davide-bucciconi2.jpgDavide Buccioni assapora nel suo studio con il classico riposo del guerriero il successo e gli echi della riunione da lui organizzata il 9 giugno, che ha visto protagonisti all’ex Pallacorda Giorgio Marinelli e Michele Di Rocco davanti a circa 4000 persone. Il promoter romano nell’arco di due anni e mezzo è riuscito, in una sorta di mission impossible, ad invertire la rotta organizzativa che vedeva la boxe nella Capitale in caduta libera.

Una delle sue caratteristiche è quella di salire sul ring con il microfono in mano

“Deriva dal fatto di aver riportato tanta gente a vedere la boxe” ci spiega “Ho dovuto bussare alla porta di tantissime persone. Una sorta di porta a porta come fa il venditore. La gente ha imparato a conoscermi e io mi sono sempre fatto garante della validità di ogni incontro. In pratica vengono perché sono invitati da me. Ecco perché ogni volta salgo sul ring e ringrazio sempre il pubblico, che è l’anima portante”.

La boxe è il tuo lavoro, c’è qualcosa con cui la baratteresti?

“ In questo momento con nessun altra cosa, perché più soffro e più mi piace, anche se vorrei un po’ di tranquillità. Organizzare eventi in Italia e a Roma è molto stressante. Non lo scambierei con nessun altro mestiere, perché sono riuscito a riportare 4000 persone a vedere una riunione di pugilato, cosa che non avveniva da parecchi anni e che in molti, soprattutto quelli della generazione precedente alla mia, chiedevano”.

Hai un sogno nel cassetto?

“ Proprio perché è un sogno non lo dovrei dire, ma nel mio cervello c’è un Palalottomatica da riempire.Non dico che ci siamo vicini, ma sulla buona strada si”.

A quale organizzatore vorresti assomigliare, qual è il tuo modello?

“ Con il primo Rino Tommasi senza televisione, che aveva la fortuna di gestire dei grandi campioni. Mi rapporto con lui perché entrambi abbiamo puntato e puntiamo sul botteghino, sulla gente. Il pugilato è uno sport popolare, di massa come avviene in Messico, nel Centroamerica, a Cuba e nei paesi dell’Est”.

Di Alfredo

6 pensiero su “Davide Buccioni, un promoter “Porta a Porta””
  1. Buccioni è riuscito a riportare gli appassionati di boxe intorno ad un ring,quello che non riusciva a fare nessuno a Roma.Diamo a cesare quello che è di cesare.Bravo Buccioni

  2. Si sapeva che Buccioni èra una bolla d’aria…si è sgonfiato come un palloncino, e se ha fatto qualcosa lo deve al fratello Massimo.

  3. Che fine ha fatto Buccioni? Qualcuno ha qualche notizia del “promoter porta a porta” ?

  4. […] TOP 10 ARTICOLI A.S. Gladiators Fighters Club (396)Boxe: Marinelli vs Di Rocco…una sfida d’altri tempi (362)Chi Siamo (285)Stage di Wing Tsun con Victor Gutierrez a Roma il 26 ottobre 2006 (266)Davide Buccioni, un promoter “Porta a Porta” (240)Sulle frequenze di Vincenzo Cantatore. Campione di vita fuori e dentro il ring. (231)Stefano Fiermonte…nuovi impulsi. (226)Pugilato: Roma e Porto Torres ambasciatori dell’ Unione Europea (204)Abbonamento (176)Fuori i secondi e dentro il primo che c’è in ognuno di voi (125) […]

  5. Leggendo questo posto mi sono ritornati alla mente le telecronache anni ’80 del grande Rino Tommasi…quanta nostalgia!

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi