Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Gabriele De Santis: in guantoni da 67 anni | 2Out.it – Seconds Out – Free Sport Magazine

Gabriele De Santis: in guantoni da 67 anni

desanctis.jpg

Oggi ha ottant’anni e, anche andando molto indietro con la memoria, non ricorda un momento in cui la boxe non abbia fatto parte della sua vita. E’ Gabriele De Santis, vice presidente e insegnante della A.S Cristoforo Colombo, in via Tacito 39/A, nei pressi di piazza Cavour. La prima volta che ha messo piede nella palestra di pugilato aveva tredici anni. “Ho iniziato perché mi piaceva fare a pugni. Quando ero piccolo io, tra i quartieri di Roma c’era sempre un po’ di rivalità e non passava un pomeriggio in cui non si facesse a botte, e io mi divertivo”. Un giorno, per caso, passeggiando, è passato davanti alla Colombo. “Ho desiderato subito entrare a farne parte ma non mi potevo iscrivere perché la retta costava cinque lire e io, a quel tempo, non le avevo. Poi mio cugino mi ha prestato i soldi. Dopo il primo mese, però, quando il mio allenatore ha visto che ero bravo, non ho più pagato”. E da quel momento la Colombo è stata la sua seconda casa. Per anni si è allenato insieme a pugili del calibro di Belardinelli, campione italiano negli anni Quaranta, e del campione europeo Urbinati. “Quando mi allenavo, rubavo con gli occhi da quelli più bravi di me. Guardare e imparare mi è servito molto di più delle lezioni teoriche”. A vent’anni è diventato professionista e ha disputato nove incontri finché non ha smesso. Un’infiammazione ai tendini lo ha costretto a ritirarsi presto dall’attività agonistica ma non è bastata per farlo allontanare dalla boxe.

Da allora De Santis si è dedicato all’insegnamento con stessa passione che metteva sul ring da atleta. Dalle sue mani sono passati tanti campioni come Salvatore Burroni, vincitore del titolo mondiale negli anni Cinquanta, e Federico Scarponi, campione mondiale nello stesso periodo. “Il pugilato bisogna averlo nel sangue. E’ uno sport duro, si prendono i pugni e se non hai la passione non vale la pena andare avanti. Io insegno, prima di tutto, la difesa e il gioco di gambe. Non è importante picchiare forte ma difendersi”

7 Responses to Gabriele De Santis: in guantoni da 67 anni

  1. Gabriele il tuo pugile Ti rende Onore!

  2. giovanni calabresi

    Sono stato suo allievo per tanti anni alla C.Colombo, era fantastico vedere con che facilità riusciva a impostare i ragazzi, per lavoro sono stato in altre palestre, Genova, Napoli ma nessun maestro e mi sono allenato con tanti blasonati é come lui , poi siamo anche paesani, lui di Santa Vittoria io di Bacugno.

  3. pierpaolo sono lupano fabrizio pugile dilettante del tuo periodo ma come si fà il prof collaudatore all estero?
    aspetto delucidazioni!!!!!
    rispondi anche sulla mia email
    fabrizio

  4. pippo cardinali

    da gabriele mi sono allenato dal 1986 al 1993 poi ho girato come i rom altre palestre. in vecchiaia, ora ho 46 anni e faccio il prof collaudatore all’estero,sono ritornato ad allenarmi da lui. perche’? e’ un concentrato di esperienza e saggezza che e’ utile a qualsiasi pugile navigato. finche’ il buon Dio lo consente non si puo’ perdere questa occasione!!Pier Paolo Cardinali; 215 incontri da dilettante e 8 da prof.

  5. “Nun ce devi mette’ ‘a forza e arza su ‘e mano”..con la voce rauca, autenticamnte romana Gabriele ci insegna e ci trasmette la passione di uno sport che oltre alla tecinca, alla forza e alla velocità richiede quei valori di vita che, come il coraggio, la lealtà sportiva, il rispetto, il senso del sacrficio, possono essere impartiti e acquisti solo da chi ci crede veramente. Gabriele in questi valori ci crede eccome ed andare alla colombo per ascoltare le sue tante storie e i suoi tanti aneddotti sulla boxe ripaga di tutte le fatiche dei duri allenamenti e dà lo stimolo per continuare a migliorare in questo stupendo sport. Grazie maestro!

  6. è semplicemente stupendo…vedere un vekkietto così arzillo, così scattante e pieno di energia e tecnica…ogni gg vederlo muovere sulle sue gambe e spiegarti i colpi è un vero spettacolo…lui nn boxa semplicemente, lui danza boxando..grande gabriele di tt…quoto con sandro!!!! veniteeeeeeeeeeee, bella sandrooooo

  7. Il numero uno nella boxe italiana(secondo il mio modesto parere) mi ha fatto appassionare alla boxe e mi insegna moltissimo e grazie a lui sto facendo passi da gigante consiglio a tutti di andare alla Colombo boxe e capirete