”
  1. …come solo un certo Ramon Dekkers è riuscito a fare fino ad oggi ed a mio avviso il migliore di tutti i tempi, ma in Giorgio vedo l’unico che potrebbe mai eguagliarlo!

  2. …come solo un certo Ramon Dekkers è riuscito a fare fino ad oggi ed a mio avviso il migliore di tutti i tempi, ma in Giorgio vedo l’unico che potrebbe mai eguagliarlo!

  3. Grande Petrosian!!! Prendiamo spunto dal suo talento, dal suo stile, dalla sua tenacia e soprattutto dalla sua umiltà, per portare nel mondo anche la nostra bandiera e dimostrare che in Italia ci sono dei validissimi fighters pronti a sfidare e a confrontarsi con i più blasonati e altisonanti “Campioni” esteri. Continuiamo così! Andiamo avanti sempre di più, ogni ostacolo si può superare!

  4. Petrosian e’ uno dei piu’ grandi talenti mondiali . Se adesso non incontra Masato tutte le chiacchiere politiche che leggo saranno inutili ..Masato e Petrosian hanno un appuntamento e chi non si presenta e’ perdente!! Orami ha un livello tale per tornale al Lunpinee, dove ha preso la sua sconfitta da un ragazzino del Por Pramuk GYM di chachensao . In Italia pensate ancora a Buakaw che e’ un pugile ormai finito per i circuiti Thailandesi per rendere onore a Giorgio fatelo tornate a fare la Muay Thai , lo sport duro con gomiti e clinch mettigli davanti Sudsakorn o Yodsanklai prima che sia anche lui un pugile datato .. e ti dico di piu’ > se inviti Sengchai Sor Kingstar anche se piu’ leggero ..per soldi accetta . Allora consacri il Dottor Petrosian!! scusate se parlo di Muay Thai ..ma e; da li che arriva Giorgio Petrosian e li puo’ tornare a prendersi il titolo di RE del mondo ..

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi